Vuoi un'analisi completa del tuo disturbo in meno di 10 minuti per scoprire i possibili rimedi? Prova il TEST gratuito!
Voglio provare il TEST!

Mal di testa: 7 segnali di quando la causa è nella cervicale

Tra disturbo cervicale e cefalee (in particolare l’emicrania e la cefalea muscolo tensiva) esiste uno stretto rapporto, noto da tempo nell’esperienza clinica dei fisioterapisti, e confermato da diversi studi.

Questo collegamento è stato messo in evidenza ad esempio da Dean Watson (che ha fondato un omonimo istituto per la cura del mal di testa), con uno studio pubblicato sulla rivista Headache.

In questo studio, Watson ha dimostrato che è possibile riprodurre il mal di testa del paziente stimolando manualmente le vertebre cervicali (vedi la “mappa” della corrispondenza più in basso).

Nella pratica clinica dei fisioterapisti (anche mia, che vedo molti disturbi cervicali) è comune vedere che:

  • alcuni mal di testa compaiono a seguito di traumi cervicali
  • molti mal di testa migliorano dopo trattamenti o terapie sul tratto cervicale
  • ad alcune persone si scatenano attacchi di emicrania quando vengono manipolate al collo

Insomma, la correlazione tra i due problemi esiste: forse non per il 100% delle cefalee, ma sicuramente per una buona fetta.

In questo articolo ti mostrerò alcuni segni tipici di cefalea a partenza cervicale (di cui ho parlato anche nell’articolo sull’emicrania cervicale e nella infografica dedicata): non è necessario averli tutti, dato che il problema è talmente complesso da avere caratteristiche diverse per ciascuno.

Come sempre, vedremo anche cosa devi fare in pratica per poter migliorare questo fastidioso disturbo.

Le strategie che vedremo sono prese dalla mia guida Cervicale STOP!, uno strumento che permette di prendersi cura al meglio del proprio disturbo cervicale.

Prova il test gratuito e la DEMO GRATUITA cliccando sull’immagine qui sotto!

Rimedi mal di testa da cervicale


Indice dell’articolo


Sintomi di mal di testa che parte dal collo: infografica

Segnale #1 Il mal di testa compare o peggiora tenendo una postura forzata

postura ufficio

Ti accorgi che stare diverse ore nella stessa posizione ti fa partire l’attacco di mal di testa?

Oppure, dopo essere stato seduto tutto il giorno, senti la testa pesante come un macigno?

Molto probabile che le tue vertebre e muscoli cervicali siano la base del problema: se il tratto cervicale è rigido e contratto, stare in determinate posizioni lo manda in sofferenza.

Una colonna cervicale rigida si può infiammare a causa delle posizioni prolungate, e se questo succede, il mal di testa è un sintomo tipico.

 

Segnale #2: il mal di testa compare con l’attività fisica

In molti soggetti l’attività fisica, specie se richiede un forte uso degli arti superiori, provoca mal di testa.

Come ho spiegato nell’articolo sulla cefalea da sforzo, il problema non è l’attività fisica in sè (quasi mai).

Il problema nasce dal fatto che chi ne soffre ha spesso qualche problema cervicale alla base (noto o “silenzioso”): quando fa attività fisica, va quindi a sollecitare una muscolatura che è già molto sollecitata di suo, scatenando l’attacco.

Per queste persone la soluzione non è abbandonare l’attività fisica, ma lavorare sul disturbo cervicale a monte.

 

Segnale #3: senti che la tua cefalea “parte dal collo”

Per molte persone il collegamento tra disturbo cervicale e cefalea è già evidente così, dato che il loro “percorso del dolore” parte proprio dal tratto cervicale (spesso zona nuca).

Per alcuni soggetti, l’attacco di cefalea coinvolge direttamente i muscoli del collo, arrivando fino alla spalla.

 

Segnale #4: il tuo mal di testa è cominciato dopo un incidente

cervicale colpo di frusta

Succede molto spesso: non hai mai sofferto di mal di testa, ma da dopo quel maledetto incidente sei “entrato nel club”.

Il mal di testa a seguito di un trauma cervicale è estremamente comune, ed è comune che questo problema permanga anche mesi/anni dopo l’incidente.

Il motivo è semplice: con il trauma le vertebre perdono una piccola parte della loro stabilità, situazione che viene però “tamponata” da un maggiore impegno dei muscoli.

Questo maggiore impegno dei muscoli si traduce in una contrattura cronica, che facilmente crea problemi di cefalea.

Questi soggetti traggono molto beneficio da un lavoro di rieducazione muscolare specifica.

 

Segnale #5: in vacanza, il problema sparisce o si riduce di molto

Magari sei uno di quei soggetti con il classico mal di testa del fine settimana, quindi 1 o 2 giorni di riposo non ti sono particolarmente utili.

Quando però passi alla modalità “vacanza”, quindi hai più giorni liberi e sei in un contesto diverso, ecco che magicamente il mal di testa scompare.

Tra i tanti aspetti positivi dell’essere in vacanza (meno stress, orari “liberi) c’è sicuramente anche quello di un minor stato di tensione della muscolatura cervicale, la quale è una vittima preferenziale dello stress lavorativo.

 

Segnale #6: a prescindere dalla cefalea, il collo ti dà problemi

Se anche quando non hai mal di testa il tuo collo è rigido e dolente, questo significa che dalle parti delle tue vertebre cervicali qualcosa non va.

Se oltre che alla cefalea avverti:

è probabile che tu abbia un vero e proprio disturbo cervicale, argomento di cui ho parlato molto qui su L’Altra Riabilitazione.

Lavorare per migliorare questo disturbo sarà molto probabilmente un toccasana per il tuo mal di testa: tra poco vedremo come.

 

Segnale #7: hai mal di testa se dormi troppo

Un grande classico: la domenica mattina dormi anche solo un’ora in più e….zac!!

Un bel risveglio con mal di testa, che ti rovina la giornata.

Questo fenomeno è tipico di quando la zona cervicale è eccessivamente rigida e contratta: come tutte le strutture rigide, non gradisce lo stare troppo ferma.

Di notte ci si muove (naturalmente) meno, e questo può essere “letale” per una muscolatura troppo contratta.

Ho descritto bene questo fenomeno nell’articolo sulla cefalea mattutina.

 

Mappa della corrispondenza vertebre-mal di testa

Come dicevo all’inizio, spesso è possibile riprodurre il “percorso” del mal di testa stimolando manualmente le vertebre cervicali.

Ecco quali sono le risposte che tipicamente si possono ottenere.

Come risolvere cefalea tensiva ed emicrania lavorando sulla cervicale

Avrai visto che sono davvero tanti i potenziali collegamenti tra mal di testa e disturbo cervicale.

In un certo senso, questa è una buona notizia: abbiamo moltissime “risorse” per risolvere il disturbo cervicale.

L’approccio della medicina alla cefalea è nella maggior parte dei casi di tipo farmacologico: sicuramente questo ha delle controindicazioni, ma va detto che alcune persone vengono letteralmente “salvate” da certi farmaci.

Non c’è bisogno di buttare immediatamente tutto fuori dalla finestra (magari si potesse): vedrai però che con un buon lavoro su muscoli e vertebre cervicali (di durata almeno 1-2 mesi) sarà automatica la riduzione di quei farmaci che prendi “al bisogno”.

Per fare un buon lavoro sui muscoli cervicali, ti propongo alcune opzioni nei prossimi paragrafi.

 

#1 Utilizza il materiale gratuito su L’Altra Riabilitazione

L’Altra Riabilitazione è il sito in Italia più ricco di informazioni sul disturbo cervicale.

Puoi consultare la pagina “Introduzione al disturbo cervicale” oppure fare direttamente gli esercizi per ridurre il dolore e la tensione.

Uno di questi, proprio dedicato al mal di testa, lo illustro in questo video preso dal mio canale YouTube (iscriviti!)

 

#2 Utilizza la mia guida Cervicale STOP!

Cervicale STOP! è una guida interattiva che ti permette, grazie ad una serie di TEST, di capire quali siano gli interventi più adatti a risolvere il tuo disturbo cervicale.

In caso di cefalea, Cervicale STOP! è particolarmente indicato, dato che ti può suggerire interventi mirati anche sull’alimentazione e sullo stress emotivo, fattori “chiave” nel problema “mal di testa”

Scopri Cervicale STOP! cliccando sull’immagine qui sotto!

Rimedi mal di testa da cervicale

 

, ,
Articolo precedente
I collegamenti tra emicrania e disturbo cervicale (infografica)
Articolo successivo
Mappa della corrispondenza tra vertebre cervicali e mal di testa

Post correlati

10 Commenti. Nuovo commento

  • Buongiorno mi chiamo Eleonora e soffro di forti attacchi di mal di testa quotidiani ormai da 2 anni dopo 3/4 ore che sono in piedi e che spariscono in posizione sdraiata. A volte sono molto forti da non riuscire a parlare ed accompagnati da nausea e vertigini. Ho problemi di protrusioni in quasi tutte le vertebre cervicali. Il dolore è irradiato al collo che è sempre rigido e dolente. Sto facendo gli esercizi proposti in questo sito ma appena ruoto la testa ho forti capogiri e in qualche ora compare il forte mal di testa. Nessuno è mai riuscito ad aiutarmi e non so più cosa fare e a chi rivolgermi. Premetto che il mal di testa ha cominciato a venirmi dopo un trauma cranico causato da un incidente. Ho 32 anni e faccio la barista da 13. Sono alta e tutti i movimenti al bar sono col capo chino e a spalle chiuse. Grazie se mi può dare qualche indicazione.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      18 Settembre 2018 16:05

      Ciao Eleonora. Ti consiglio di mandarmi una mail dalla pagina contatti, così non facciamo un eventuale botta e risposta sul sito…

      Rispondi
  • Avatar
    Dante Delvecchio
    1 Ottobre 2018 05:29

    Mi chiamo dante Delvecchio e sono nato il 7 agosto 1938.
    Soffro di diabete e sono in cura diabetologica (insulina 4 volte al giorno).
    Da un po di tempo soffro (spesso ma non permanentemente) di un forte dolore alla nuca a volte al risveglio, a volte quando vado in bici da corsa.
    Che cosa mi consigliate di fare ? Da quale medico devo andare ?

    Rispondi
  • Salve, io sono una ragazza di 30 anni..è da un Po di tempo che ho dolore lombare lieve ..che inizialmente era solo al lato destro e a volte mi prende anche alla cervicale portandomi mal di testa, se porto la testa all’indietro mi fa male la nuca..da premettere che faccio lavoro da ufficio, quindi sempre seduta..Ma davvero non so cosa fare o a chi rivolgermi per far sparire questi dolori o che tipo di terapie iniziare. Grazie in anticipo per la risposta. Saluti Anna.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      29 Novembre 2018 06:48

      Anna, per quel che posso aiutare io, sul sito c’è molto materiale, a partire dalla demo gratuita di “mal di schiena passo dopo passo”. Per consigli specifici, può semplicemente partire dalle indicazioni del suo medico..

      Rispondi
  • Salve. Ho 37 anni e soffro di mal di testa da quando avevo 7/8 anni.. Non ho mai fatto un analisi specifico.. Però con gli anni sono andata peggiorando.. Lavorando nelle celle frigorifere.. Ho notato che i miei mal di testa si associavano con la cervicale, forte dolore al collo.. Fastidio della luce e dei suoni.. Nausea e giramenti.. Ho fatto una cura x 6 mesi con alcuni farmaci che mi facevano stare molto stonata.. E ora ricorro spesso ai triprofani.. Ma. Nn sempre fanno effetto. Secondo lei. Ridurrei i mal di testa facendo appositi esercizi.. O dovrei riprendere a seguire una terapia di farmaci come in passato? A volte convivere con questi mal di testa forti.. É impossibile.. Si bloccano le braccia e il dolore sfocia ovunque..
    Aspetto ansiosa una sua risposta.. Cordiali saluti.

    Rispondi
  • Salve. Ho 29 anni.. ormai è da quasi un anno che ho quasi sempre mal di testa ma soprattutto giramenti di testa. Ho fatto delle visite e mi hanno detto che il problema fosse lo stress ma non contenta sono andata a farmi una visita apposta per le cervicali a la fine erano le cervicali. Mi hanno dato da fare delle fisioterapie ma niente da fare.. continuo con i giramenti e il mal di testa.. non so più come uscirne fuori. Aspetto una risposta.. grazie in anticipo

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu