Mal di testa o cefalea da sforzo fisico: una guida completa

Marcello Chiapponi

Marcello Chiapponi

Fisioterapista, trainer e responsabile del sito

SCOPRI CHI SONO

Ultimo aggiornamento il 29 Settembre 2022 di mattia

Se ti è capitato di avvertire una improvvisa fitta alla testa durante uno sforzo fisico, magari in palestra, oppure se ti capita regolarmente che dopo/durante l’attività fisica ti venga mal di testa, allora potresti soffrire di una forma di cefalea chiamata mal di testa o cefalea da sforzo fisico.

La cefalea o mal di testa da sforzo fisico è un problema comune (uno studio ha dimostrato che il 35% di una popolazione giovane aveva provato mal di testa a seguito di attività fisica, o ne soffriva regolarmente) e per molte persone rappresenta motivo di interruzione della loro pratica sportiva.

In questo articolo ti spiegherò quali possano essere alcune comuni cause di cefalea o mal di testa da sforzo fisico e come affrontarle passo passo: in molti casi si tratta infatti di un problema risolvibile o per lo meno molto migliorabile, basta trovare la “ricetta” giusta.

Infatti, molto spesso la cefalea da sforzo fisico e il mal di testa dopo l’allenamento sono fortemente legati ad uno stato di eccessiva tensione dei muscoli cervicali, problema che si riesce facilmente a risolvere nella maggior parte dei casi.

E non è necessario chissà quale super-specialista per trovare una soluzione efficace: guarda ad esempio cosa mi ha scritto questa utente del mio video corso Cervicale STOP!.

Puoi accedere alla DEMO GRATUITA e sperimentare da subito i benefici semplicemente compilando il modulo qui sotto!


    Il tuo nome (solo il nome va benissimo)

    La tua email (controlla che sia corretta, mi raccomando!)

    Un recapito telefonico (facoltativo, ma non preoccuparti: nessuno ti chiamerà senza preavviso o senza che tu lo voglia)

     

     


    Indice dell’articolo

    Sintomi della cefalea o mal di testa da sforzo fisico

    Cefalea o mal di testa da sforzo fisico e muscoli cervicali

    Possibili cause di rigidità cervicale

    Come valutare le cause del tuo mal di testa da sforzo fisico

    Cosa fare e come risolvere il problema

    Come affronto il problema con i miei pazienti

    Una storia a lieto fine


     

     

    Sintomi della cefalea o mal di testa da sforzo fisico

    Mal di testa da sforzo fisico

    Il nome corretto secondo la International Society of Headache è cefalea primaria da attività fisica.

    Viene definita come una cefalea pulsante che dura da 5 minuti a 48 ore, in stretta connessione con l’attività fisica.

    Il termine “cefalea primaria” è una semplificazione della frase “non sappiamo esattamente cosa te la provochi, ma di sicuro non è niente di troppo grave”.

    Ma come capirai tra poco, e proverai in prima persona, il “cosa te la provoca” è spesso una eccessiva tensione dei muscoli cervicali.

    I sintomi tipici della cefalea primaria sono:

    • dolore descritto come lancinante o pulsante
    • dolore che influenza entrambi i lati della testa
    • dolore in stretta correlazione temporale (durante o dopo) l’esercizio fisico

    In altri casi (molto più rari) si può parlare di cefalea secondaria, che tradotto significa “il tuo mal di testa è dovuto ad un problema ben noto, e spesso un problema non simpatico“.

    Chi ha patologie cerebrali ad esempio, spesso se ne accorge dalla comparsa di violenti mal di testa, accompagnati dai sintomi che elenco qui sotto.

    I sintomi della cefalea secondaria da attività fisica sono gli stessi sintomi elencati in precedenza, ma in più si ha:

    • vomito
    • perdita di conoscenza
    • visione sdoppiata
    • irrigidimento della nuca

    Se quindi ti capita di avere un mal di testa “nuovo”, accompagnato dai sintomi sopra, il consiglio è sicuramente quello di rivolgersi al medico.

    Molto spesso la cefalea o mal di testa da sforzo fisico dei miei pazienti assomiglia di più a quella che viene definita “cefalea trafittiva“: la persona sta benissimo, ma improvvisamente quando solleva un carico importante avverte una fitta alla testa, che dura pochi secondi ma che lascia “strascichi” per qualche ora.

    Ti parlerò anche di questi casi e ti racconterò una storia a lieto fine.

     

     

    Cefalea o mal di testa da sforzo fisico: ecco perchè può essere un problema cervicale

    Diversi studi hanno dimostrato come l’aumento di tensione dei muscoli del collo (come in chi ha una posizione della testa troppo in avanti) sia strettamente legato all’aumento di incidenza di cefalea, e diversi studi hanno dimostrato come chi ha avuto miglioramenti al tratto cervicale facendo terapie o esercizi, ha visto una diminuzione del mal di testa.

    Quindi l’equazione è semplice: più tensione muscolare al collo=maggiore possibilità di mal di testa.

     

    trapezio occipito frontale

    Ora prova ad immaginare questa situazione: i tuoi muscoli cervicali sono molto tesi e rigidi, anche quando non stai facendo attività fisica.

    Durante l’attività fisica cosa succede?

    Certo, la tensione dei muscoli aumenta ulteriormente.

    Questo aumento va a sommarsi allo stato di contrattura già elevato precedentemente e…. tac!

    Ecco raggiunta la soglia che fa scattare il mal di testa da sforzo fisico.

    A questo punto avrai capito una cosa: per risolvere il problema dovremo cercare di rendere i tuoi muscoli meno rigidi e tesi..

    Ora vediamo perchè i muscoli si irrigidiscono, e poi capiamo come “scioglierli”.

     

     

    Cosa fare e come risolvere la cefalea o mal di testa da sforzo fisico e le fitte alla testa

     

    Bene, ti ho spiegato il problema, abbiamo (spero) capito cosa te lo causa…e ora che facciamo?

    Semplice: riduciamo la tensione dei muscoli cervicali, in modo da non avere un “terreno fertile” per il mal di testa da sforzo fisico!

    Come spiego in tutti i miei contenuti, per ridurre la rigidità ed i disturbi cervicali sono necessari una serie di passaggi, non bastano certo massaggi o trattamenti.

    Questo perchè il disturbo cervicale è estremamente variegato e “ramificato”: ci rientrano fattori come il metabolismo, la postura, lo stress nervoso…

     

    Rimedio #1: i Consigli generici

    Ci sono dei consigli che vengono a monte di tutto, e sono quelli che io definisco “standard“, cioè quelli che trovi su praticamente tutti i siti e riviste che parlano di questo argomento.

    Solo perchè sono un po’ “usati” (dalle mie parti si direbbe “frusti”) questo non significa che non siano validi, quindi:

    • almeno un’ora prima dello sforzo, bevi in abbondanza, e così anche durante l’attività
    • non buttarti a capofitto nell’attività fisica, ma fai un adeguato riscaldamento
    • non interrompere l’attività senza 5 minuti di defaticamento

    Ora vediamo gli interventi un po’ più “complessi”.

     

    Rimedio #2: Come risolvere la rigidità cervicale “classica”

    Qui gioco in casa. Su L’Altra Riabilitazione.it trovi un sacco di materiale dedicato al disturbo cervicale.

    Ti consiglio di partire dall’esercizio più “classico”, cioè l’allungamento del trapezio, utilizzandolo nella fase di riscaldamento:

    Se vuoi un percorso più specifico sul tuo disturbo, ho creato una guida per il disturbo cervicale che è personalizzabile a seconda del tuo caso: si chiama cervicale STOP!

     

    Rimedio #3: Come migliorare il metabolismo

    Anche qua, su L’Altra Riabilitazione c’è tantissimo materiale, ed anche qua, non posso riproportelo tutto in questo articolo.

    Una ottima base è aumentare l’idratazione: hai visto come la disidratazione può essere pericolosa (lo studio citato prima), quindi evitala!

    Il dibattito su quanta acqua si debba bere è sempre molto accesso, ma secondo me puoi farti guidare dal buon senso con questa semplice regola: prendi il tuo peso, dividilo per 10, e poi dividi il risultato per due.

    Quella sarà la tua quantità di acqua “target”: ti sembrerà tanta, ma se ci pensi non sarà tantissima.

    Esempio: io peso circa 70 kg, quindi diviso 10 fa 7 ,diviso 2 fa 3,5 litri di acqua. Fattibilissimo.

    Ovviamente non devi arrivarci tutto in un giorno, devi andare su di 100-200 ml al giorno, e devi tenere conto che si, i primi giorni andrai in bagno più di frequente.

    Ma non preoccuparti, presto i tuoi muscoli si idrateranno e tornerai ad andare in bagno normalmente (che è 7-8 volte al giorno, chiariamoci!).

     

    Rimedio #4: integrazione di magnesio

    Non sono certo un super-fan degli integratori: tutti i dati dicono che il business che ci sta intorno è enormemente sproporzionato rispetto alla loro efficacia.

    Nella mia pratica clinica ne consiglio 2-3 in tutto, che sono poi gli unici ad aver dimostrato una reale efficacia negli studi clinici.

    Tra questi c’è sicuramente il magnesio supremo: proprietà mio-rilassanti ben note e ottimo rapporto costo-beneficio.

    Un ciclo di magnesio supremo in chi soffre di cefalea legata allo sforzo fisico è sicuramente qualcosa da provare.

     

     

    Una storia a lieto fine

    Tempo fa si presenta un ragazzo presso la palestra del mio centro, chiedendo di fare lavoro per l’aumento della massa muscolare.

    Il ragazzo era già allenato, quindi gli abbiamo proposto da subito esercizi abbastanza impegnativi come trazioni alla sbarra e flessioni alle parallele.

    Per aumentare la massa muscolare, si sa, è necessario arrivare ad un buon livello di sforzo (anche chiamato “cedimento muscolare”).

    Alla prima serie di trazioni alla sbarra, non appena l’esercizio si è fatto duro, il ragazzo interrompe bruscamente a causa di una lancinante fitta alla testa, che gli prendeva dalla nuca all’occhio.

    Si siede, aspetta un po’, la fitta passa e prosegue un allenamento leggero, ma mi ha riferito che per qualche ora “l’ha sentita” ancora presente.

    Allenamento successivo, esercizio diverso ma stessa storia: durante la prima serie di distensioni alle parallele, fitta alla testa.

    Questo sintomo non gli era mai capitato, ma fino ad allora si era allenato soltanto con le macchine, che generalmente sono meno impegnative di esercizi a corpo libero come quelli che gli avevamo proposto.

    A questo punto la situazione andava approfondita.

    Non c’è voluto molto: questo ragazzo 10 anni prima aveva avuto un importante trauma alla caviglia, che aveva necessitato di un importante intervento chirurgico.

    Purtroppo il risultato è che la gamba operata è rimasta un paio di centimetri buoni più corta dell’altra.

    In più, da bambino ha dovuto subire un importante intervento allo stomaco, con apertura dell’addome e tutto ciò che ne consegue.

    Evidentemente questi due importanti fattori portano con sè la necessità di un adattamento della postura del bacino e del torace, con inevitabile impatto sul collo.

    Si tratta di un caso di “rigidità secondaria”, per usare la classificazione di prima.

    E la cosa interessante è che al di fuori della palestra non aveva alcun sintomo (ma in effetti ha 23 anni, quindi ci può anche stare che finora il sistema abbia tenuto).

    Cosa abbiamo fatto?

    Molto semplice, gli ho fatto applicare passo dopo passo il protocollo Cervicale STOP!

    I postumi delle operazioni a cui è andato incontro naturalmente non si possono eliminare, ma se c’è una cosa di cui sono sicuro è: se i muscoli sono in una buona condizione di elasticità, lavorano bene anche in caso di asimmetrie o problemi importanti.

    Ha dedicato 15 minuti a questi esercizi prima di ogni allenamento, per circa un mese, anche se il problema era già quasi sparito dopo i trattamenti.

    La storia è finita così:

    dip sbarra

     

    Se vuoi provare anche tu il protocollo Cervicale STOP!, iscriviti alle lezioni di PROVA GRATUITA compilando il modulo qui sotto!


      Il tuo nome (solo il nome va benissimo)

      La tua email (controlla che sia corretta, mi raccomando!)

      Un recapito telefonico (facoltativo, ma non preoccuparti: nessuno ti chiamerà senza preavviso o senza che tu lo voglia)

       

       

      16 risposte

      1. Bravo Marcello, sempre chiarissimo. Ma se volessi comprare l’e-book, potrei leggerlo su pc? Non ho un dispositivo kindle. A presto!

        Mariarosaria

      2. Grazie Marcello per essere sempre chiaro e fornire spunti, esercizi e riflessioni sempre nuovi ed interessanti. Sono finalmente riuscito a ridurre o eliminare FASTIDIOSI problemi legati alla tensione dei muscoli cervicali grazie ai tuoi esercizi

      3. Ciao, volevo farti i complimenti per l’articolo che ha risposto perfettamente a tutti i dubbi che avevo e soprattutto mi ha permesso di tranquillizzarmi in merito alla suddetta patologia.

        Ben scritto e di facile comprensione, davvero un’ottimo lavoro!

      4. Salve. Ho trovato la spiegazione molto chiara e facilmente fruibile ai non addetti ai lavoro. Mi succede, a volte, dopo un allenemanteo, che il mal di testa si presenti un’ora o anche due ore dopo. Come mai? Consideri che faccio allenamento funzionale.

        1. Bongiorno. Le motivazioni sono bene o male le stesse del dolore che insorge contemporaneamente. Più la tensione è forte, più il dolore emerge durante l’attività. Se la tensione muscolare è eccessiva ma non così tanto, il dolore insorge quando comincia a “calare l’adrenalina”

      5. Salve, congratulazioni per l’articolo… Avrei una domanda, per fitta alla testa si intende pulsazioni dolorose? Perché a me questo capita da un bel po’ dopo l’esercizio in palestra “squat”. Inizio a sentire pulsazioni dolorose al centro della testa o sinistra per lo più in alto sopra il collo.

        1. Buongiorno, grazie per i complimenti. Si, il meccanismo è analogo indipendentemente dal tipo di sensazione

      6. Salve a me capita che dopo aver fatto una partita di calcio spesso dopo 2/3 ore se non mi metto a letto mi viene il mal di testa, e di solito dopo La partita mi sento sempre un dolore sulla spalla dietro dx (presumibilmente trapezio) come se fosse un muscolo teso se riposo diciamo che riesco a stare meglio ma altrimenti non c’è nulla da fare; cosa mi consiglia di fare sempre che sia causa il muscolo spalla ???

        1. Salvatore, il consiglio è sicuramente di fare esercizio di allungamento / stretching e riscaldamento prima della partita: nell’articolo trovi scritto come fare

      7. Buongiorno, volevo capire se i sintomi elencati su fossero collegati ai miei.
        Premetto che raramente soffro di mal di testa fastidioso e non doloroso che parte da dolore alla cervicale e si trasmette allo stomaco in senso di vomito.
        Pratico attività sportiva come calcetto e crossfit e in quest’ultima attività ho avuto due problemi di fitta alla tempia con vena che pulsava ininterrottamente e mal di testa lancinante che nel giro di qualche ora è sparito. Questo problema è avvenuto nei due casi durante l’esecuzione di esercizi da sforzo con bilanciere quando poco prima avevo svolto esercizi di verticale per una ventina di minuti.
        Inoltre alcuni mesi fà ho avuto problemi a tutta la zona della spalla, trapezio e della cervicale restando bloccato per un paio di settimane.
        Grazie

        1. Ciao Michele, in effetti si può trattare di un caso analogo a quello che ho descritto, quindi vale la pena fare le stesse cose..

      Lascia un commento

      Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Scopri come migliorare il tuo dolore cervicale, riducendo il mal di testa, le vertigini e gli sbandamenti.

      Tutti i dettagli sui sintomi e sulle migliori strategie per ridurre al massimo il dolore cervicale

      Marcello Chiapponi

      Ciao, sono Marcello Chiapponi, fisioterapista e personal trainer, responsabile del sito.

      Gli articoli più letti

      La tua cervicale è infiammata ? 5 sintomi che te lo dicono (e cosa farci)

      Dolore all’inguine destro o sinistro: scopri le cause, i sintomi e rimedi

      Dolore alla bassa schiena che prende le gambe: ecco perchè e cosa fare

      Dolore alla schiena sul lato destro o sinistro: da dove viene e cosa fare

      Dolore al braccio e alla spalla: ecco cosa lo causa e come risolverlo

      Mal di schiena: quando la causa è in realtà nell’intestino (irritato)

      Artrosi all’anca: i vari tipi di sintomi(perchè si avvertono e come rimediare)

      Sensazione di bruciore alla schiena: ecco perchè la avverti e cosa ci puoi fare

      Vertigini e giramenti di testa: quando il problema è cervicale (guida completa)

      Cosa fare per il mal di schiena da ernia del disco L4-L5 o L5-S1

      Dolore anteriore della coscia: possibili cause, soluzioni ed esercizi specifici

      Cervicale infiammata: 4 semplici rimedi per i dolori cervicali

      Infiammazione nervo sciatico: rimedi ed esercizi

      Discopatia L5-S1 (o protrusione discale L5-S1): sintomi ed esercizi

      Mal di schiena zona lombare: cosa lo causa e come curarlo con esercizi mirati

      Dorsalgia e dolore in zona scapole: guida completa per migliorarli

      Esercizi per ileo psoas: il muscolo che infiamma schiena e anca

      Dolore in fondo alla schiena: a cosa è dovuto e come liberarsene con 3 semplici esercizi

      Mal di testa lato destro o sinistro: quando la causa è cervicale

      Riduci il dolore cervicale

      Scarica la demo gratuita del mio videocorso sul disturbo cervicale.

      Cervicale_stop