Vuoi un piano di lavoro ancora più completo e mirato? Scopri la mia video guida!
Clicca QUI!

Sensazione di bruciore alla schiena: ecco perchè la avverti e cosa ci puoi fare

La sensazione di “dolore” vero e proprio non è l’unico sintomo che caratterizza i problemi alla colonna vertebrale.

Anche se non è il sintomo più comune, molte persone avvertono più che altro una sensazione di bruciore, che può essere localizzata a livello dei muscoli o proprio al centro della colonna.

Questa sensazione di bruciore si può manifestare tanto nella parte bassa (colonna lombare) che nella parte alta (colonna cervicale). Non è raro che sia interessato anche il tratto centrale (colonna dorsale)

Queste sensazioni spesso non hanno nulla a che vedere con i problemi di cui normalmente si parla quando l’argomento è il mal di schiena: mi riferisco alle discopatie, alle ernie al disco, all’artrosi

La sensazione di bruciore è un sintomo che sicuramente merita di essere un po’ approfondito, e che richiede una serie di accorgimenti per essere risolto al meglio.

In questo articolo ti spiegherò a cosa può essere dovuta questa sensazione, e naturalmente vedremo le migliori tecniche per risolverla.

Partiamo prima con il capire come si manifesta il problema, poi vedremo a cosa è dovuto ed infine come risolverlo.

Al lavoro!


Indice dell’articolo


Video riassuntivo

Ecco un video riassuntivo dell’articolo che ho pubblicato sul mio canale YouTube (iscriviti!)

I sintomi: come e dove si manifesta la sensazione di bruciore alla schiena

Come dicevo nell’introduzione, la sensazione di bruciore è nettamente differente dal dolore vero e proprio.

È una sensazione che si può avvertire anche a riposo (persino a letto) e che in genere non è particolarmente legata ai movimenti.

Può sicuramente essere accentuata dallo sforzo fisico: camminare a lungo o sollevare pesi possono essere situazioni in cui il problema emerge in modo particolare.

A volte si tratta di una situazione percepibile anche al tatto: toccando la colonna o i muscoli in determinati punti, si avverte chiaramente una sensazione di calore sottostante.

La sensazione di bruciore si manifesta tipicamente:

  • al centro della colonna, sulle vertebre
  • sui muscoli laterali

Il tutto può avvenire, come già detto, a livello del tratto lombare, di quello cervicale o del tratto dorsale, come puoi vedere nell’immagine.

 

A cosa è dovuta la sensazione di bruciore alla schiena

Se sei seduto dall’altra parte della mia scrivania e mi riferisci come sintomo principale il bruciore, io comincio di nascosto a mettermi le mani nei capelli.

No, non c’è nulla di cui preoccuparsi: lascia che ti spieghi perchè dico così.

La sensazione di bruciore NON è un sintomo tipicamente “meccanico”, ovvero un sintomo che consideriamo causato da:

  • i movimenti che fai o che hai fatto
  • incidenti che hai avuto
  • usure che la tua colonna ha sviluppato

Di conseguenza, in genere la sensazione di bruciore NON c’entra (più di tanto) con discopatie, ernie ecc….

Ma allora a cosa è dovuto questo fastidioso sintomo?

Non è facile dare una risposta.

Considerando la mia esperienza e la letteratura clinica, posso dire che riscontro questo sintomo in caso di:

  • infiammazione diffusa a tutte le strutture della colonna
  • muscoli estremamente deboli
  • sovraccarico del sistema nervoso
  • problema che non parte dalla colonna

Il dramma è che a volte queste condizioni sono assolutamente presenti contemporaneamente!

Lascia che ti spieghi brevissimamente queste cause: sarà così più facile per te capire come migliorare.

 

#1 infiammazione diffusa a tutte le strutture della colonna

Se i muscoli e le strutture vertebrali sono molto deboli, la colonna può andare incontro ad una situazione di infiammazione diffusa, perchè non c’è un singolo “punto debole che cede”.

In rarissimi casi questo problema è dovuto ad una problematica reumatologica (spondiliti): parla con il tuo medico per sicurezza, lui saprà se è necessario o meno un consulto con un reumatologo.

 

#2 muscoli estremamente deboli

In persone con corporatura molto esile e con muscoli estremamente sottili, i pochi muscoli che ci sono possono essere molto contratti (proprio perchè sono in pochi devono lavorare molto!).

Quando i muscoli sono contratti per molto tempo, si possono irritare le terminazioni nervose: quando sono i nervi (cioè i “fili elettrici” del nostro corpo) ad essere irritati, il bruciore è una sensazione normale.

 

#3 sovraccarico del sistema nervoso

Lo dicevo un attimo fa: quando sono i nervi ad essere il problema, è comune che il sintomo principale sia il bruciore.

I nervi sono una complessa rete di fili elettrici che porta movimento e sensibilità in tutto il corpo.

Questa rete di fili elettrici è comandata da un unico grande regista: il cervello.

Situazioni di stress e/o ansia persistente possono provocare un sovraccarico del cervello, e di conseguenza di tutta la rete nervosa.

In queste condizioni è normale che appaiano formicolii, dolori diffusi, tremori e, per l’appunto, sensazioni di bruciore.

 

#4 problema che non parte dalla colonna

Ho dedicato un articolo al collegamento tra colonna lombare e intestino.

La nostra colonna vertebrale riflette spesso lo stato dei nostri organi interni, in particolare di quelli digestivi.

Uno stato di sofferenza infiammatoria cronica a livello viscerale può tradursi in una sensazione di bruciore a livello dei muscoli della schiena.

 

Il bruciore alla schiena non è il “classico” mal di schiena: ecco cosa devi sapere

Tra un attimo vedremo una strategia efficace per migliorare i sintomi, ma prima assicurati di avere chiari i punti fondamentali del problema.

  1. il bruciore non è generalmente un sintomo “meccanico”, quindi non preoccuparti di ernie, discopatie e co…
  2. raramente (ma non è impossibile al 100%) si tratta di un problema reumatologico, quindi assicurati di averne parlato al tuo medico, specie se lo avverti da poco
  3. è un problema che richiede un approccio GLOBALE, perchè facilmente è causato da fattori che non hanno a che vedere con la colonna (stress, infiammazioni a livello digestivo, debolezza muscolare diffusa…)

Ok, ora vediamo una strategia efficace per migliorare da subito i sintomi.

Le strategie di cui ti parlerò sono prese dalle mie guide “Cervicale STOP!” e “Mal di schiena passo dopo passo”.

Si tratta di due prodotti molto utili se soffri di disturbi di questo tipo, in quanto ti permettono (grazie ad una serie di test di autovalutazione) di capire quali sono le tecniche più adatte al tuo caso.

Se i tuoi bruciori sono principalmente alla parte alta della colonna o al centro (tratto cervicale e/o tratto dorsale), scarica la DEMO GRATUITA di Cervicale STOP! cliccando sull’immagine qui sotto:

Se invece i tuoi bruciori sono nella parte bassa della schiena (tratto lombare), allora ti serve la DEMO GRATUITA di “Mal di schiena passo dopo passo”:

 

Cosa puoi fare per migliorare questo fastidioso sintomo

Eccoci arrivati al momento in cui dobbiamo cercare di migliorare la situazione!

Ecco i migliori consigli che ho a disposizione, e che puoi mettere in atto da subito per ridurre ed eliminare le sensazioni di bruciore alla colonna.

Te lo dico in anticipo: c’è da rimboccarsi un po’ le maniche.

Come dicevo prima, si tratta di un sintomo spesso legato ad una serie di situazioni di non immediata e facile risoluzione: stress generalizzato, ansia, debolezza muscolare….

Di questi consigli che vedrai, possiamo tranquillamente dire che “più ne applichi, meglio è”.

Ma visto che spesso non abbiamo tempo di fare tutto, ti consiglio di dare un’occhiata alle guide di cui ti ho parlato qualche riga sopra, che ti aiuteranno a capire quali sono le strategie più adatte al tuo caso.

 

#1 Fai allungamento generale dei muscoli della colonna

Gli esercizi di stretching, per quanto ci si possano fare mille discussioni intorno, sono sicuramente molto utili in questi casi.

Ecco quindi un paio di video presi dal mio canale YouTube (iscriviti!) con esercizi che ti possono aiutare, sia sulla colonna cervicale che su quella lombare

#2 Rinforza la muscolatura

Con lo stretching cerchiamo di rendere i muscoli meno contratti e rigidi.

Come dicevamo prima, il problema è spesso anche quello dei muscoli troppo deboli, che inevitabilmente li porta ad essere maggiormente contratti.

Ecco quindi due video dedicati al rinforzo della parte alta e della parte bassa della colonna: utilizza quelli che più ti servono.

#3 Segui una alimentazione circadiana e anti infiammatoria

Esiste un argomento più discusso e con teorie più contrastanti che non sia…l’alimentazione?

Lungi da me (e dalla mia co-autrice nutrizionista Annalisa Caravaggi) buttarmi nella mischia di discorsi che spesso non hanno senso, perchè ad oggi NON esiste una verità assoluta sull’alimentazione.

Tuttavia, lo schema di alimentazione circadiana e anti infiammatoria, che puoi trovare in questo articolo, è uno schema di base facile da seguire, e molto utile in termini di miglioramento dei sintomi.

Dacci un’occhiata e provalo!

 

#4 Aumenta il carico anti-infiammatorio della tua alimentazione grazie agli Omega 3

Uno dei pochi integratori che hanno dimostrato una efficacia in studi clinici sono gli acidi grassi Omega 3, i quali hanno notevoli proprietà anti infiammatorie nel lungo periodo.

Un prodotto come quello qui sotto potrebbe costituire un aiuto, SOLO SE lavori anche sull’alimentazione. Nessun integratore potrà avere effetti anti infiammatori se ti mangi una pizza ogni sera.

Un ulteriore piccolo aiuto, difficilmente quantificabile, potrebbe venirti dall’utilizzo dell’acido alfa lipoico, che è frequentemente utilizzato per le infiammazioni dei nervi periferici

#5 Utilizza tecniche di rilassamento

Dato che molto spesso alla base della sensazione di bruciore c’è un sovraccarico del sistema nervoso, possono risultare utili tutte quelle tecniche che mirano al rilassare contemporaneamente corpo e mente.

Ce ne sono davvero un milione tra le quali scegliere: in questo articolo ho descritto quella che uso io, ovvero lo “scanner della pesantezza

 

Conclusione

Se hai letto con attenzione l’articolo, avrai capito perchè mi metto di nascosto le mani nei capelli quando qualcuno mi riferisce il bruciore come sintomo principale.

Ora sai che non è un problema che si risolve in maniera immediata, ma che non è certo un ostacolo insormontabile.

Ti invito ancora a scaricare la DEMO GRATUITA della mia guida “Cervicale STOP!“, che potrà aiutarti a trovare le migliori tecniche se soffri di bruciori alla parte alta o media della colonna:

 

Oppure puoi utilizzare “Mal di schiena passo dopo passo” se il bruciore ti si localizza per lo più a livello lombare

Naturalmente, se hai bisogno di qualche chiarimento, puoi scrivermi dalla pagina contatti!

Articolo precedente
Dolore al braccio e alla spalla: ecco cosa lo causa e come risolverlo
Articolo successivo
Come recuperare la postura corretta delle spalle e ridurre i dolori (4 step)

Post correlati

No results found

10 Commenti. Nuovo commento

  • Salve ho 45 anni ho un bruciore alla schiena lato sinistro a volte sento di pungerere
    altezza centrale della colonna
    questo fenomeno mi e’capitato dopo 3 mesi che ho fatto attivita’fisica

    Rispondi
  • B.giorno…4mesi fa ho avuto uno schiacciante delle vertebre lombo sacrali cn ernie e osteoporosi…dolori da sembrare paralizzata..cn la terapia del dolore x un po ha avuto alti e bassi…poi SN stata di nuovo male, nuovo ricovero e ferma a letto x tre settimane…quindi i miei piedi sembrano atrofizzati e Nn riesco a stare in piedi neanche sorretta, fanno troppo male..devo farr. Tantafisio…ma la mia paura è…. Il dolore alla schiena cn bruciori è tornato, ed io ho una forte paura che mi riprende il dolore infernale dello schiacciante che m ha tenuto a letto x due mesi umpedendomi di camminare…cosa posso fare..mi dica qlks xfavore…oltre TT se devo alzarmi anche x star seduta, devo mettete un busto fastidiosissimi…possono ritornare quei dolori infernali?

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      4 Novembre 2018 09:14

      Buongiorno Anna. Le ernie e l’osteoporosi non c’entrano nulla con lo schiacciamento. Se ha avuto un incidente con schiacciamento vertebrale è logico aspettarsi che i dolori diminuiscano di mano in mano che ci si allontana dall’incidente…

      Rispondi
  • Salve soffro di ansia persistente con relativo irrigidimento dei muscoli cervicali, questo problema mi causa sbandamenti e malessere generale, ma da una settimana accuso una sorta di bruciore alla scapola destra, a livello epidermico, ma non ho nessun arrossamento, al tocco sento il bruciore, può essere causato dalla cervicale o da una debolezza muscolare? Per intenderci il solo poggiare dei vestiti mi da fastidio, sopportabile, ma cmq fastidio

    Rispondi
  • Buongiorno, ho 46 anni ed ho gli stessi sintomi di Vincenzo, senza però aver fatto attività fisica. Il doLore è partito all’improvviso a fine estate e prosegue tutt’ora, in genere lo sento se faccio determinati movimenti. Al mattino è più dura e diminunisce durante la giornata. Speravo che passasse da sé, perché qualcosa di simile mi era già successa l’anno scorso e sparì in un paio di mesi. Ho vitamina d molto bassa. Può dipendere da quello?

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      29 Novembre 2018 07:19

      Elisa, come avrai letto è molto difficile capire le cause di problemi di questo tipo…e anche la correlazione con la vitamina d è molto difficile da determinare, anche se poco probabile…

      Rispondi
  • Salve,e da un mesetto ke avverto sensazione di bruciore tra collo e braccia e ascelle,a volte anke le caviglie,ho fatto i raggi e ho la prima e la seconda attaccate,dipenderà da questo?non ho nessun altro sintomo.assumo metformina x insulina alta.ho 30anni. grazie x la risposta

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      3 Gennaio 2019 10:43

      Non è possibile dirlo con solo questi dati purtroppo, può essere anche l’iperglicemia…

      Rispondi
  • Avatar
    giorgio giorgi
    5 Luglio 2019 19:28

    anche io accuso sensazione di bruciore nella parte alta della schiena zona scapole clavicole ed anche nella parte anteriore cosce
    penso che sia ansia persistente da cui non riesco ad uscirne accentuandone i sintomi
    fatta l elettromiografia risultata negativa

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu