Quando l’ansia è un problema fisico: capire i sintomi e combatterli

L’anno scorso, una signora mi arriva dicendo “non sono mai stata una persona ansiosa, ma da quando ho avuto il colpo di frusta, mi vengono gli attacchi di panico ogni volta che entro in un centro commerciale“.

Nessuno aveva dato importanza a questa cosa, in quanto tutti i medici che l’avevano vista davano per scontato il binomio donna-ansia.

Ed invece l’importanza gli andava data: le ho applicato la tecnica Cervical System, fatto fare qualche esercizio del mio corso CERVICALE STOP!,e nel giro di un mese il sintomo è scomparso per non presentarsi più.

Probabilmente, non c’è bisogno che ti spieghi che l’ansia può portare sintomi fisici (tra poco li vediamo), in particolare che l’ansia può fortemente aumentare la tensione dei tuoi muscoli.

Ma hai mai pensato che potrebbe anche essere….il contrario?

IN QUESTO ARTICOLO IMPARERAI:

  • perchè l'ansia può avere anche cause fisiche, non solo sintomi
  • come riconoscere se la tua ansia è provocata da un problema fisico
  • come migliorare la situazione con una apposita strategia

Per capire meglio la causa dei tuoi problemi, abbiamo un nuovo prodotto: si chiama "Comprendi i tuoi sintomi", ed è un mini-corso che ti darà anche la possibilità di analizzare la situazione tramite un test di auto-valutazione software, che si basa sui tuoi sintomi e sulle tue caratteristiche.

"Comprendi i tuoi sintomi" lo puoi trovare cliccando sul pulsante qui sotto.

 

Voglio comprendere i miei sintomi!

 

E se non fosse l'ansia a provocarti la classica costrizione al petto, ma proprio la rigidità della gabbia toracica (che magari ha avuto un trauma) a crearti sintomi d'ansia?

Il disturbo d'ansia generalizzato è estremamente diffuso, e purtroppo le sue caratteristiche sono decisamente multiformi.

Ho già parlato, nell'articolo su ansia e stress nervoso, dell'impatto che il disturbo d'ansia ha nel creare sintomi fisici, in particolare muscolari.

Oggi voglio parlarti di come alcuni particolari problemi fisici possano crearti un disturbo d'ansia, che magari prima non avevi e del quale non riesci a capire i motivi: si tratta di ipotesi da prendere in considerazione, sopratutto se hai avuto qualche incidente o problema scheletrico significativo.

In un buon numero di casi, potresti avere avuto un "terreno già fertile" per l'ansia, ed i fattori che vedremo tra poco possono aver fatto il resto.

Il rapporto tra cause e sintomi diversi , oltre ad essere un tema centrale di L'Altra Riabilitazione, è l'oggetto del mio mini corso "Comprendi i tuoi sintomi": si tratta di un veloce corso che spiega come sintomi molto diversi tra loro possano essere figli di un'unica causa, che magari appartiene a tutt'altro ambito.

Il mini-corso comprende un test di auto valutazione per capire nel tuo caso specifico quali possano essere le cause dei tuoi disturbi, e cosa fare a riguardo: sarà disponibile dal 9 giugno ma puoi prenotare la tua copia qui.

Bene, ora vediamo un po' di sintomi dell'ansia,  parliamo del perchè possano essere provocati da un problema fisico, e vediamo come capirlo.

Sintomi fisici e sintomi psichici dell'ansia

sintomi-ansia

Sintomi fisici

  • Dolori muscolari generalizzati
  • Tremori e fascicolazioni
  • Vertigini
  • Sensazione di "testa vuota"
  • Sbandamenti
  • Perdita di memoria a breve termine
  • Nausea
  • Gonfiori
  • Colon irritabile
  • Gastrite e bruciori di stomaco
  • Sensazione di oppressione toracica
  • Respiro corto
  • Nodo alla gola
  • Tachicardia
  • Extrasistole
  • Palpitazioni
  • Urgenza urinaria
  • Tendenza alle auto immunità (dermatiti, psoriasi)
  • Disturbo del sonno

Sintomi psichici

  • Irrequietezza
  • Irritabilità
  • Sensazione di minaccia costante
  • Pensieri ossessivi
  • Agitazione

 

Possibili cause fisiche dell'ansia

Quelli che hai visto qui sopra sono alcuni dei SINTOMI dell'ansia, ora ragioniamo sulle CAUSE, che è la cosa più importante, come spiego nel mio mini-corso "Comprendi i tuoi sintomi".

Lasciamo da parte tutte le possibili cause "classiche": infanzia in un ambiente ansioso, predisposizione, traumi emotivi… voglio concentrarmi su quella categoria di persone che NON E' NATA ANSIOSA, ma che improvvisamente si trova con sintomi d'ansia.

Perchè può succedere questo?

Causa fisica di ansia #1: il blocco del diaframma e dello psoas

E' ampiamente riconosciuta la correlazione tra diaframma e ansia, tanto che la respirazione diaframmatica è una delle principali tecniche che viene insegnata per calmare un attacco di panico.

La relazione è semplice: quando aumenta l'attività del sistema nervoso, aumenta di conseguenza l'attività e lo stato di contrattura del diaframma, perchè quando siamo sotto stress la prima cosa che facciamo è bloccare la respirazione.

MA...

A volte succede il contrario: se hai avuto un trauma vertebrale, toracico o costale, oppure se passi davvero tanto tempo seduto e chinato in avanti, il tuo diaframma potrebbe essersi irrigidito per cause puramente fisiche.

A questo punto, in occasioni dove è necessario espandere la gabbia toracica (ad esempio leggero sforzo fisico), questa non riuscirà ad espandersi a dovere: immediatamente proverai "fame d'aria" e sintomi simili ad un attacco di panico.

Nella mia esperienza, posso dire che questo succede anche in caso di forte contrattura del muscolo PSOAS.

Lo PSOAS è un grande muscolo dell'arto inferiore, saldamente attaccato alla schiena, e del tutto in continuità con il diaframma: in caso di problemi della bassa schiena questo può entrare in tensione e "trascinare" il diaframma, creando una situazione del tutto analoga alla precedente.

I sintomi d'ansia legati alla rigidità toracica tendono ad evocarsi in determinate occasioni (come lo sforzo): molto difficilmente un disturbo d'ansia che avverti in maniera diffusa può essere attribuito ad un problema della colonna vertebrale

Causa fisica di ansia #2: gonfiori di stomaco ed ernia jatale

Il meccanismo attraverso il quale problemi di gonfiore di stomaco possono creare sintomi d'ansia è del tutto analogo al precedente, in quanto lo stomaco è in stretta continuità con il diaframma: un aumento di volume causato da anomala presenza di aria, oppure dalla presenza di ernia jatale, può creare sollecitazioni al muscolo cardiaco ed al nervo vago, generando sintomi ansiosi.

In genere, chi ha questo tipo di problema nota una certa correlazione con i pasti.

Causa fisica di ansia #3: i problemi agli occhi

Nell'articolo "Occhi stanchi, cefalea e sbandamenti sono collegati e si possono risolvere", ho spiegato come a volte problemi dei muscoli oculari (che attenzione bene, non vuol dire problemi di vista, leggi l'articolo per maggiori informazioni) possano rendersi responsabili della genesi di veri e propri attacchi di panico.

Come è possibile?

Semplice: l'occhio è il tuo "informatore" più importante sull'ambiente esterno.

Tutte le informazioni che provengono da lui vengono elaborate dal cervello, il quale programma molte delle nostre azioni in base a quello che stiamo vedendo.

Se a causa di un problema ai muscoli oculari (capita spesso in chi ha avuto traumi cervicali o traumi cranici), l'informazione arriva anche solo minimamente distorta, ecco che per il cervello scatta una modalità di "massimo allarme".

Generalmente, chi ha questo tipo di problema lo avverte in situazioni come spazi aperti e ricchi di luce, come i centri commerciali, oppure in situazioni dove è richiesta una grande coordinazione dell'occhio (ad es. guidando in autostrada): insomma, la mia signora che ho citato ad inizio articolo.

Causa fisica di ansia #4: i problemi cervicali

cervicale-nervo-vago

Ho creato un intero corso sul disturbo cervicale, ed una quantità notevole di articoli, potevo non citarlo?

Attenzione attenzione però: è molto improbabile che sia un disturbo cervicale a provocare stato d'ansia, ma è assai più probabile il contrario.

Cosa può succedere?

Principalmente questo: in caso di trauma cervicale (colpo di frusta o caduta) può esserci una distorsione dei legamenti, ed un aumento dello stato di contrattura dei muscoli.

Quando la contrattura è forte, questa si associa spesso a turbe dell'equilibrio (sbandamenti), i quali a loro volta gettano il soggetto nel panico.

Di solito chi ha crisi d'ansia causate da un problema cervicale ha in anamnesi una qualche forma di trauma, altrimenti è più probabile il percorso inverso.

Questi soggetti rispondono bene alle strategie indicate in CERVICALE STOP! ed al trattamento Cervical System.

Causa fisica di ansia #5: squilibrio di minerali

L'ansia è un problema "dei nervi", più precisamente si tratta di nervi troppo attivi.

Come funzionano i nervi? Con la corrente elettrica, esattamente come un circuito domestico.

Come si trasmette la corrente elettrica nel corpo umano? Attraverso lo scambio di minerali, principalmente potassio, calcio e magnesio.

Sopratutto nelle persone con pochi muscoli (i quali sono grandi riserve di minerali), può capitare che la conduzione elettrica sia disturbata dall'alterato equilibrio dei minerali: in genere queste persone avvertono ansia sopratutto quando fa caldo, dato che la sudorazione li impoverisce ulteriormente di sali.

 

Come capire se l'ansia è causata da un problema fisico e cosa fare

personal-trainer

Mica facile: parliamo di uno dei sintomi più diffusi e legati a più fattori che si conoscano.

Premettendo che i casi di ansia causata da problemi fisici sono forse una minoranza, potresti incominciare guardando l'elenco precedente e controllando se ti riconosci in qualcuna delle situazioni che ho elencato.

Se vuoi un test più preciso, ti consiglio il mio mini-corso "Comprendi i tuoi sintomi": si tratta di un prodotto che ti spiegherà i possibili collegamenti tra i vari sintomi, ma che sopratutto ti farà la valutazione online più precisa che si possa fare, tramite un test di autovalutazione software.

 

Una strategia per combattere l'ansia "fisica"

Se ti sei riconosciuto in qualcuna delle situazioni precedenti, o se semplicemente "le hai provate tutte, proviamo anche questa", ecco una strategia per combattere l'ansia "a largo spettro".

#1 recupera la mobilità diaframmatica e allunga lo psoas

Questa è una buona idea in ogni caso: recuperare una buona respirazione diaframmatica aiuta anche quando l'ansia ha cause puramente psichiche.

Molto semplicemente, segui la mia guida alla corretta respirazione.

Ovviamente, puoi trarre molto beneficio anche dall'allungamento dello psoas, per i rapporti che abbiamo visto con il muscolo diaframma.

Ecco come fare in un mio video di qualche anno fa

#2 favorisci una corretta digestione e "affama l'ansia"

Anche qui, mangiare bene è una buona idea comunque sai?

Consulta l'articolo "Gonfiori e dolori addominali: dallo stress alla disfunzione digestiva", troverai numerosi spunti su come mangiare e su quali accorgimenti utilizzare.

Una delle strategie che preferisco è quella di "affamare l'ansia" togliendo qualsiasi forma di carboidrato o zucchero da dopo il pranzo in poi: il cervello è un organo goloso di zuccheri, e se non gli vengono forniti in eccesso, è costretto a rallentare il suo metabolismo.

Ci vuole qualche giorno di abitudine, ma funziona.

#3 testa ed allena i tuoi occhi

Trovi tutto ciò che devi sapere sui muscoli oculari nell'articolo "Occhi stanchi, cefalea e sbandamenti sono collegati e si possono risolvere" il quale, lo ammetto, è un bel papiro.

Per capire se ti può essere d'aiuto fare esercizi per i muscoli degli occhi, ti dò un consiglio: scorri l'articolo fino ad arrivare agli esercizi, e prova a fare i primi 3.

Se fare gli esercizi non ti mette minimamente in difficoltà, probabilmente i tuoi muscoli oculari funzionano discretamente.

Se invece avverti difficoltà o vertigini (o meglio ancora sintomi d'ansia)…beh abbiamo materiale su cui lavorare! Leggi dall'inizio l'articolo ed esegui tutto il protocollo!

#4 migliora i tuoi muscoli cervicali

Come dicevo prima, se l'ansia ha una causa di tipo "meccanico" legata al tratto cervicale, in genere risponde bene agli esercizi (come quelli che indico nel mio corso CERVICALE STOP!, e nell'articolo "Cervicale:guida a cosa fare") ed al trattamento Cervical System.

Tutto quello che devi fare è…metterti all'opera (o farmi un fischio, se sei a portata di mano)

#5 migliora i tuoi muscoli ed i tuoi minerali

I muscoli, come abbiamo visto prima, sono una grande riserva di minerali per il nostro organismo.

Più che integrare magnesio e potassio (che temporaneamente può anche funzionare), dovresti riuscire a creare un "serbatoio extra", in quanto l'effetto dell'integrazione svanisce quando si smette.

Si, sto dicendo che aumentare la massa muscolare può aiutarti nel migliorare la tua ansia: per iniziare, consulta il mio articolo sulla tonificazione muscolare.

Conclusione

Il disturbo d'ansia è molto subdolo: ha molte caratteristiche, molte cause e sopratutto si manifesta in tanti modi diversi.

In questo articolo ti ho illustrato 5 possibili cause "fisiche" di ansia, sulle quali puoi facilmente lavorare.

Può darsi che non sia il tuo caso, ma tieni presente che gli interventi che ho indicato possono decisamente aiutare anche in caso di ansia "classica", in quanto agiscono migliorando lo stato di efficienza dell'organismo.

Se hai bisogno di una consulenza riguardo ad un problema simile, o se vuoi una valutazione personale del tuo problema, non esitare a scrivermi dal form qui sotto, rispondo entro 24 ore!

FORM PER CONTATTARE MARCELLO

Lascia una risposta