Ecco perché la VESCICA IPERATTIVA è un problema di POSTURA

Tutti noi, almeno una volta nella vita, abbiamo provato un piccolo momento di panico alla ricerca disperata di un bagno quando ne avevamo urgentemente bisogno.

Per chi soffre di vescica iperattiva, questa può rappresentare una realtà quotidiana, tutt’altro che piacevole.

Se ti capita spesso di andare al bagno, di avere stimoli ripetuti e continui, è possibile che tu soffra di vescica iperattivaSe ti capita ovunque tu vada, di doverti assicurare anzitutto di dove sia collocato il bagno, è davvero probabile che tu soffra di vescica iperattiva.

Del resto, si tratta di un disturbo abbastanza comune, che interessa circa 3 milioni di persone solo in Italia (principalmente le donne).

Ed è una condizione che molto spesso provoca effettivi limiti sia mentali che fisici, rischiando di stravolgere completamente il proprio equilibrio quotidiano.

Se ti è stata diagnostica la sindrome della vescica iperattiva o se ti riconosci in queste dinamiche, allora sei nel posto giusto: in questo articolo troverai informazioni complete, corrette e soprattutto aggiornate per trovare rimedio a questo disturbo.

Perché ci tengo a sottolineare “aggiornate”? Fortunatamente ci sono alcune novità importanti per il trattamento della vescica iperattiva e il nostro approccio riflette proprio questi ultimi aggiornamenti.

Se vuoi approfondire l’argomento, puoi consultare dei contenuti mirati all’interno della serie Rieducazione Pelvica Femminile, un pratico video-corso online per risolvere problemi di questo tipo.

Accedi subito ai CONTENUTI GRATUITI cliccando sull’immagine qui sotto!

Cos’è la sindrome della vescica iperattiva e quali sono i sintomi ?

La vescica iperattiva (anche definita incontinenza da urgenza) è caratterizzata dall’impulso improvviso di urinare.

Non coincide necessariamente con l’incontinenza urinaria (che prevede invece la perdita involontaria di urina), ma più semplicemente con l’urgenza di dover andare al bagno, definita anche urgenza minzionale.

L’urgenza minzionale è la comparsa di uno stimolo improvviso e intenso di urinare.

Sebbene anche gli uomini ne possano soffrire, sono principalmente le donne a presentare la sindrome della vescica iperattiva: in Italia colpisce circa una donna su tre, coinvolgendo una fascia di età molto ampia, principalmente tra i 30 e i 50 anni.

Con sorpresa di molti, si tratta di un problema più frequente nelle donne giovani poiché spesso è legato all’ipertono del pavimento pelvico (ovvero alla contrattura della muscolatura pelvica).

Tuttavia, anche chi ha problemi di ipotono (ossia riduzione di tonicità) e di incontinenza può soffrirne.

La vescica iperattiva può essere legata a vere e proprie malattie neurologiche: tuttavia, questa evenienza è davvero rara, ed in genere accompagnata da notevoli altri problemi (deambulazione ecc..)

Nella maggior parte dei casi, si tratta di un disturbo “benigno”, ovvero non legato a malattie particolari.

È un disturbo del segnale che arriva al cervello e che innesca, in modo non corretto, lo stimolo di urinare.

Cerchiamo di capirci meglio…

I segnali (errati) che la vescica invia al cervello

Come sai, la vescica è un organo muscolare con una forma simile a quella di un palloncino.

Durante la sua funzione, la vescica si riempie (assumendo quindi la forma di un palloncino gonfio) e si svuota (sgonfiandosi come quando apri l’estremità di un palloncino e fai fuoriuscire l’aria).

Questa attività non avviene casualmente, ma viene regolata dal cervello e dal sistema nervoso.

Quando la vescica inizia a riempirsi oltre la metà, in genere, avvertiamo lo stimolo di andare in bagno per svuotarla.

La vescica è infatti dotata di recettori di stiramento collegati ai nervi: questi inviano segnali al cervello nel momento in cui si riempie (si stira) e si ha necessità di urinare.

Con la vescica iperattiva, tuttavia, questo messaggio parte anche quando la vescica non è piena, portando ad avere uno stimolo frequente di urinare indipendentemente dalla quantità di liquidi assunti.

Chi ne soffre si troverà così a lottare continuamente e ininterrottamente con la sensazione improvvisa di dover andare in bagno, anche quando non ne ha bisogno.

I numeri del problema vescica iperattiva: non sei da sola!

Questa impellenza ha degli inevitabili risvolti sulla vita sociale di chi soffre di sindrome di vescica irritabile.

Non solo andare sempre al bagno non è piacevole perché ti costringe ad interrompere ciò che stai facendo (che sia lavorare al computer, dormire, viaggiare o qualsiasi altra attività), ma a volte può precludere la partecipazione a determinate attività quotidiane.

Se soffri di vescica iperattiva sono certo che, prima di andare da qualche parte, ti sia capitato di chiederti “ci sarà un bagno vicino?”.
Concerti, lunghe passeggiate, viaggi: tutte attività che possono non essere più accessibili per chi ne soffre.

Non si tratta di numeri irrilevanti: circa il 30% degli uomini e ben il 40% delle donne negli Stati Uniti convive con sintomi da sindrome della vescica iperattiva.

Possono sembrare numeri elevati, eppure le statistiche purtroppo ne definiscono solo un quadro reale parziale.

Questo problema è ancora molto taciuto e molte persone affette da vescica iperattiva non ne parlano sia per i disagi sociali che porta, sia perché i sintomi (seppur fastidiosi) sono sottovalutati.

Molto spesso, infatti, capita di attribuire con una certa leggerezza questo problema ad uno stato di ansia, convinti che non vi possa essere un rimedio efficace (se non quello di invitare chi ne soffre ad alleviare, appunto, la propria ansia).

Spoiler: il rimedio esiste e te ne parlerò proprio tra poco.

Le cause secondo l’approccio “classico” (vere, ma…)

Quando si tratta di individuare le cause della sindrome della vescica iperattiva, la medicina spesso adotta un approccio tipicamente generale, basato su numeri e statistiche.

La medicina suddivide il problema della vescica iperattiva in SECONDARIA (ovvero legata ad una malattia) e BENIGNA (non legata ad una malattia).

Ecco quali sono le cause “ufficiali”: assolutamente vere, ma di certo anche un po’….limitate

 

Sindrome della vescica iperattiva secondaria

Viene definita sindrome della vescica iperattiva secondaria, se il disturbo è presente ma solo come conseguenza di un’altra patologia.

In altre parole, vi è un’altra patologia alla base, come una patologia neurologica (es. sclerosi multipla, morbo di Parkinson, o un danno al midollo spinale), che va a disturbare il segnale tra cervello e vescica.

La sindrome della vescica iperattiva può avere quindi cause estremamente diverse, ed è fondamentale ricordare che la visita medica è sempre il punto di partenza per poter effettuare una diagnosi accurata.

Tuttavia, la vescica iperattiva secondaria interessa solo una piccola percentuale dei casi.

Se ne soffri da poco tempo e non hai ancora una diagnosi, ti consiglio di rivolgerti al tuo medico in modo da fare al più presto un accertamento.

Sindrome della vescica iperattiva benigna

Quando la sindrome non è secondaria, si tratta allora di una sindrome della vescica iperattiva benigna.

Seppure non sembra essere causata da nessun motivo in particolare, si presenta spesso in persone molto ansiose.

Come sappiamo, l’ansia è un disturbo che ha spesso ripercussioni anche a livello fisico (non solo a livello psicologico), manifestandosi spesso con rigidità muscolare e, talvolta, anche rigidità della vescica.

La sindrome della vescica irritabile viene trattata tramite farmaci (come gli antimuscarinici) ma, in alcuni casi, viene proposta una rieducazione abbastanza invasiva effettuata tipicamente con sonde ed elettrodi.

Un’elettrostimolazione di questo tipo è utile per rilassare la muscolatura durante l’esercizio stesso, ma, purtroppo, i suoi benefici sono scarsamente trasferibili e non avrà un grande successo nella rieducazione del muscolo a lungo termine.

Ciò significa che, nella maggior parte dei casi, una volta terminata la sessione di rieducazione, i muscoli torneranno a irrigidirsi senza risolvere così il problema.

Le cause secondo l’approccio L’Altra Riabilitazione

Come avevo anticipato all’inizio dell’articolo, fortunatamente disponiamo ormai di informazioni sempre più aggiornate per il trattamento della sindrome della vescica iperattiva.

Viste le importanti interconnessioni tra le diverse parti del corpo, io e il mio team adottiamo tipicamente un approccio globale (al contrario di un approccio limitato all’area di interesse), e lo stesso vale anche per il trattamento della sindrome della vescica iperattiva.

La specialista all’interno del team  “L’Altra Riabilitazione” è Angela Torretta, fisioterapista con 20 anni di esperienza.

Nella sua carriera, Angela ha dedicato oltre 10 anni esclusivamente allo studio del pavimento pelvico.

Con un’esperienza così importante alle spalle, Angela ha notato una cosa fondamentale: l’approccio tradizione per il trattamento della sindrome della vescica iperattiva è generalmente corretto, ma è possibile fare un (grande) passo in più verso la vera soluzione del problema.

 

La postura corretta può risolvere la vescica iperattiva

Se segui i miei contenuti online sai quanta attenzione io rivolga alla postura: anche in questo caso, può rivelarsi la soluzione.

Il nostro approccio è infatti quello di spostare l’attenzione dalla vescica a tutta la postura, come puoi capire attraverso questo video.

Dopo aver trattato circa 1.500 casi affetti da problematiche relative al pavimento pelvico (inclusa la vescica iperattiva), Angela ha constatato che le donne affette da sindrome della vescica iperattiva tendono ad avere la schiena piatta e i muscoli del bacino molto rigidi.

Con tutta questa tensione all’esterno, la vescica rimane inevitabilmente prigioniera di tutte queste continue contrazioni muscolari.

Di conseguenza, può inviare segnali errati al cervello comunicando di essere piena e stimolare la minzione anche quando non è così, proprio a causa di questa combinazione di tensioni muscolari che fanno pressione.

Ecco perché, dall’altro lato, chi soffre di forti contratture alla schiena a volte soffre anche di vescica iperattiva.

Ascolta come io e Angela spieghiamo questo collegamento tra POSTURA e VESCICA iperattiva in questo video tratto dal mio canale YouTube (parte già al momento giusto).

 

Ed ecco la buona notizia che stavi aspettando fin dall’inizio: stare meglio è possibile!

La rigidità della schiena è spesso causata da una componente ansiosa, ma non dobbiamo sottovalutare il contributo (negativo) di una postura scorretta.

Dal momento che la postura è significativamente allenabile e migliorabile, è possibile anche alleviare la vescica da queste continue stimolazioni fastidiose, tipiche della sindrome della vescica iperattiva.

 

Suggerimenti

Le problematiche legate al pavimento pelvico, come la vescica iperattiva, sono purtroppo ancora considerate un tabù e taciute dalla maggior parte delle donne che ne soffrono, proprio perché spesso sono sottovalutate e creano un forte disagio.

Andando a rieducare i muscoli tramite una serie di esercizi mirati all’allenamento del pavimento pelvico, sui quali si basa il nostro programma Rieducazione Pelvica Femminile, potrai risolvere le problematiche legate sia all’ipotono che all’ipertono grazie ad un approccio globale.

Consulta subito i tanti contenuti gratuiti da provare subito: clicca sull’immagine qui sotto per registrarti!

Consiglio #1: stretching

Per alleviare i sintomi della vescica iperattiva, il primo consiglio importante è quello di fare stretching per i muscoli del bacino.

Questo si rivelerà chiave per andare ad alleviare le tensioni muscolari che fanno pressione sulla vescica e la stimolano, come puoi trovare nel video allegato qui sotto.

Esercizio per distendere gluteo e piriforme (da eseguire 30″ – 3 volte per lato)

Consiglio #2: focus sul respiro

Un altro secondo consiglio è quello di spostare il focus dalla vescica al respiro.

Quando ti trovi ad avere uno stimolo, la reazione automatica è quella di contrarre i muscoli e “trattenersi”.

Tuttavia, non c’è in realtà niente da trattenere (la vescica, infatti, è vuota).

Spostando l’attenzione sul respiro quando si ha lo stimolo, è possibile usare il diaframma, allentando le tensioni dalla vescica.

 

Conclusione

La sindrome della vescica iperattiva è un problema che interessa un grande numero di donne e che ha, purtroppo, forti ripercussioni sulla vita di ogni giorno.

Un’urgenza minzionale costante può limitare in maniera significativa le attività quotidiane (come lo svolgimento dell’attività fisica), causando forti disagi anche a livello emotivo.

Spesso si instaura infatti un circolo vizioso: con la presenza del problema, aumenta lo stato di ansia e le tensioni nel corpo; con l’aumento delle tensioni muscolari, si accentua il problema.

Una volta esclusa la componente patologica tramite un accertamento medico, è assolutamente possibile alleviare questi stimoli, se non addirittura risolvere il problema, in maniera definitiva proprio andando a lavorare sulla postura.

Se vuoi approfondire e iniziare un percorso completo di miglioramento volto ad alleviare questo e altri problemi relativi al funzionamento del pavimento pelvico, consulta il programma Rieducazione Pelvica Femminile.

Clicca QUI per accedere alla PROVA GRATUITA!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vuoi ricevere consigli gratuiti mirati sul tuo caso? Fai il TEST!