Tensione e contrattura muscolare da stress: una strategia rapida

Marcello Chiapponi

Marcello Chiapponi

Fisioterapista, trainer e responsabile del sito

SCOPRI CHI SONO

Ultimo aggiornamento il 19 Luglio 2022 di Giovanni Altomari

È fuori discussione che stress emotivo, ansia e preoccupazioni varie possano drasticamente aumentare la tensione dei muscoli, conducendo nel tempo a rigidità e dolori diffusi, sopratutto a livello di collo e spalle.

Nel tempo, questi problemi possono cronicizzarsi e diventare molto fastidiosi, a volte anche invalidanti.

Visto che prendere atto della situazione non basta, in questo breve video articolo ti spiegherò come capire se è lo stress emotivo la causa dei tuoi dolori muscolari, ma sopratutto ti illustrerò una strategia efficace per risolvere il problema.

Clicca QUI per la versione dimostrativa di Cervicale STOP!


Indice dell’articolo


Perché ansia e stress aumentano la tensione dei muscoli?

Ecco Perché se sei cronicamente sotto forte stress emotivo i tuoi muscoli possono non gradire.

La manifestazione potrebbe essere la contrattura della bassa schiena o quella dei muscoli cervicali.

#1 alterazione della meccanica respiratoria

Ogni volta che siamo in forte ansia, la nostra respirazione si fa più superficiale e frequente.

Persone che hanno mediamente troppo alti i livelli di stress, hanno quindi la respirazione cronicamente poco profonda.

Questo conduce a rigidità del muscolo diaframma e dei muscoli anteriori del collo, che vengono sollecitati in maniera anomala da questo tipo di respirazione

#2 produzione di sostanze chimiche che aumentano la tensione dei muscoli

Quando siamo sotto stress, una importante sezione del nostro sistema nervoso (il sistema ortosimpatico) aumenta la produzione di adrenalina e noradrenalina.

Queste sostanze svolgono una serie di funzioni che ci aiutano a sopportare lo stress: tra queste, c’è anche l’aumento di tensione dei muscoli, perchè si suppone che in momenti di stress abbiamo la necessità di essere reattivi.

Se ne deduce facilmente che chi ha situazioni di stress cronico abbia la produzione di queste sostanze mediamente alta, e quindi i muscoli siano cronicamente tesi

Quali sintomi ti fanno capire che è lo stress la causa del problema?

I meccanismi dello stress di cui ho parlato non colpiscono solo i muscoli, come puoi facilmente immaginare.

Se il tuo problema principale è l’eccessivo accumulo di stress emotivo, potresti notare anche:

  • tachicardia, sempre legata all’aumento di adrenalina
  • vertigini e sbandamenti, legati alla eccessiva tensione muscolare cervicale
  • stomaco chiuso e gonfiori, in quanto sotto stress il sistema nervoso si imposta in modalità “non è il momento di digerire
  • difficoltà del sonno
  • mancanza di concentrazione e lucidità

Se hai in particolare disturbi cervicali, ti può interessare  un approfondimento “grafico” sui sintomi della cosiddetta “cervicale da stress“.

Come risolvere la tensione muscolare legata ad ansia e stress?

Non esistono bacchette magiche che ti facciano sparire la tensione muscolare, quando il problema sembra legato al sistema nervoso.

Esistono strategie che funzionano, ma che necessariamente ti richiedono un certo impegno.

Del resto: il tuo sistema nervoso è influenzato dal tuo carattere, dal tuo vissuto e dalle tue esperienze. Non pretenderai mica che si modifichi con l’applicazione di un macchinario o una manipolazione vero?

La strategia che ti propongo è basata su 3 punti.

#1 lavoro sulla respirazione

Come avrai capito, la respirazione è maledettamente importante per riequilibrare le tensioni muscolari.

Se ti interessa approfondire, ho scritto un articolo sul disturbo cervicale legato ad una cattiva respirazione; in ogni caso, la miglior base di partenza è esercitarsi sulla respirazione diaframmatica, come illustro in questo video.

#2 lavoro sull’alimentazione

Spesso finiamo in un vortice di “stress-mangio male per consolazione-aggiungo ulteriore stress“.

Poche storie: se vuoi che il tuo corpo funzioni bene, devi riempirlo di carburante di qualità.

Peraltro, migliorare la tua alimentazione può avere un impatto molto significativo sul tuo tono dell’umore: potresti scoprire che la tua cronica arrabbiatura era dovuta proprio a cattive abitudini alimentari.

Sul come nutrirsi si sente dire di tutto e di più.

Non lasciarti travolgere dal vortice: segui uno schema semplice ma molto funzionale, come quello dell’alimentazione circadiana e anti infiammatoria.

#3 lavoro sullo stile di vita e sul rilassamento

Qui il capitolo sarebbe molto più vasto, e la lista di interventi praticamente infinita.

Anche qui, resta SEMPLICE: inserisci 10 minuti di esercizi di rilassamento al giorno.

In 10 minuti puoi fare miracoli e riprendere contatto con il tuo corpo, che probabilmente trascuri da un po’.

Isolati dal mondo per un breve intervallo e fai l’esercizio di scanner della pesantezza.

CONCLUSIONE

Come dicevo, non esistono bacchette magiche che risolvano il problema della tensione muscolare da stress.

Il nostro cervello fa una fatica pazzesca ad accettare cambiamenti di abitudini come quelli che ti ho proposto: per questo tendiamo sempre alla ricerca di “bacchette magiche” che in questo caso si chiamano:

  • integratori
  • cuscini o materassi
  • professionisti vari che cercano di convincerti che loro possono risolverti il problema con l’imposizione delle mani

La strategia che ti ho illustrato è semplice e funzionale, anche se generica.

Se il tuo problema principale è la tensione muscolare al collo e vuoi una strategia più specifica, allora ti consiglio il mio manuale Cervicale STOP!

Cervicale STOP! contiene una serie di test per capire quali sono gli interventi più adatti al tuo caso, dal punto di vista di:

  • esercizi specifici
  • alimentazione
  • rilassamento e stile di vita
  • attività fisica

Se ti interessa, scarica la DEMO GRATUITA cliccando sull’immagine qui sotto!

 

2 risposte

  1. Ciao, sono Ermes, un ragazzo di 23 anni, già da due ho un mal di schiena praticamente costante, che all’ inizio si era manifestato con sporadiche contratture muscolari, mi erano stati prescritti degli anti infiammatori e stop, premetto che non ho mai preso periodi di ferie o riposo e che in quel periodo ero moralmente distrutto e depresso per il lavoro che non mi piaceva assolutamente ma che sono stato obbligato a continuare, fatto sta che i dolori sono praticamente diventati continui, come tensioni, capita che a volte si “dissolvano” dalla sera alla mattina o che passino da destra a sinistra ma sono praticamente sempre presenti; ho provato con 3 serie di fisioterapia (rinforzo, idrokinesi, e di mobilizzazione) ma non è cambiato nulla. La mia domanda è: da un dolore presente già da 2 anni si riesce a guarire o ormai si è cronicizzato e non si potrà fare più nulla ?

    1. si può sempre fare qualcosa, altrochè. Se c’è molta componente nervosa il lavoro è più complesso, ma è assolutamente fattibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Logo MDS - Mal di schiena passo passo

Se soffri di problemi alla schiena, qui c'è tutto quello che ti occorre

Tutti i dettagli sui sintomi e sulle migliori strategie per migliorare al massimo il mal di schiena

Marcello Chiapponi

Ciao, sono Marcello Chiapponi, fisioterapista e personal trainer, responsabile del sito.

Gli articoli più letti

La tua cervicale è infiammata ? 5 sintomi che te lo dicono (e cosa farci)

Dolore all’inguine destro o sinistro: scopri le cause, i sintomi e rimedi

Dolore alla bassa schiena che prende le gambe: ecco perchè e cosa fare

Dolore alla schiena sul lato destro o sinistro: da dove viene e cosa fare

Dolore al braccio e alla spalla: ecco cosa lo causa e come risolverlo

Mal di schiena: quando la causa è in realtà nell’intestino (irritato)

Artrosi all’anca: i vari tipi di sintomi(perchè si avvertono e come rimediare)

Sensazione di bruciore alla schiena: ecco perchè la avverti e cosa ci puoi fare

Vertigini e giramenti di testa: quando il problema è cervicale (guida completa)

Cosa fare per il mal di schiena da ernia del disco L4-L5 o L5-S1

Dolore anteriore della coscia: possibili cause, soluzioni ed esercizi specifici

Cervicale infiammata: 4 semplici rimedi per i dolori cervicali

Infiammazione nervo sciatico: rimedi ed esercizi

Discopatia L5-S1 (o protrusione discale L5-S1): sintomi ed esercizi

Mal di schiena zona lombare: cosa lo causa e come curarlo con esercizi mirati

Dorsalgia e dolore in zona scapole: guida completa per migliorarli

Esercizi per ileo psoas: il muscolo che infiamma schiena e anca

Dolore in fondo alla schiena: a cosa è dovuto e come liberarsene con 3 semplici esercizi

Mal di testa lato destro o sinistro: quando la causa è cervicale