Vuoi un’ analisi completa dei tuoi sintomi in meno di 10 minuti e scoprire i possibili rimedi? Fai il test!
VAI AL TEST
Stili di vita e stress cronico

Sintomi e risoluzione dei Disturbi del sonno

 

Tired business woman with documents in her workplaceI disturbi del sonno, quando non legati a particolari patologie in atto, sono considerati disturbi “funzionali”, cioé che non hanno alla base una disfunzione organica visibile in qualsiasi tipo di esame. Principalmente parliamo di:

difficoltá ad addormentarsi
– interruzioni regolari del sonno (anche se per andare in bagno)
alterazioni del ritmo del sonno (prendere sonno e svegliarsi ad orari non idonei)
sonnolenza durante la giornata

Cause

I disturbi funzionali del sonno hanno alla base erronee abitudini di vita o stati di stress particolare, che inducono cambiamenti nei ritmi ormonali, tali da permanere anche qualora l’agente stressogeno fosse terminato.
Vediamo alcuni motivi di stress per l’organismo, che possono condizionare il sonno:

stress alimentare: principalmente una cena troppo ricca, (sopratutto in carboidrati) in contenuto calorico superiore al pranzo o alla colazione. E’ una situazione molto comune ma non fisiologica, in quanto il corpo sarebbe programmato per un pasto serale estremamente frugale. Errori a cena si traducono in sbalzi glicemici notturni, con conseguenti sicuri risvegli.

stress emotivo: stati d’ansia e stress in corso possono naturalmente incidere sulla qualitá del sonno. Va ricordato che un organismo ben funzionante non permette che la qualitá del sonno venga intaccata. Se il sonno viene disturbato da stress appartenenti alla vita quotidiana significa che l’organismo é debole e sopporta male le perturbazioni.

errori nella gestione delle attivitá della giornata: i ritmi ormonali del corpo sono programmati per avere il picco di attivitá nelle prime ore del mattino: impostare la propria vita concentrando le attivitá (lavoro,studio..) nella seconda parte é un errore che alla lunga presenta il conto.

disfunzioni articolari, che causano dolore ed infiammazione notturna, con conseguente risveglio.

Sintomi e conseguenze

I sintomi sono molto evidenti per la persona : la notte ha difficoltá ad addormentarsi, oppure il suo sonno é interrotto.
Se il sonno non dura almeno 6 ore continuative, i cicli ormonali non si completano e non avviene un completo recupero di quanto utilizzato durante la giornata. Come conseguenza:

– possono comparire stanchezza e sonnolenza
– i muscoli che non recuperano bene sono meno reattivi e più stanchi, con conseguente comparsa di dolori vari
– la massa magra che si perde con le attivitá diurne non viene reintegrata in toto, con conseguente impoverimento dei tessuti

Il nostro approccio terapeutico

Presso la sede di L’Altra Riabilitazione, o centri affiliati, vengono analizzate le abitudini del soggetto e viene effettuato un importante esame: l’analisi della composizione corporea tramite dispositivo BIA ACC: questo tipo di dispositivo é in grado di determinare, tramite l’equlibrio dei fluidi nei tessuti, quanto l’organismo si trovi in stato di stress cronico, e quindi quanto i ritmi ormonali sono potenzialmente alterati. Clicca esempio di visita per saperne di più.
Una volta valutata la situazione, viene impostato un piano di riabilitazione basato principalmente su:

alimentazione, in modo che si evitino sbalzi glicemici
attivitá fisica, la quale ha il potere di modulare la secrezione del cortisolo, l’ormone piú importante in questo contesto.
L’evoluzione di questo disturbo é generalmente favorevole ed i benefici si possono vedere dopo 2-3 settimane dall’inizio del piano.

Contattaci per avere maggiori informazioni o per un appuntamento presso uno dei nostri centri.

, ,
Articolo precedente
Stanchezza cronica: il sintomo più diffuso negli ambulatori medici
Articolo successivo
Gonfiori e dolori addominali: dallo “stress” alla disfunzione digestiva

Post correlati

Menu