Sensazione di pesantezza della testa o di testa vuota: un sintomo curabile legato alla cervicale

Ti capita frequentemente di sentire la testa oppressa, pesante,come fosse chiusa in una morsa, o come se fosse “svuotata“?

Succede di frequente quando la tensione dei muscoli cervicali è cronicamente troppo alta: se i muscoli cervicali sono sempre in tensione si stancano  più del dovuto, rendendo difficile il loro compito, che è quello di sostenere la testa.

In questo articolo ti spiegherò quali sono le cause di questo problema, come lo affronto con i miei pazienti e le strategie  che puoi usare per affrontarlo autonomamente.

Se affrontato nel modo giusto, si tratta di un problema che potrai tranquillamente risolvere: seguimi e mi darai ragione.

 

Tipicamente a questa sensazione si associano anche:

  • dolore e/o rigidità al collo
  • sensazione di mancanza di lucidità
  • difficoltà a concentrarsi
  • disturbo della vista
  • vertigine soggettiva o sensazione di sbandamento

 

La sensazione di pesantezza della testa è spesso una caratteristica del disturbo cervicale, ma può presentarsi anche senza che la persona abbia mai avvertito dolore al collo.

Se preferisci le spiegazioni a video, ecco qua quello che fa per te:

 

PS: tutti gli interventi che suggerisco in questo articolo sono presi dalla mia guida Cervicale STOP!, che contiene le migliori soluzioni a disposizione per risolvere cefalea e cervicalgia!

Perchè senti la testa pesante: quali sono le cause

 

 

Come ti dicevo, la causa della sensazione di testa pesante è fondamentalmente l’eccesso di tensione muscolare a carico dei muscoli cervicali.

A volte, la sensazione di pesantezza della testa si accompagna a dolore vero e proprio: in questo caso si parla di emicrania cervicale.

Ma perchè dovresti avere i muscoli cervicali troppo tesi?

Ecco una lista di buoni motivi, che ti spiegherò nei paragrafi successivi.

  • problemi cervicali post traumatici (esempio dopo colpi di frusta,anche indietro nel tempo)
  • problemi cervicali correlati all’attività o alla postura in generale
  • rigidità dei tessuti  causata da metabolismo non ben funzionante
  • sistema nervoso che ha perso la capacità di rilassarsi

#1 Hai i muscoli troppo tesi perchè hai avuto un trauma, o per abitudini posturali

Si tratta di una causa abbastanza intuitiva: se hai avuto un incidente che ha coinvolto il collo, i muscoli possono essere rimasti più contratti del dovuto.

Allo stesso modo, se sovraccarichi il tratto cervicale per motivi che possiamo genericamente definire “posturali”, i muscoli si irrigidiranno allo stesso modo.

 

#2 Hai muscoli troppo tesi a causa di problemi di metabolismo o di una cattiva alimentazione

Per quanto riguarda il metabolismo, è noto che  anche l’ alimentazione può essere fonte di stress muscolare.

Il meccanismo più semplice per irrigidire i muscoli senza traumi o attività particolari,ma solo con uno stress metabolico?

Non bere una adeguata quantità di acqua. Chi assume meno di 1,5/2 lt di acqua al giorno tende a creare uno stato di silente disidratazione.

I muscoli, in quanto tessuto fortemente idratato, sono i primi a farne le spese.

Secondo il Journal of the American dietetic association già una perdita di acqua pari al 2% del peso corporeo ha significativi impatti sulle funzioni fisiologiche. Del resto, non possiamo dimenticare che:

 

Acqua infografica

Allo stesso modo, anche una alimentazione sbilanciata può impattare sul nutrimento ( e quindi sul funzionamento) del sistema muscolo scheletrico.

 

#3 Hai i muscoli troppo tesi perchè accumuli troppo stress nervoso

Anche gli aspetti legati al sistema nervoso sono  di grandissima importanza.

Quando affronti uno stress di tipo emotivo (da quello lavorativo a quello famigliare),la risposta del tuo organismo avviene tramite l’attivazione del sistema nervoso simpatico, il quale predispone tutta la cascata di eventi ormonali e vascolari atta a fronteggiare lo stress.

Questo sistema deve poi calare la sua azione, una volta terminato l’evento stressogeno.

Esiste invece una determinata categoria di persone che, sottoposta a forti stress emotivi quotidiani, sviluppa una totale incapacità a “spegnere” il sistema simpatico, il quale  continua quindi a mantenere alto il tono, rendendo i muscoli costantemente rigidi anche in momenti di relax.

Non a caso, in questi pazienti sono spesso  concomitanti disturbi del sonno (sonno leggero,spesso interrotto o comunque non riposante): l’incapacità di “spegnere” il simpatico li mantiene in una situazione di costante attacco.

Spesso queste persone si accorgono alla scrivania di essere rigidi ed in tensione senza apparente motivo.

Il progressivo accumularsi di tensione e rigidità in zona cervicale, per le cause sopra citate, rende i muscoli deboli e facilmente affaticabili: la loro difficoltà a sostenere il peso del cranio si traduce per la persona in una sensazione di oppressione o pesantezza del capo.

 

Come curo la sensazione di pesantezza della testa con i miei pazienti

Fondamentalmente, cerco di analizzare gli aspetti di cui ho parlato finora ed agire di conseguenza.

La valutazione (che puoi vedere alla pagina esempio di visita per disturbo cervicale)  mi serve a capire cause e caratteristiche della sensazione di pesantezza.

Fondamentalmente si tratta di capire:

  • come sta la muscolatura posturale? È troppo rigida? E a causa di cosa?
  • Come sta il metabolismo? Funziona correttamente? La persona è ben idratata? La risposta a queste domande la si ottiene tramite una apparecchiatura chiamata BIA ACC
  • In che stato si trova il Sistema Nervoso? Iper-attivo o semplicemente “pronto all’azione”? La risposta la si ottiene tramite un apparecchio di nome PPG stress flow

 

Da queste valutazioni ottengo un preciso piano di cura, che punta ad affrontare ciascuna componente,.

  • la tensione muscolare cervicale può essere immediatamente ridotta in buona parte con la tecnica Cervical System,permettendo così un immediato miglioramento del sintomo
  • il metabolismo, e quindi lo stato dei tessuti, può essere migliorato tramite nutrizione ed integrazione personalizzate.
  • lo stato del sistema nervoso può essere modificato tramite esercizi specifici , attività fisica, tecniche di rilassamento.

Le terapie dirette come Cervical System, unite al preciso piano di riabilitazione, permettono di apprezzare miglioramenti duraturi già nell’arco di due settimane.

Vuoi scrivermi per sapere come posso aiutarti? Clicca sull’immagine qui sotto!

 

 

Cosa puoi fare (subito) per curare la pesantezza della testa

Nel paragrafo sopra ti ho spiegato come analizzo questo tipo di disturbo e come imposto un piano di cura.

Devi per forza venire da me, farti esaminare minuziosamente e farti dire cosa fare passo passo?

Lascia che sia sincero con te: assolutamente no.

Una valutazione professionale è utile per essere ben indirizzati, ma ciò non toglie che si possano avere ottimi miglioramenti applicando le strategie giuste.

Non cadere nella trappola del “devo farmi visitare per sapere cosa ho e cosa fare” (spesso è una scusa che il cervello ti propone per rimandare il momento di rimboccarsi le maniche) : mettiti all’opera da subito in modo sensato, così capirai anche come risponde il tuo corpo.

Con i consigli qui sotto trovi già materiale utile per iniziare, e se prosegui la lettura, scoprirai come sia possibile avere un piano di riabilitazione personalizzato anche senza muoversi da casa.

 

#1 Esercizi

Esegui gli esercizi del video in cima all’articolo, ti aiuteranno a modificare la respirazione e a ridurre la tensione dei muscoli.

 

#2 Alimentazione circadiana e anti infiammatoria

Segui una alimentazione circadiana  e anti infiammatoria, come quella di questo esempio. Dare un ritmo ed una valenza anti infiammatoria all’alimentazione migliora i processi digestivi, e questo diminuisce la possibilità di irrigidimento dei muscoli.

 

#3 Idratazione ed integrazione di magnesio

Bevi almeno due litri d’acqua al giorno: sembra un consiglio banale, ma abbiamo visto che la disidratazione è una delle  prime causa di aumento della tensione muscolare. 

A questo, puoi sicuramente valutare di aggiungere un integratore di magnesio: il magnesio ha moltissime proprietà e praticamente nessuna controindicazione, ed è un potentissimo rilassante muscolare.

Un buon integratore di magnesio supremo come  questo che trovi qui sotto può sicuramente darti una mano a ridurre la rigidità muscolare.

 

#4 Collare morbido

Attenzione: questo consiglio va utilizzato con parsimonia e per un periodo limitato.

Il tuo obiettivo deve essere rinforzare i tuoi muscoli al punto di renderli perfettamente efficienti.

Nonostante ciò, se vuoi un attimo di “sollievo rapido”, un collare morbido, portato per un’ora al giorno (magari verso fine giornata), può non essere una cattiva idea.

Nel giro di 15-20 giorni devi cominciare, grazie agli esercizi, a procedere senza l’ausilio di “stampelle“.

Tra i vari a disposizione, ti consiglio questo qui sotto: comodo, funzionale ed economico.

 

#5 Sedia “mediamente” ergonomica

Quanto conta una buona seduta?

Sicuramente parecchio, se devi passarci molto tempo: allo stesso modo, sono talmente tanti i fattori potenzialmente in gioco, che non vale la pena spendere una fortuna per una sedia ergonomica.

Se riuscirai a migliorare la flessibilità e le condizioni generali del tuo collo, starai benissimo anche su una sedia ergonomica “normale” come questa, che io utilizzo e con la quale mi trovo benissimo.

 

#7 Curare la cervicale

Migliora la tua cervicale! Molti studi, di cui uno anche tutto italiano, hanno dimostrato che migliorare lo stato dei muscoli cervicali riduce il mal di testa, indipendentemente da quale tipo di forma sia.

Fortunatamente, su L’Altra Riabilitazione c’è davvero tanto materiale per insegnarti come gestire il disturbo cervicale.

 

Come curare il disturbo cervicale per migliorare la pesantezza della testa

Abbiamo visto i diversi collegamenti tra disturbo cervicale e pesantezza della testa.

Di conseguenza, più migliorerai la situazione della tua colonna cervicale, più la sensazione di pesantezza tenderà a sparire.

Per migliorare la situazione della tua colonna cervicale non c’è miglior terapia che gli esercizi specifici e gli interventi sullo stile di vita.

Tutte le terapie e/o manipolazioni che normalmente si fanno (e che in parte faccio anch’io, per carità) possono essere un aiuto, ma nel lungo termine è la ri-educazione che conta.

Ora ti illustrerò due modi semplici per riportare i tuoi muscoli a funzionare correttamente: non preoccuparti, non dovrai diventare un atleta e non dovrai stravolgere il tuo stile di vita.

 

#1 utilizza il materiale gratuito su L’Altra Riabilitazione

Nel video all’inizio della pagina sono descritti due esercizi specifici per il problema pesantezza.

Semplicemente, parti con il fare quelli tutti i giorni per 20 giorni.

Se poi vorrai approfondire come hai fatto a sviluppare il problema, ti consiglio la pagina introduzione al disturbo cervicale.

 

#2 utilizza la guida Cervicale STOP!

Negli ultimi due anni ho pubblicato molto materiale sul disturbo cervicale: ad un certo punto si è presentata l’esigenza di mettere tutto in ordine, altrimenti le persone facevano confusione in mezzo alle tante informazioni.

Ecco quindi che è nata la video guida Cervicale STOP!

Cervicale STOP! è il miglior strumento che tu possa avere per migliorare il problema “pesantezza della testa” ed i problemi cervicali in genere.

Ecco come funziona:

  • farai un TEST dove a seconda del tipo di sintomi e delle tue caratteristiche, capirai se devi lavorare di più sugli esercizi, oppure più sull’alimentazione, o ancora sulle tecniche di riduzione dello stress
  • un secondo TEST ti permetterà di capire quali sono gli esercizi più adatti al tuo caso
  • troverai lo schema alimentare più adatto ad aiutare i tuoi muscoli
  • imparerai (se necessario) le migliori tecniche per ridurre lo stress emotivo

Il tutto sarà anticipato (se ti andrà di seguirle) da chiare spiegazioni che ti faranno capire come hai fatto a sviluppare il disturbo.

Grazie a Cervicale STOP! prenderti cura dei tuoi sintomi sarà veramente facile: con ad una sola guida, riceverai un “piano di attacco” estremamente personalizzato e che abbraccia più fronti.

Ah, e se avrai difficoltà, c’è il gruppo di discussione dedicato, nel quale intervengo tutti i giorni.

Scopri Cervicale STOP! cliccando sull’ immagine qui sotto!

Oppure clicca QUI per vedere alcuni esempi di casi risolti grazie alle strategie di Cervicale STOP!

81 commenti

  1. Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
      • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
          • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
        • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
        • Marcello Chiapponi
          • Marcello Chiapponi
    • Marcello Chiapponi
        • Marcello Chiapponi
          • Marcello Chiapponi

Lascia una risposta