Vertigini e giramenti di testa: quando il problema è cervicale (guida completa)

Marcello Chiapponi

Marcello Chiapponi

Fisioterapista, trainer e responsabile del sito

Di tutti i tanti sintomi del disturbo cervicale, questi sono sicuramente i più difficili da sopportare: sto parlando di sbandamenti, vertigini e sensazione di instabilità.

Chi soffre di disturbi cervicali spesso conosce bene questa sensazione: ci si sente poco lucidi e instabili, come se si stesse camminando sulle nuvole, o come se si fosse in barca.

Oppure si ha quella sensazione di “essere sempre leggermente ubriachi” e di non vederci bene, faticando a mettere a fuoco gli oggetti.

Non si tratta di veri e propri giramenti di testa, perchè di fatto non si vedono gli oggetti girare, ci sente “solo” instabili.

A volte questa situazione sfocia in una sensazione di svenimento imminente, che raramente però arriva davvero.

Fastidioso, eh? Lo so bene: dopo un trauma sportivo, anch’io ho passato 3 settimane “ondeggianti”, e non ne porto un buon ricordo!

Queste sensazioni, tra l’altro, non sono neanche l’aspetto peggiore del problema, che è invece  il non riuscire a trovare risposte dai medici: gli esami sono spesso tutti normali, apparentemente non c’è nulla che non vada.

Si parla sempre di generiche “vertigini da cervicale”, spesso senza tenere conto che si tratta di un problema molto complesso, che per essere risolto richiede interventi su più fronti.

La storia di questa mia cliente è la storia di centinaia di persone: fortunatamente, grazie al metodo Cervicale STOP! (di cui ti parlerò a breve) , è riuscita a migliorare.

Molte volte, il problema vertigini-sbandamenti viene attribuito al generico “stato ansioso”: questo a volte non fa altro che peggiorare le frustrazioni della persona, che ha la sensazione che lo stato ansioso parta DOPO l’inizio della vertigine.

Se soffri di una sintomatologia di questo tipo, sei nel posto giusto.

Questo articolo è una vera e propria guida completa che ti aiuterà a fare chiarezza sul problema e ti indicherà come risolverlo.

Se avrai la pazienza di dedicarmi qualche minuto, capirai:

  • perchè avverti disturbi come quelli che ho elencato o simili
  • perchè sia così difficile avere una diagnosi ed una cura
  • cosa devi fare per risolvere il problema e tornare a stare bene

Ok, cominciamo!

 

PS: tutte le indicazioni e le tecniche che trovi descritte in questo articolo sono prese dal mio corso Cervicale STOP!

Cervicale STOP! è lo strumento più completo che tu possa avere per migliorare il tuo disturbo cervicale ed i sintomi associati, tra cui vertigini e sbandamenti, ed ha già aiutato più di 2000 persone.

Puoi accedere alla DEMO GRATUITA e sperimentare da subito i benefici semplicemente compilando il modulo qui sotto!


    Il tuo nome (solo il nome va benissimo)

    La tua email (controlla che sia corretta, mi raccomando!)

    Un recapito telefonico (facoltativo, ma non preoccuparti: nessuno ti chiamerà senza preavviso o senza che tu lo voglia)

     

     

     


    Indice dell’articolo “vertigini cervicali e sbandamenti”

    Le cause “mediche” di vertigine e sbandamenti

    La causa degli sbandamenti può essere “la cervicale”? Si ma…

    Come puoi aver sviluppato un problema cervicale che ti provoca vertigini

    Il meccanismo con il quale “la cervicale” provoca vertigini e sbandamenti

    E gli altri sintomi che avverto? Debolezza, gambe molli…

    Diagnosi del problema

    Come si cura questo disturbo: esercizi e consigli

    Un percorso mirato e personalizzato: la mia guida Cervicale STOP!

    Come affronto il problema con i miei pazienti

    Conclusione


     

     

    Possibili cause “mediche” di vertigini, sbandamenti e giramenti di testa (NB il problema non è quasi mai quello)

    L’orecchio interno, sede dell’organo dell’equilbrio

    Le cause che possono portare a vertigini e sbandamenti sono davvero tante, ma se stai leggendo questo articolo, è molto improbabile che tu abbia una di queste, che spesso sono facilmente diagnosticate.

    Sto parlando di:

    • problemi dell’orecchio interno (cupololitiasi, labirintite, difsunzioni vestibolari)
    • problemi neurologici (malattie autoimmuni e/o degenerative)
    • traumi cranici
    • malattie vascolari

    Se hai questo genere di sensazioni, molto probabilmente hai già fatto una visita dall’otorino (e se non l’hai fatta, falla!) che ha escluso grosse patologie.

    Una citazione a parte la merita un problema poco frequente e non molto conosciuto chiamato “emicrania vestibolare”: si tratta di una forma di emicrania con caratteristiche vertiginose, che hanno un andamento “a crisi”, esattamente come le emicranie “classiche”.

    Ne parla il mio collega Riccardo Rosa nel suo articolo sull’emicrania vestibolare.

    Dato che la stragrande maggioranza delle persone NON ha queste patologie, cerchiamo di capire cosa può creare sensazione di instabilità anche se tutto appare normale.

     

     

    Sbandamenti e giramenti di testa possono derivare da un problema cervicale? Si, anche se qualcuno dice di no!

    L’origine della sensazione di sbandamento può nascere nelle tue vertebre e muscoli cervicali (come dimostrano diversi studi), ma purtroppo la questione non è così immediata.

    Perché?

    Semplice: dal punto di vista anatomico, NON ci sono problemi del tratto cervicale che possono causare direttamente la sensazione di sbandamento.

    Ecco perché alcuni medici sostengono che i problemi cervicali non possano essere causa di queste sensazioni.

    Di conseguenza:

    • le discopatie cervicali non possono essere causa di vertigini e sbandamenti, anche perchè se così fosse ne soffrirebbe il 70% della popolazione
    • lo stesso si può dire delle ernie cervicali, la versione “evoluta” delle discopatie
    • l’artrosi cervicale non è un motivo sufficiente, e anche qui avremmo una frequenza altissima

    Quindi “la cervicale” non c’entra con la tua sensazione di sentirti “in barca”?

    Il concetto importante è: non bastano i problemi che si trovano nella lastra o nella risonanza a dire “ecco la causa dei tuoi sbandamenti”.

    Il disturbo cervicale si associa a vertigini e sbandamenti solo quando ci sono un “mix” di situazioni predisponenti.

    Tra un attimo le vedremo: leggi con attenzione il paragrafo dedicato, perchè ti aiuterà a capire  come mai avverti queste sensazioni.

     

     

    Ecco perchè i problemi cervicali possono causare giramenti di testa, vertigini e sbandamenti

     

    Se mi hai seguito fino ad ora, dovresti aver capito che:

    • i problemi cervicali possono essere causa di vertigini e sbandamenti ma…
    • a provocarli non sono discopatie, ernie ecc.. ma un mix di fattori, che ora vediamo

    Il problema è che questi fattori non sono visibili praticamente in nessun esame strumentale.

    Ecco perché le indagini che forse hai fatto sono probabilmente tutte negative, o comunque ti hanno trovato “Le solite cose”

    I problemi cervicali possono essere causa di sensazione di sbandamento perché:

    1. le articolazioni e i muscoli cervicali sono degli “informatori”
    2. lo stato di forte contrattura muscolare può disturbare la MICRO circolazione
    3. l’infiammazione costante può irritare il sistema nervoso

     

    #1 Articolazioni e muscoli cervicali sono degli “informatori”: se le informazioni sono scorrette, l’equilibrio è precario.

    I muscoli e le articolazioni cervicali informano il cervello della posizione in cui si trova la testa

    Se si sviluppano problemi a muscoli e vertebre, può darsi che questa informazione arrivi “distorta”, quindi che i muscoli segnalino “testa girata a destra (esempio) “ mentre gli occhi dicano “testa dritta”.

    Questa cosiddetta “confusione recettoriale” può essere una prima fonte della sensazione di vertigine e sbandamento.

    Questo spiegherebbe perché queste sensazioni sono molto frequenti in chi ha grave artrosi, che è proprio una forte usura delle articolazioni vertebrali.

     

    #2 I problemi cervicali possono influire sulla micro circolazione del cervello (ma NON ostacolare l’afflusso)

    I problemi cervicali non ostacolano l’afflusso di sangue al cervello nel senso vero e proprio del termine.

    Ostacolare l’afflusso di sangue al cervello” significa svenimento immediato e/o problemi neurologici gravi: che questo possa avvenire per problemi cervicali è semplicemente impossibile (a meno di rarissimi-issimi-issimi casi).

    La vera ragione per cui si avvertono sbandamenti e vertigini è la riduzione della MICRO circolazione, più che della MACRO

    Nel corpo umano, ogni volta che ci sono muscoli troppo tesi, la micro circolazione in periferia si riduce.

    Nel caso dei muscoli delle spalle, ad esempio, si riduce la micro circolazione alle mani, quindi si hanno le mani fredde.

    Nel caso dei muscoli nucali e occipitali, la “periferia” è rappresentata invece dalla scatola cranica: se si riduce la micro circolazione, si ha una sensazione fastidiosa di mancanza di lucidità, vista offuscata e naturalmente di sbandamento.

     

    #3 L’infiammazione cervicale costante può irritare il sistema nervoso

    All’interno delle vertebre c’è il midollo spinale, un vero e proprio “fascio di fili elettrici” dai quali partono i nervi che vanno in tutto il corpo.

    A livello delle prime vertebre cervicali, il midollo spinale inizia a contenere centri nervosi molto importanti.

    Infatti, appena all’interno della scatola cranica non si parla più di midollo spinale ma di tronco dell’encefalo.

    Il tronco dell’encefalo contiene importanti centri dell’udito, della vista e appunto dell’equilibrio.

    Nello studiare il rapporto tra disturbo cervicale e cefalea, il mio collega Dean Watson ha notato come lo stato di infiammazione del tratto cervicale possa “irradiarsi” a questi importanti segni nervosi.

    Questo può essere non solo il meccanismo alla base della sensazione di vertigine e sbandamento, ma anche di tutti i vari sintomi “neurologici” che si avvertono durante gli stati infiammatori cervicali.

    Parlo principalmente di:

    Tutto chiaro?

    Ok, ora dovresti aver capito perché i tuoi problemi cervicali possono essere alla base delle tue sensazioni di dis-equilibrio.

     

     

    Quali esami servono per capire la causa del problema sbandamenti e giramenti di testa “cervicali”

    Con tutta questa notevole mole di informazioni che ti ho fornito, non dovrebbe essere difficile intuire una cosa:

    “avere una diagnosi precisa è spesso impossibile, perchè i fattori sono tanti e spesso sono presenti contemporaneamente”

    Dal punto di vista medico, la prima cosa che ti serve è escludere che invece una diagnosi ci sia davvero, quindi che tu non abbia veri e propri problemi di competenza dell’otorino e/o del neurologo.

    Per questo, ovviamente ti devi rivolgere al tuo medico curante, che saprà consigliarti al meglio.

    Una volta escluse problematiche “cliniche”, la cosa migliore da fare è iniziare a dare al tuo corpo una serie di stimoli positivi.

    A livello di diagnosi, è più importante sapere come il tuo corpo reagisce a determinati stimoli, piuttosto che il risultato di un esame di laboratorio.

    Magari ti hanno detto che il tuo è un disturbo d’ansia ma….se migliora facendo esercizi per il collo, probabilmente il problema non sarà solo quello no?

    Lo so, la logica ti direbbe: “prima trovi il problema poi lo curi”.

    Come spero avrai capito, con vertigini e giramenti di testa le cose funzionano diversamente.

     

    Come si curano le vertigini e gli sbandamenti causati da problemi cervicali?

    Ok, abbiamo capito i dettagli del problema (o meglio, abbiamo capito che la situazione è complessa…).

    Ora…come si cura?

    Non parliamo di medicinali: non sono di mia competenza e dovresti aver già deciso una eventuale cura farmacologica con il tuo medico.

    Allo stesso modo, particolari cure di problemi otorino-laringoiatrici ti dovrebbero essere già state consigliate.

    Parliamo invece di “riabilitazione”, in un senso molto ampio (vedrai!).

    A livello riabilitativo puoi fare molto, moltissimo per recuperare la stabilità e liberarti da questo disturbo.

    Tantissimi studi (come questo) hanno dimostrato l’efficacia del trattamento riabilitativo in pazienti con sbandamenti e giramenti di testa di sospetta origine cervicale.

    Il mio metodo, che nello specifico è il protocollo “Cervicale STOP!”, è un approccio estremamente completo su tutte le possibili cause del problema.

    Il disturbo cervicale, che abbiamo visto essere la più probabile causa scatenante dei sintomi, può a sua volta essere provocato da:

    • problemi posturali e di movimento
    • eccessivo accumulo di tensione nervosa
    • alimentazione e stile di vita “da rivedere” (si, c’entra anche quello)

    Se ne deduce che per affrontare al meglio il problema, l’approccio deve essere COMPLETO.

    Ora vedremo alcuni suggerimenti presi dal mio corso completo Cervicale STOP!: ti consiglio però di iscriverti alle lezioni di prova gratuita, in modo da avere da subito un programma completo.

    Per farlo, ti basta compilare il modulo qui sotto!

     


      Il tuo nome (solo il nome va benissimo)

      La tua email (controlla che sia corretta, mi raccomando!)

      Un recapito telefonico (facoltativo, ma non preoccuparti: nessuno ti chiamerà senza preavviso o senza che tu lo voglia)

      Esercizio per vertigini e sbandamenti #1: allungamento del trapezio

      Quali che siano a monte le cause che ti provocano disturbi cervicali, possiamo essere sicuri di una cosa: nella quasi totalità dei casi il muscolo trapezio sviluppa un forte stato di tensione.

      Ecco perchè il ridurne la tensione con questo semplice esercizio è benefico nella stragrande maggioranza dei casi.

      Tieni una sensazione di allungamento modesta per 30 secondi, e ripeti 3 volte per lato.

      Fallo a cadenza quotidiana, e non aspettarti risultati istantanei: possono volerci giorni / settimane prima che i muscoli “si convincano”

       

      Esercizio per vertigini e sbandamenti #2: rinforzo dei piccoli muscoli cervicali

      Quando c’è uno stato di infiammazione persistente, c’è sempre un indebolimento dei muscoli, e il tratto cervicale non fa eccezione a questa regola.

      Ecco perchè questo esercizio di rinforzo muscolare è spesso decisivo nella cura di questo disturbo.

      Un buono standard per l’esercizio è ripeterlo 10 volte per 10 secondi, anche qui a cadenza quotidiana.

       

      Altri esercizi e consigli che possono aiutare

      Come dicevo prima, il disturbo cervicale (e di conseguenza la sensazione di vertigine e sbandamento) hanno molteplici cause, che possono risiedere anche nella quantità di stress nervoso che accumuliamo.

      Ecco perchè chi soffre di questi problemi può trarre beneficio anche da:

      • rieducazione della respirazione
      • esercizi di rilassamento
      • esercizi di miglioramento generale della postura
      • alimentazione a basso carico infiammatorio

      Lo so che sembra tanta roba, ma tieni presente che stiamo parlando di un disturbo complesso.

      Ecco perchè è necessario organizzarsi bene, ed ecco perchè ho creato il protocollo “Cervicale STOP!”, che ti guiderà senza fatica in tutti questi aspetti.

      Registrati alla PROVA GRATUITA con il modulo che trovi nel paragrafo precedente!

      CONCLUSIONE

      Siamo giunti alla fine di questa lunga, ma necessaria, trattativa su vertigini, sbandamenti e affini.

      Come ho già detto, parliamo di un disturbo estremamente invalidante, e sicuramente difficile da comprendere.

      Se le spiegazioni di questo articolo ti sono sembrate un po’ ostiche…. beh, sappi che ho fatto una semplificazione della semplificazione.

      Fortunatamente, non devi conoscere tutti questi complessi meccanismi per stare meglio.

      L’unica cosa di cui hai bisogno è ridurre lo stato di infiammazione della tua zona cervicale.

      E questo lo si può fare solo con una graduale rieducazione dei muscoli, e con un miglioramento generale della postura e dello stile di vita.

      Rinnovo l’invito ad iscriverti alla prova gratuita del mio corso Cervicale STOP!, con il quale ti guiderò in modo semplice e graduale verso la risoluzione di questo odioso disturbo.

      Lo sai che Cervicale STOP! ha già aiutato più di 2000 persone? All’interno delle lezioni di prova avrai modo di ascoltare alcune storie molto interessanti…

      Ti aspetto!

       

      9 risposte

      1. Buongiorno dottore ho letto tutto sulle vertigini di cui in questi giorni sto soffrendo…..già 10 anni fa anche….ho capito che nn si sa da dove provengano….il mio è sicuramente un dusturbo cervicale faccio trattamenti osteopatici ma due ancora ho capito poco …lasciamo perdere la vertigine che mi prende quando mi corico….ma dyrante il giorno l instabilità è una cosa schifosa. Spero che passi presto il mio dottore curante mi fa prendere vertiserc24 due al giorno e ora tachifene io sono molto contraria agli antinfiammatori però mi dica lei qualcosa grazie in fede elisabetta 60 anni

        1. Buongiorno Elisabetta. Visto che ha letto l’articolo, avrà capito che il modo migliore di procedere è quello degli esercizi mirati, che trova sia nell’articolo stesso che nella mia guida.

      2. Dottore sto soffrendo di sbandamenti dovuti a cervicale…vorrei avere una consulenza anche se sono distante da lei..sono di Altamura provincia di Bari.cosa posso fare?

      3. Buongiorno quando tempo può durare infiammazione cervicale .. Mi fa male il nervo dietro la testa e mi tira occhio e naso.. O fatto radiografia e tutto bene solo infiammazione.. Già sono passate 2 mesi con antinfiammatori e antidolorifici. Tutto si cominciato anno scorso a novembre mi tirava occhio e naso però con antinfiammatori e passavo. Poi con tempo sempre ritornava con lostesse sintomi. E adesso ritornato e non passa scusa se o scritto male però sono straniera.. Grazie

        1. Ciao Margherita. Purtroppo non c’è una vera e propria risposta alla domanda: non c’è una durata predefinita per uno stato infiammatorio, a meno che non si parli di eventi molto acuti…

      Lascia un commento

      Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Scopri come migliorare il tuo dolore cervicale, riducendo il mal di testa, le vertigini e gli sbandamenti.

      Tutti i dettagli sui sintomi e sulle migliori strategie per ridurre al massimo il dolore cervicale

      Marcello Chiapponi

      Ciao, sono Marcello Chiapponi, fisioterapista e personal trainer, responsabile del sito.

      Riduci il dolore cervicale

      Scarica la demo gratuita del mio videocorso sul disturbo cervicale.

      Cervicale_stop