Il colon irritabile è una forma patologica molto comune, caratterizzata da forti dolori addominali, coliche, meteorismo e irregolarità nell’evacuazione (stipsi oppure diarrea, o alternanza tra le due).

E’ un problema molto spesso di tipo funzionale, cioè che ha scarsi o nessun riscontro agli esami diagnostici tradizionali (colonscopia, esami ematochimici): questo genera spesso frustrazione in chi ne soffre, dato che ha sintomi molto dolorosi ma si sente dire che “non ha nulla” o che è soltanto “ansia e stress”.

Secondo le moderne classificazioni il colon irritabile può essere inserito nei cosiddetti “medically unexplained physical symptoms “, cioè quelle manifestazioni non clinicamente patologiche (ma molto disturbanti per chi ne soffre), correlabili effettivamente ad una forma di stress cronico, dove però per stress cronico non si intende soltanto quello emotivo, ma anche quello nutrizionale e fisico: un sommarsi di stile di vita errato, cattiva alimentazione,stress psicologico, fattori genetici, fattori non prevedibili (a volte sono aderenze di interventi chirurgici a creare irritazione al colon) genera una cascata di eventi che conduce a vari tipi di disfunzione, tra cui quella gastro enterica.

Abbiamo sviluppato una completa metodica di analisi funzionale del problema, una metodologia riabilitativa (perché di riabilitazione si tratta) ed una serie di consigli applicabili da subito. Trovate tutto in questo articolo

 

Le cause del colon irritabile: il ruolo dello stress cronico

” Mi hanno detto che è stress”; “Mi dicono che sia l’ansia, ma io non mi sento un ansioso!”; “Ma è solo un problema di testa!!'”.

Quante volte chi soffre di colon irritabile si è sentito dire frasi come queste?

Sono vere? Assolutamente no.

Sono false? Neppure.

Quando non è causato da patologie ben definite (parassitosi ecc.) la causa del colon irritabile è un organismo sotto stress cronico. Il problema però è cosa si intende per stress cronico: non è quello che tutti pensano.

colon irritabile stress

Cos’ è davvero lo stress?

 

Per stress cronico si intende qualsiasi fattore che perturba negativamente l’equilibrio dell’organismo in maniera continuativa.

Esistono stress di tipo fisico (eccesso di allenamento, sedentarietà), di tipo metabolico (sovra o sottoalimentazione, assunzione di cibi che provocano acidosi) e di tipo emotivo (stress costanti o stress acuti non metabolizzati). Troverai maggiori approfondimenti sulla’ argomento nell’ articolo stress cronico e disturbi correlati.

Quando si è in presenza costante di uno o più fattori di stress cronico,a livello dell’organismo si hanno vari processi di adattamento (sopratutto ormonale) che incidono in maniera estremamente negativa sullo stato di salute. Il nostro patrimonio genetico si è formato su stress acuti e di breve durata (tipici dei nostri progenitori): oggi difficilmente abbiamo minacce alla nostra sopravvivenza, abbiamo stress di minore intensità ma costanti, quindi il corpo sviluppa in maniera costante degli adattamenti pensati per momenti brevi.

Ecco alcuni esempi di meccanismi di stress cronico che possono contribuire a causare colon irritabile, sopratutto se ve ne è più di uno:

sedentarietà

eccesso di attività fisica

– attività fisica mal pianificata (in fasce orarie non adeguate)

traumi o disfunzioni posturali

– alterata meccanica respiratoria

– esiti di intervento chirurgico

– scorretta alimentazione

– scorretto ritmo sonno/veglia

ansia o depressione

– disfunzione del sistema nervoso autonomo

 

Ma….. come si arriva al colon irritabile?

 

colon irritabile stress

I fattori di stress provocano un aumento di produzione ed un’alterazione del ritmo fisiologico del cortisolo. Il cortisolo è l'”ormone dello stress”, quello che ci tiene attivi e svegli.
Una sua iperproduzione o attivazione alterata (il cortisolo dovrebbe essere alto al mattino e basso la sera) porta ad una lenta ma progressiva riduzione di tutto ciò che nel corpo si definisce massa magra (muscoli,osso,tessuti connettivi): questo succede in quanto il cortisolo è un cosiddetto ormone catabolico, cioè che “brucia” le risorse dell’organismo per fargli fronteggiare bene i vari stress. Ecco perchè dovrebbe essere basso alla sera: le risorse consumate durante la giornata devono essere recuperate durante la notte. Se però o fattori di stress già citati tengono il cortisolo alto alla sera, ecco che il recupero delle risorse salta e si entra in catabolismo: la massa magra, in particolare quella muscolare, comincia a ridursi.
Oltre a ridursi, la massa muscolare può perdere in efficienza,cioè diventare più atonica e meno responsiva: trattandosi di un problema di tipo ormonale, questa situazione coinvolge tutta la muscolatura dell’organismo (ecco perché il colon irritabile non è quasi mai l’unico sintomo che la persona lamenta).
Alcuni muscoli però necessitano una efficenza sempre perfetta:parliamo dei muscoli dell’ apparato digerente, quelli che muovono stomaco ed intestino, e che permettono al cibo di essere digerito e transitare dallo stomaco al colon.
Riducendosi l’efficenza della peristalsi gastrica, il cibo arriva all’intestino mal digerito: ecco che questo si infiamma e si irrita, con conseguente sintomatologia dolorosa e diarrea. Essendo però ridotta anche la peristalsi intestinale, talvolta le feci faticano ad arrivare in fondo al colon (stipsi). Spesso chi soffre di colon irritabile alterna periodi di stipsi ad altri di diarrea (alvo alterno).
Essendo un problema che interessa tutto l’organismo, spesso chi soffre di colon irritabile ha anche altri sintomi, quali ad esempio debolezza, cefalea, dolori muscolari ed articolari.

I sintomi del colon irritabile

urinary-incontinence1

I sintomi del colon irritabile sono quanto mai variabili da persona a persona. Abbiamo visto come si tratti di una disfunzione causata per lo più da meccanismi ormonali, che quindi coinvolgono tutto l’organismo. Per questo è difficile catalogare con precisione i sintomi legati solo al colon irritabile: trattandosi di un problema generalizzato, la persona spesso accusa altri sintomi. Vediamo quali.

 

Sintomi legati al colon irritabile

dolori addominali, legati all’infiammazione del colon
diarrea, anch’essa legata ad infiammazione ed irritazione
gonfiori (anche gastrici), legati alla ipotonia della muscolatura (catabolismo e stress cronico,vedi sopra)
stipsi, anch’ essa legata a scarsa efficenza muscolare

 

Sintomi non legati al colon irritabile ma alla disfunzione generale

stanchezza e spossatezza: gli ormoni che fronteggiano lo stress cronico sono anche fornitori di energia

dolori muscolari, in quanto abbiamo visto che tutti i muscoli perdono tono

disturbi del tono dell’umore, legati spesso all’ equilibrio elettrolitico precario

disturbi del sonno, anch’essi legati a cattivo funzionamento degli ormoni dello stress

 

Cura del colon irritabile con L’ Altra Riabilitazione

cura colon irritabile

Capite le caratteristiche del problema, esiste la possibilità di curarlo? Naturalmente si. Come dicevamo, abbiamo sviluppato un completo metodo di analisi e riabilitazione utilizzando il lavoro di diversi gruppi di ricerca, le moderne strumentazioni di diagnostica funzionale, e ovviamente l’esperienza clinica.

Al di là dell’ intervento professionale, esistono tutta una serie di interventi da mettere in pratica da soli, anche se siete troppo distanti dalle nostre sedi o volete fare da soli. Li vedremo tra poco.

Presso la sede principale di L’Altra Riabilitazione, o presso uno studio affiliato, è possibile impostare un piano di riabilitazione per il problema colon irritabile, una volta che il medico di fiducia ha escluso la presenza di patologie organiche o di qualsiasi condizione necessiti trattamento medico.
La valutazione del colon irritabile  viene effettuata principalmente grazie all’analisi del metabolismo con BIA-ACC e all’analisi del sistema nervoso autonomo PPG stress flow.
L’ analisi del metabolismo BIA-ACC analizza con estrema affidabilità e precisione la composizione corporea e la qualità dei tessuti, fornendo indicazioni fondamentali sullo stato della massa magra e sul metabolismo: si individuano stati di stress cronico, di catabolismo, squilibri elettrolitici, e tutta la catena di fenomeni che porta alle sintomatologie già descritte.
L’esame con BIA-ACC è veloce, non invasivo, non doloroso e fornisce dati scientifici estremamente attendibili e confrontabili con quelli di altri esami clinici. Clicca esempio di visita per conoscere di più sul nostro metodo di valutazione e sulla BIA-ACC.

L’ analisi PPG stress flow permette di capire come funziona il sistema nervoso autonomo: il sistema nervoso autonomo è quella parte di sistema nervoso che regola una serie di funzioni metaboliche, tra le quali naturalmente anche quella digestiva. I meccanismi di stress cronico che abbiamo visto precedentemente possono creare squilibri cronici di questo sistema, con conseguenze di vario genere, tra le quali sicuramente quelle digestive sono le più evidenti. Anche l’ analisi PPG stress flow è veloce, affidabile e non invasiva.
Dal quadro che emerge si imposta un piano di riabilitazione, basato su tre elementi essenziali: nutrizione, integrazione ed attività fisica.
L’aspetto nutrizionale e di integrazione viene impostato per rispettare i fisiologici ritmi dell’organismo,e per equilibrare l’alternanza dei cibi.
L’attività fisica rappresenta, insieme al cibo, la medicina naturale più potente di cui si dispone. Una attività fisica specifica può:

far recuperare la muscolatura persa: abbiamo visto come la mancanza di muscolatura sia una delle principali cause di vari problemi. Inoltre esiste un rapporto estremamente stretto tra stato della muscolatura e stato di salute generale.
far recuperare i ritmi ormonali: l’attività fisica può aumentare o diminuire la quantità di cortisolo prodotta. Ne consegue che rappresenta un aiuto imprescindibile per dare regolarità a questo importante ormone.
migliorare la respirazione e l’ossigenazione.

La riabilitazione,se seguita scrupolosamente, consente una riduzione dei sintomi in tempi brevi, anche se recuperare appieno la costituzione corporea e quindi la stabilità della salute è un processo che richiede grande impegno ma che merita di essere portato avanti.

Contattaci per ulteriori informazioni o per un appuntamento presso il nostro centro.

Menu