Vuoi un piano di lavoro ancora più completo e mirato? Scopri la mia video guida!
Clicca QUI!

I 7 migliori RIMEDI VELOCI (e naturali) per il MAL DI SCHIENA LOMBARE: provali!

Quando hai mal di schiena acuto, tutto ciò che cerchi è un rimedio veloce che ti faccia passare in fretta il dolore, che probabilmente ti sta limitando nelle tue attività.

In questo articolo vedremo proprio questo: una serie di rimedi che possono avere un effetto positivo immediato sul tuo mal di schiena, senza passare dalla farmacologia.

Tutto il materiale sui problemi lombari che ho pubblicato su L’Altra Riabilitazione.it e sul mio canale YouTube ha come obbiettivo il “non aver bisogno dei rimedi veloci”: lavorando sui disturbi cronici, il mio scopo è costruire una colonna più forte giorno dopo giorno, che non vada incontro a fasi di dolore acuto.

 

Tuttavia, queste fasi acute possono assolutamente capitare, per tantissimi motivi, come ad esempio:

  •  non hai mai fatto un lavoro mirato di rinforzo della colonna lombare (e questo dolore ti dice che forse è ora di iniziare)
  • lo stai facendo, ma da un tempo relativamente breve
  •  sei andato incontro ad un sovraccarico improvviso e non previsto (capita a tutti)

 

Nell’articolo ho passato in rassegna i 7 rimedi che a mio avviso hanno maggiore efficacia e rapidità nel ridurre le fasi acute del dolore alla schiena.

Ovviamente non si “contrastano” uno con l’altro, anzi li puoi combinare per cercare un effetto maggiore.

Dopo la fase acuta, sarà tuo compito cercare di non ricaderci.

Per capire come non cadere nuovamente nel mal di schiena acuto, leggi il prossimo paragrafo, e poi inizia la rassegna dei rimedi !

 

PS scontato: quando si ha un problema di salute, specie se si parla di un problema che insorge per la prima volta, la cosa corretta da fare è rivolgersi al medico. Non dimenticare di farlo e di seguire in primis le sue indicazioni.

 

Premessa : cerca di non aver bisogno dei “rimedi veloci”

Rimedio veloce = rimedio temporaneo

Di conseguenza, i rimedi veloci sono indicati per lo più nelle fasi acute di dolore alla colonna lombare.

Tuttavia, se hai dolore acuto, significa che in qualche modo hai “chiesto troppo” alla tua schiena.

Non è necessario aver sollevato un carico pesante: anche l’accumularsi di micro-traumi rappresenta una potenziale causa di infiammazione lombare.

Accumulare micro-traumi sulla colonna non è per nulla difficile, è sufficiente:

  •  stare seduti a lungo tutti i giorni
  •  fare poco movimento, indebolendo quindi le strutture
  •  avere i muscoli complessivamente deboli
  •  essere costantemente in tensione emotiva
  •  maneggiare i carichi in modo inadeguato

Più la tua colonna è debole, più è facile che vada incontro a problemi e a fasi di dolore acuto.

Se la tua colonna ha una ottima muscolatura che la sostiene, ben difficilmente andrai incontro a mal di schiena forti ed improvvisi.

Tutto questo per dire: cerca di migliorare lo stato dei tuoi muscoli e della tua colonna quando NON sei in fase acuta, proprio per non finirci.

Per farlo, puoi:

1. guardare la pagina delle risorse sul mal di schiena, nella quale ho raccolto buona parte degli articoli e dei video fatti in questi anni
2. scaricare la DEMO GRATUITA della mia video guida “Mal di schiena passo dopo passo

Mal di schiena passo dopo passo” è una video guida che ti permetterà di migliorare la tua colonna grazie ad un percorso graduale e adattabile al tuo caso.

Scarica la DEMO GRATUITA cliccando sull’immagine qui sotto!

 

Rimedio veloce #1: camminata

Per una larga maggioranza di persone, camminare riduce in modo significativo il mal di schiena.

Il motivo è semplice: in tutte le problematiche muscolo scheletriche, il movimento a basso carico e a bassa ampiezza riduce l’infiammazione e favorisce la lubrificazione articolare.

Camminare fa proprio questo: movimento leggero, carico minimo ma continuativo.

La soglia minima di efficacia è 10-15 minuti, ma puoi sicuramente provare tempistiche più lunghe, fino a 60 minuti.

 

Rimedio veloce #2: “scarico” posturale

Il mal di schiena acuto è spesso legato all’infiammazione di strutture come i dischi vertebrali e le articolazioni tra una vertebra e l’altra.

Riuscire a mettere queste strutture in posizione di “scarico” per almeno 10-15 minuti può favorire i processi anti-infiammatori.

Per scaricare le strutture vertebrali in modo semplice, puoi sdraiarti a terra e mettere i polpacci su una sedia, in modo da formare due angoli di 90 gradi.

In questa posizione si ha un notevole rilassamento del muscolo psoas, il che riduce la pressione sulla colonna vertebrale.

 

Rimedio veloce #3: panca ad inversione

Questo rimedio è una variante “avanzata” del rimedio precedente, in quanto richiede un’attrezzatura specifica: la panca ad inversione.

La panca ad inversione è un attrezzo che si trova anche nei negozi di articoli sportivi, ed è utilizzatissima anche in ambito “domestico”.

Il principio con cui la panca ad inversione lavora è molto semplice: sfrutta la gravità al contrario.

Quando siamo in piedi, la gravità (che va verso il basso) tende a comprimere i dischi vertebrali.

Portandoci (parzialmente) a testa in giù, la panca ad inversione ci mette in una posizione di “scarico” dei dischi e delle articolazioni.

Nella fase acuta ho visto buone risposte con una tempistica di circa 10 minuti, facendo una piccola pausa risalendo 60 secondi.

È un buon rimedio anche dopo la fase acuta, come rilassamento della colonna a fine giornata.

Per questo motivo, e dati anche i limitati costi, può essere considerata un buon investimento: io utilizzo quella della foto qui sotto, e mi trovo molto bene

Rimedio veloce #4: fascia lombare

“Bloccare” la schiena è una di quelle cose che si cerca di fare il meno possibile, dato il potenziale effetto di indebolimento della muscolatura.

Ma nelle fasi acute, una fascia lombare a supporto della muscolatura può essere decisamente utile: dato che la si usa per un tempo limitato (qualche giorno o settimana), gli effetti negativi sulla muscolatura sono assenti o minimi.

Chiaramente, l’utilizzo di una fascia non deve diventare un’abitudine fissa: a supporto della nostra colonna ci devono essere i muscoli, non un ausilio artificiale!

Una fascia semi-rigida come quella della foto qui sotto può andare bene per dare “respiro” temporaneo alla colonna vertebrale.

 

Rimedio veloce #5: impacchi caldo umidi (o doccia calda)

In genere il dolore acuto equivale ad uno stato infiammatorio.

Gli stati infiammatori, lo sanno più o meno tutti, vengono AUMENTATI dal calore e RIDOTTI dal freddo.

La logica direbbe quindi che sia conveniente fare un impacco ghiacciato, piuttosto che un impacco caldo, no?

In effetti, anche l’applicazione di ghiaccio può essere una soluzione valida, con pochissime se non nulle controindicazioni.

Una larga maggioranza di persone trae però maggior beneficio dall’applicazione di impacchi caldi (o dalla classica doccia calda) per un semplice motivo: nel mal di schiena buona parte del dolore è spesso causato dalla forte contrattura muscolare.

Il caldo ha un noto effetto di rilassamento muscolare, ed ecco spiegato perché molte persone lo trovano benefico, anche nelle fasi acute.

 

Rimedio veloce #6: la TENS

La TENS (transcutaneous electrical nerve stimulation) è una delle modalità di elettrostimolazione più utilizzate nell’ambito della medicina fisica.

Lo scopo della TENS è piuttosto semplice: stimolare alcune fibre nervose, che sembrerebbero “chiudere il cancello” agli stimoli dolorosi.

Un po’ la stessa cosa di quando prendiamo una botta e ci tocchiamo la parte che ci fa male: la stimolazione tattile della mano riduce immediatamente lo stimolo doloroso.

La TENS ovviamente non fa miracoli, ma ha bassissime controindicazioni, e può essere usata anche per 1-2 ore al giorno senza problemi.

Un apparecchio domestico portatile ha oramai dei costi irrisori, quindi può valere la pena acquistarlo anche se si presuppone che il suo utilizzo sia temporaneo.

Tieni presente che la TENS si può utilizzare su qualsiasi distretto corporeo, quindi può andare bene anche per problemi futuri (puoi fare tutti gli scongiuri del caso, ma pensare di non andare mai incontro ad una problematica di dolore scheletrico….beh devi avere molta fede…)

Un apparecchio economico e dal semplice utilizzo può essere questo

Rimedio veloce #7: stretching dolce e mirato

In fase acuta in genere l’esercizio terapeutico non è particolarmente consigliato, e tra l’altro spesso è praticamente impossibile eseguirlo.

Tuttavia, ci sono almeno un paio di esercizi di allungamento delicato che vale la pena provare, dato che sono spesso fattibili anche durante le fasi di dolore.

Le raccomandazioni da seguire sono:

  1. l’esercizio non ti deve causare dolore acuto
  2. il dolore non deve aumentare subito dopo l’esercizio
  3. il dolore non deve aumentare nelle ore immediatamente successive

Se non noti una delle situazioni qui sopra, e se anzi noti un leggero beneficio, puoi procedere con questi esercizi 2-3 volte al giorno.

 

#1 Allungamento dello psoas

L’allungamento dello psoas è il mio “esercizio prezzemolo”, nel senso che lo utilizzo in diverse problematiche, e mi dà sempre molte soddisfazioni.

Questo esercizio si può tranquillamente svolgere anche in fase acuta (nella maggior parte dei casi) e può anche dare un sollievo immediato.

 

#2 Allungamento dei muscoli femorali

Anche l’allungamento dei muscoli femorali può essere utilizzato in varie casistiche. Data l’importante funzione che svolgono sulla colonna vertebrale, un moderato allungamento può essere di aiuto anche in situazioni di dolore acuto.

Cosa fare dopo la fase acuta

Quando il dolore della fase acuta sarà in larga parte diminuito, sarai solo a metà dell’opera.

I “rimedi veloci” non serviranno più, ma sarà il momento di pensare a come migliorare le condizioni di base della tua colonna lombare.

Più le condizioni di base della tua colonna vertebrale sono critiche, più andrai incontro facilmente a nuove fasi acute.

Per migliorare le condizioni della tua colonna vertebrale, la cosa migliore da fare è concentrarsi sui propri muscoli, che sono l’unico tessuto “allenabile” che abbiamo.

Il tuo obbiettivo sarà quindi quello di avere muscoli meno rigidi possibile e più “efficienti” possibile.

Una buona condizione muscolare ti permetterà di stare bene anche se ti hanno già riscontrato:

  • discopatie
  • ernie
  • artrosi vertebrale

Su L’Altra Riabilitazione.it e sul mio canale YouTube trovi davvero tanto materiale per migliorare la tua muscolatura: buona parte del materiale l’ho raccolto in questa pagina.

Se ti interessa anche un percorso completo, progressivo e assolutamente “personalizzabile”, ti consiglio di dare un’occhiata alla mia video guida “Mal di schiena passo dopo passo”.

Grazie alla procedura che ho attentamente studiato, “Mal di schiena passo dopo passo” ti aiuterà a costruire il miglior percorso che tu possa fare per migliorare il tuo mal di schiena nel medio e lungo termine.

La mia video guida ha già aiutato tante persone, come puoi vedere dalle varie testimonianze e recensioni sulla mia pagina Facebook.

Testimonianza di Fabio Pirini

Se ti va di provarla, scarica la DEMO GRATUITA cliccando sull’immagine qui sotto!

Conclusione

Abbiamo visto una completa rassegna di rimedi veloci (e naturali) contro il mal di schiena.

Come ho ripetuto più volte, questi rimedi valgono come “tampone” ad una situazione acuta: passata quella, dovrai concentrarti sulla situazione “a monte”.

Ora hai a disposizione una serie di informazioni e strategie sia per ridurre il dolore nell’immediato, sia per farlo nel medio-lungo termine.

Non ti resta che metterti al lavoro: se hai qualche domanda, falla pure cliccando sulla pagina contatti!

, ,
Articolo precedente
SPALLE FORTI=CERVICALE PIÙ SANA: ecco come fare! (3 esercizi rapidi)
Articolo successivo
Migliore POSTURA = più ENERGIA, meno DOLORI ! Ecco come fare!

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu