Vuoi capire come migliorare il tuo mal di schiena? Prova la mia demo gratuita!
Clicca QUI!

Quale sport fare o evitare per il mal di schiena? Come fare attività fisica anche con ernie, discopatie o artrosi 

Se soffri di mal di schiena o disturbi cervicali ricorrenti, è una domanda che probabilmente ti sei fatto: quale sport devi evitare, e sopratutto quale attività fisica puoi fare per migliorarlo?

Se fai questa domanda in giro, puoi ricevere centinaia di risposte diverse (anche molto contrastanti tra loro) , perchè naturalmente tutti, sia gli operatori del settore che i profani, hanno una loro opinione a riguardo.

Il problema è: su cosa è basata questa opinione?

Il più delle volte, la risposta è: si tratta del proprio parere personale più che su di un reale fondamento scientifico.

In questo articolo andremo a vedere come molti dei consigli che si leggono e che si sentono dire in giro (purtroppo anche da alcuni professionisti) siano in realtà vere e proprie “leggende metropolitane“.

Cercheremo quindi di capire:

  • se c’è qualche attività che ti può essere utile o che devi evitare
  • se è possibile fare la tua attività preferita anche in presenza di mal di schiena

IMPORTANTE: in questo articolo parlerò di casi di mal di schiena “classico”, cioè senza gravissimi problemi alla colonna.Sono consigli che possono valere benissimo per persone con discopatie, ernie “storiche”, artrosi ecc… ma ci sono anche persone che prima di fare attività dovrebbero sentire l’opinione di un neurochirurgo, come ad esempio:

  • persone con scivolamenti vertebrali significativi (spondilolistesi)
  • persone con gravi ernie che danno segni neurologici
  • persone con stenosi del canale vertebrale
  • persone con esiti di interventi chirurgici alla colonna o instabilità vertebrali

Indice dell’articolo


 

Mal di schiena e attività fisica: quali sono gli sport da evitare?

 

Dati alla mano, la risposta alla domanda è semplice: non c’è NESSUNO sport che vada evitato a prescindere.

I motivi sono due:

  • non è detto che le sollecitazioni di uno specifico sport siano negative per la schiena del singolo soggetto. Prendi due persone con il mal di schiena e falle correre: è possibilissimo che una peggiori il dolore, ma che l’altra ne tragga addirittura beneficio
  • il problema potrebbero non essere le sollecitazioni dello sport, ma la debolezza della colonna: a quel punto qualsiasi sollecitazione di troppo scatena il dolore. La soluzione dovrebbe però essere rinforzare la colonna, non evitare le sollecitazioni.

Alle Olimpiadi di Rio nel 2016, una altissima percentuale di atleti mostrava severe degenerazioni della colonna lombare, con la più alta percentuale nei tuffatori.

Questo significa forse che… lo sport fa male alla schiena?

Assolutamente no: nel mio articolo sul mal di schiena lombare ho mostrato come la prevalenza di problemi ben evidenti nella risonanza magnetica fosse altissima anche in persone sedentarie, ma soprattutto in persone SENZA DOLORE!

La sostanza del discorso è che per capire se un gesto atletico sia adatto a te occorre:

  • provare sul campo, senza basarsi su pre-concetti
  • andare con una preparazione specifica. Se ho mal di schiena anche solo a starnutire, inutile provare a fare attività sportiva.

 

Leggende metropolitane su attività fisica e mal di schiena

Il nuoto fa bene (ma non a rana eh, sarai mica matto!), mentre la corsa fa male, lo sanno tutti!!!!!

Andare in palestra a sollevare pesi? Stai scherzando vero? Assolutamente da evitare!

L’argomento “sport e mal di schiena” è purtroppo quello più ricco di vere e proprie leggende metropolitane.

Vediamo le più comuni.

Leggenda #1 correre fa male alla schiena: FALSO

treadmill

Questa è una delle raccomandazioni che si sente più di frequente: se hai mal di schiena non puoi correre, perchè ci sono troppe sollecitazioni.

Cosa vera? Non necessariamente.

Studi che dimostrino che correre aumenta il rischio di mal di schiena non ce ne sono: un recente studio ha rivelato come il 49% dei maratoneti intervistati abbia riferito un miglioramento del mal di schiena da quando corrono, mentre solo il 27% ha riferito un peggioramento.

Nonostante sia evidente che correre, come qualsiasi altra attività, crei sollecitazioni ai dischi intervertebrali, il fatto che correre peggiori la situazione della schiena non è assolutamente dimostrato.

Anche il fatto che la maggiore rigidità muscolare dei corridori porti con più facilità mal di schiena, non è supportato da alcun dato, anzi ci sono studi che dimostrano il contrario, cioè che non c’è relazione.

In sostanza: la colonna è perfettamente in grado di reggere le sollecitazioni della corsa, qualora questa sia correttamente programmata.

Questo vale in generale, ma la TUA colonna riuscirà a reggerle? Lo saprai dopo che avrai applicato la mia strategia, che vedremo tra poco.

 

Leggenda #2 I pesi in palestra fanno male alla schiena:FALSO

Mettiamocelo in testa: la schiena è fatta per sostenere carico, quindi evitare i carichi per evitare che la schiena faccia male rischia di innestare un pericoloso circolo vizioso di indebolimento muscolare e dolore conseguente.

Anche qui, non si registra una maggiore incidenza di mal di schiena in chi fa pesistica rispetto ad altri sport, anzi a dire il vero l’incidenza è minore!.

Guarda in questa immagine una classifica dell’incidenza degli infortuni nello sport negli Stati Uniti: è del 1994, ma la situazione non è cambiata:

classifica-infortuni

E attenzione che ho detto pesistica, non attività amatoriale in palestra, nella quale (se eseguita a dovere) i carichi sono sicuramente minori!

Peraltro, sono sorprendentemente presenti dati che indicano che la tecnica con cui si sollevano i pesi, anche al lavoro, non è così importante nel prevenire il mal di schiena.

In sostanza:  la tua colonna è perfettamente in grado di sostenere un allenamento in palestra ben programmato. Ci riuscirà davvero? Anche qui, lo saprai dopo che avrai applicato la mia strategia.

 

Leggenda #3 Il nuoto fa bene alla schiena: FALSO

Questa è una leggenda talmente infondata che non voglio neanche soffermarmici più di tanto: ti linko direttamente ai risultati di google per “nuoto non fa bene alla schiena“, in modo che tu possa vedere quante ricerche hanno dimostrato che il nuoto in realtà non ha significativi effetti nè sul mal di schiena nè sulla scoliosi.

Poi, per qualcuno potrà anche essere successo di migliorare col nuoto, ma che non lo si consideri una terapia, per carità.

 

E la bicicletta? Luci e ombre…

Qui la situazione si fa leggermente più spinosa: gli studi dicono che c’è una correlazione tra assetto della bici e possibilità di avere mal di schiena, ma uno studio del 2010 su 100 professionisti (che quindi non avevano la bici potenzialmente assettata male) ha rivelato che l’incidenza di dolore alla schiena era di oltre il 40%.

Non è difficile capire perchè, visto che in bici si tiene comunque una posizione nella quale i muscoli lombari sono fortemente sollecitati, e la si mantiene per delle ore.

Nella corsa a piedi amatoriale, difficilmente andiamo sopra i 60-70 minuti, mentre anche ciclisti non professionisti fanno tranquillamente giri di 2-4 ore.

In sostanza: i dati ci dicono che la corretta posizione in bici può evitare il mal di schiena, ma che comunque lunghi giri in bici effettuati con regolarità ci mettono un po’ più a rischio di avere problemi, anche se generalmente una colonna in buono stato di forma è perfettamente in grado di reggere l’impatto.

 

Mal di schiena e attività fisica: quale sport è meglio fare?

Se hai seguito il discorso finora hai capito che non abbiamo dati certi per dire che la tale attività faccia male e che la tal altra faccia bene, in chi soffre di mal di schiena.

Parti da un presupposto fondamentale: NESSUNA ATTIVITÀ FISICA È PENSATA PER RISOLVERE I PROBLEMI ALLA COLONNA.

Si può pensare che Yoga e Pilates, essendo attività che mirano a distendere e a rinforzare i muscoli in modo progressivo, possano essere attività particolarmente benefiche.

Effettivamente, ci sono anche studi che dimostrano una certa efficacia dello Yoga e del Pilates nel combattere il mal di schiena: se ti piacciono, può valere la pena provare.

L’importante è non concepirli come NECESSARI: l’unica attività che potrebbe essere considerata necessaria è la RIEDUCAZIONE MIRATA.

 

Rieducazione mirata: la vera attività fisica utile alla colonna

Se hai sviluppato mal di schiena, è perchè i tuoi muscoli e le tue vertebre non sono riusciti a mantenere un buon equilibrio con le sollecitazioni che gli hai dato nel corso della tua vita.

Potresti avere alcuni muscoli troppo deboli, oppure potresti averne altri troppo rigidi; ancora, potresti avere delle caratteristiche di particolare debolezza dei dischi vertebrali.

Qualsiasi attività fisica NON potrà lavorare in modo MIRATO su questi aspetti, perchè sono soltanto TUOI.

L’attività ideale sarebbe quindi la rieducazione mirata, che rinforzi le tue debolezze e distenda le tue rigidità.

All’attività di rieducazione mirata potrai poi affiancare una normale attività fisica che ti piaccia, con le indicazioni e raccomandazioni che vedremo tra poco.

Ma…come si fa ad avere un piano di rieducazione mirata?

Ovviamente una buona scelta è quella di rivolgersi ad un fisioterapista professionista, che magari abbia una buona esperienza in riabilitazione sportiva.

In alternativa, puoi consultare la mia guida “Mal di schiena passo dopo passo“: contiene una serie di TEST per capire quali siano le tecniche e gli esercizi migliori, a seconda delle tue caratteristiche.

Scarica la DEMO GRATUITA cliccando sull’immagine qui sotto!

 

 

Come tornare a fare attività fisica anche con il mal di schiena o i dolori cervicali

Come hai visto finora, non esiste una attività sportiva che faccia male, nè una che faccia bene, perchè le attività sportive non sono pensate per migliorare i problemi alla schiena.

Detto questo, dobbiamo fare attività fisica perchè ci piace e perchè ci dà benessere generale, non perchè fa bene alla schiena.

Ma proprio perchè se stai leggendo questo articolo, qualche problema alla schiena potresti averlo, quindi dobbiamo fare in modo che la nostra colonna sia pronta.

I passi che dovrai seguire sono sono:

  1.  cercare di mettere la colonna vertebrale nelle migliori condizioni muscolari possibili, tramite esercizi mirati
  2. affrontare l’allenamento con gradualità, mettendo gli esercizi specifici come riscaldamento

 

Passo # 1 come migliorare la tua colonna con esercizi mirati

Per migliorare lo stato della colonna, occorrono esercizi mirati, che distendano i muscoli più contratti e rinforzino quelli più deboli.

Nel video qui sotto (nel quale riprendo, tra l’altro, l’argomento “sport con il mal di schiena) troverai 3 esercizi che ritengo particolarmente efficaci, sia come allenamento a sè, sia come riscaldamento.

È un video preso dal mio canale YouTube: iscriviti!

Se vuoi prenderti cura del tuo mal di schiena in modo preciso e personalizzato, non posso non consigliarti la mia guida “Mal di schiena passo dopo passo”, che ti permetterà di :

  • capire bene le caratteristiche del tuo disturbo
  • capire gli esercizi e le tecniche più adatte al tuo caso

Scarica la DEMO GRATUITA cliccando sull’immagine qui sotto!

 

Passo #2: come programmare l’allenamento

La programmazione dell’allenamento è ovviamente un punto molto importante.

Le “tappe” potrebbero essere:

  1. no attività fisica, solo attività specifica sulla colonna (vedi il precedente punto #1) 2-4 settimane.
  2. attività specifica usata come riscaldamento, attività fisica cauta, 1-3 mesi
  3. attività specifica usata come riscaldamento, attività fisica normale

 

Se hai un mal di schiena non troppo forte, puoi anche pensare di partire direttamente dal punto 2.

 

E se non funziona lo stesso?

Come dicevo, il fatto che gli studi non dimostrino che la tale attività fisica fa venire il mal di schiena, non significa che tu possa fare qualsiasi cosa incurante del dolore.

Ci sono persone che, nonostante tutte le accortezze, non riescono a fare una determinata attività, o la fanno con diverse limitazioni.

Come fai a capire se sei una di quelle persone? Semplice, come ho ripetuto per tutto l’articolo:

  • lavora sulla colonna
  • fai l’attività che vuoi programmandola in maniera intelligente e graduale

Se nonostante il lavoro specifico e la programmazione adeguata, noti che ogni volta che fai attività ti viene dolore, allora si che potrai dire che quello sport non fa per te.

Conclusione

Il concetto che devi portare a casa è:

Una colonna con la muscolatura in buono stato è perfettamente in grado di sopportare le sollecitazioni di una attività fisica amatoriale 2-4 volte alla settimana, anche in presenza di problemi radiologicamente dimostrati.

Il tuo compito deve essere prima di tutto quello di portare i muscoli e le articolazioni tra una vertebra e l’altra nelle migliori condizioni possibili, prima di rinunciare all’attività.

Se hai bisogno di una consulenza specifica su questo problema, scrivimi dalla pagina contatti!

 

, ,
Articolo precedente
Ecco come l’alimentazione può causarti mal di schiena e cervicale: cibi da usare e cibi da evitare per i problemi muscolari
Articolo successivo
La grande guida ai rimedi e alle cure per i dolori cervicali

Post correlati

76 Commenti. Nuovo commento

  • Avatar
    VERONICA BENTIVEGNA
    26 Novembre 2016 10:42

    Salve, ho letto il suo articolo, io ho appena scoperto di avere una discopatia lombare.
    Mi alleno con trx e circuito funzionale, ovvaimente uso anche i pesi, mi chiedevo lo squat e altri esercizi come stacchi, affondi, posso continuare a farli?
    rischio di peggiorare e avere un ernia?
    come potrei organizzare la mia attività in palestra?
    Spero in una sua risposta.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      27 Novembre 2016 13:21

      Buongiorno Veronica,

      in realtà, avere una discopatia lombare è comune al 60{c7256c44737acd413f1217cc56543281c565d63c9e196162929f6258a60b9405} delle persone di 30 anni e all’o80{c7256c44737acd413f1217cc56543281c565d63c9e196162929f6258a60b9405} dei 50 enni senza alcun mal di schiena.
      Con tutte le accortezze del caso, nessun esercizio è “proibito”. Sul come muoversi, il mio consiglio è agire come scritto nell’articolo.

      Rispondi
  • Avatar
    Massimo Sansone
    3 Febbraio 2017 11:44

    Buongiorno, sono Massimo ed ho 48 anni compiuti.
    Dopo un trasporto urgente in pronto soccorso per un terribile dolore di testa, ho scoperto di avere una “brutta” mediana C4-C5
    Sono un copilota rally ed uso regolarmente il collare Hans.
    Vorrei continuare a praticare questo magnifico sport, sopratutto adesso che sono all’apice della mia carriera sportiva. Faccio regolarmente palestra per avere un tono muscolare attivo.
    Cosa mi consiglia?
    Grazie.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      3 Febbraio 2017 15:53

      Buongiorno Massimo, non mi è chiaro cosa intendi per “brutta mediana”. Intendi una ernia mediana? In ogni caso, i consigli da dare in questi casi sono nè più nè meno che quelli dell’articolo, se hai bisogno di qualcosa di specifico fammi pure sapere.

      Rispondi
  • Buongiorno sono daniele dopo una resonanza per un dolore forte alla schiena ho riscontrato dei discreti fenomeni degenerativa carico del disco intersomatico l5 s1
    E presente minima protusionediscale localizzata in sede mediana pare mediana destra livello l5.
    Con tutto ciò posso fare pesi,,?
    Mi hanno consigliato la piscina che mi dici
    Posso andare a correre,?

    Rispondi
  • Buongiorno Marcello,
    dieci giorni fa ho subito lo schiacciamento di un disco dorsale, portando un grosso peso.
    Dopo i primi 5/6 giorni mi sembrava che la situazione migliorasse, ma adesso ho ancora più dolore con dei sintomi di bruciore nella colonna vertebrale che aumentano alzando anche piccoli pesi, tipo 2/3 kg.
    Quali esercizi posso fare per cercare di migliorare questa situazione?
    Grazie
    Mario

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      22 Maggio 2017 07:30

      Ciao Mario. Se hai avuto l’incidente una decina di giorni fa, per il momento ti consiglio di aspettare. A circa 30-40 giorni dall’infortunio si potrà pensare a cosa sia meglio fare, in base alla situazione che si presenta.

      Rispondi
  • Salve,
    Vorrei sapere se e che tipo di esercizi potrei fare con una stenosi cervicale.

    Rispondi
  • Buongiorno ho 58 anni è ho fatto l’autista per 35 anni nel 2013 sono stato operato di Spondililistesi l5s1 da allora ho notato che non facendo più attività fisica ( per paura del dolore ) tutti i muscoli del corpo si sono afflosciati. Volevo sapere che tipo di attivita fisica posso fare per ritornare in forma, e che non comprometta le placche metalliche che mi hanno impiantato, la ringrazio attendo se possibile un consiglio.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      14 Giugno 2017 07:51

      Buongiorno Filippo, direi che in linea di massima può stare con le indicazioni dell’articolo: il lavoro in palestra è quello più “dosabile” in assoluto, rispetto ad altri sport che prevedono un gesto “fisso”.

      Rispondi
  • Avatar
    Marina Polentarutti
    12 Luglio 2017 21:59

    Salve.volevo sapere se con 4 ernie cervicali e 3 lombali e protesi totale di ginocchio posso fare stepp…grazie.

    Rispondi
  • Buongiorno Marcello,
    ho 35 anni, circa 8 mesi fa, una radiografia aveva evidenziato un riduzione dello spazio tra le vertebre (credo L5-S1, forse a causa di alcuni sforzi fatti, peraltro io sono magro). In realtà dopo i forti dolori iniziali, ormai da qualche mese sto bene (la situazione si è risolta o quasi risolta da sola) anche se ho la paura latente a far sforzi. Non faccio sport da molto tempo (4 anni) e ovviamente non ne ho fatto negli ultimi tempi. Ho in mente di ricominciare a fare sport (nuoto + qualche peso). Per non iniziare subito in quarta, ho eseguito i tuoi esercizi. Sono ottimi mi sembra. Solo una domanda: questi esercizi non possono essere considerati una sorta di riscaldamento prima di fare attività, corretto? Sono invece un vero e proprio allenamento per la schiena direi. Anche perchè, farli tutti, bene e lentamente ci si impiegano circa 45 minuti, quindi direi… Che non è un riscaldamento ma qualcosa da fare a se stante per un tot di settimane prima di intraprendere un’attività, Giusto?

    Grazie, ciao.

    PS: se non ho riscontrato dolori nel farlo vuol dire che i miei problemi alla schiena si sono risolti definitivamente? E’ plausibile che lo spazio tra i dischi sia tornato a quello originale?

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      23 Luglio 2017 08:39

      Ciao Marco. Una riduzione dello spazio tra le vertebre, a 35 anni, la trovi all’ 80{c7256c44737acd413f1217cc56543281c565d63c9e196162929f6258a60b9405} delle persone senza alcun tipo di dolore.

      Senza troppa preoccupazione, occupati solo dei “segnali” che ti fornisce la schiena.

      Effettivamente puoi considerare quello dell’articolo come un allenamento assolutamente dedicato.

      Fammi sapere se hai bisogno

      Marcello

      Rispondi
      • Io di dolore ne avevo in realtà e ogni tanto ricompare. Non mi dilungo per non annoiare in quanto ci ho messo praticamente mesi a scoprirlo. Molto sinteticamente ho avuto colon irritabile e avevo anche dolori alla schiena (in alcuni momenti molto forti tanto da limitarmi nella quotidianità). Ho fatto la radiografia che ha evidenziato quella riduzione tra L5-S1, poi quando ho chiesto al gastroenterologo se poteva essere collegato mi ha risposta che poteva essere ed era dovuto all’aria nel colon il quale spingeva su dei muscoli (psoas?). Ovviamente la riduzione discale era già lì da un pò, immagino che il problema del colon abbia peggiorato la situazione (comunque prima del problema del colon la schiena non mi ha mai fatto male). Inoltre volevo chiederti se lo spazio tra i dischi può ri-aumentare (c’è qualcosa che posso fare?) o è destinato a rimanere così.
        Grazie.

        Rispondi
        • Marcello Chiapponi
          Marcello Chiapponi
          5 Settembre 2017 09:30

          Ciao Marco, lo spazio tra le vertebre non ri-aumenta di solito, ma non è per nulla fondamentale. Il 90{c7256c44737acd413f1217cc56543281c565d63c9e196162929f6258a60b9405} della popolazione ha gli spazi ridotti, anche severamente, senza saperlo.

          Rispondi
  • Salve, ho letto con interesse il suo articolo e vorrei chiederle avendo, a parte la classica ernia e due protiosioni a livello lombare, una ipolordosi sempre a livello lombare, secondo lei qual’è lo sport migliore da poter fare per migliorare la situazione, se è vero che devo evitare la corsa cosa che facevo invece in passato regolarmente e quali sarebbero le abitudini quotidiane giuste da adottare per evitare ricadute…la ringrazio, Carmen.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      27 Luglio 2017 17:44

      Buongiorno Carmen. Ehm…sicura di averlo letto bene l’articolo? Perchè in realtà contiene già le risposte alle domande che mi fai..

      Rispondi
  • Buongiorno, ho 35 anni, e nel 2002 ho subito un intervento per una ernia discale L4-L5. Non gli anni successivi ho praticato regolarmente sport fino al 2009. Successivamente solo un po’ di piscina. Nel 2015 ho avuto una recidiva sempre L4-L5 e protusione L5-S1 con interessamento di un nervo e da allora nonostante trattamenti osteopatico e ginnastica posturale ho una parestesia alle dita del piede destro. Vorrei provare a fare un po’ di attività fisica che non sia il solito nuoto, ho trovato interessante l’articolo ma ho il dubbio di ricadere nell categoria Delle persone più a rischio. Lei cosa dice?

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      18 Agosto 2017 06:28

      Simone, direi che non rientri nella categoria delle persone più a rischio, quindi vai pure tranquillo!

      Rispondi
  • Ciao!
    Ho, anzi avevo, il disco tra L4 e L5 totalmente scomoarso, non c’è più.
    DEGENERATO.
    Mi chiedo, posso correre?
    Ovviamente la schiena mi fa male, soprattutto al mattino, quando mi alzo.
    Mi chiedo anche cosa succederà in futuro…

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      22 Agosto 2017 08:04

      Jacopo, se vedi che correre non ti crea particolari problemi, non c’è controindicazione assoluta. Naturalmente, la premessa è che tu faccia anche un lavoro specifico per la tua schiena.

      Rispondi
  • Ciao io ho uno scivolamento oltre a delle protusioni. In palestra faccio pilates cammino sul tappeto , cyclette ed esercizi con le macchine x le braccia inoltre alcuni degli esercizi che hai mostrato nei video . Che dici ? Grazie

    Rispondi
  • Buongiorno, 4 mesi fa ho avuto cedimento del 10{c7256c44737acd413f1217cc56543281c565d63c9e196162929f6258a60b9405} alla vertebra L2 , a causa di una brutta caduta . Dopo il busto c35 per due mesi la radiografia evidenzia la formazione del callo osseo.
    ho 43 anni vorrei riprendere a fare palestra , con le dovute cautele, ma gli specialisti non sanno darmi indicazioni in merito allo sport.
    posso seguire gli esercizi proposti nel Suo articolo ? Potrò tornare mai a correre o fare palestra ? Quando?
    Spero in un Suo consiglio .Grazie!

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      25 Settembre 2017 13:52

      Ciao Cinzia. Ma certo che potrai tornare all’attività sportiva. E certo che gli esercizi che indico possono andare bene. Riguardo al “quando”, ovviamente è un po’ difficile fare previsioni..

      Rispondi
  • Salve ,ho fatto due anni fa stabilizazzione di due vertebre, faccio degli esercizi per la colonna , ho aggiunto ,qualche lezione di pilates, ma porto sempre dei piccoli dolori ,sopportabili, e non riesco a camminare a lungo, pk mi viene dolore alle gambe ,e dolore lombare, il medico mi ha detto che ci vuole tempo, vogli sapere se fare tutti questi movimenti va bene o aumentano in parte i dolori alla lombare ,grazie.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      11 Ottobre 2017 09:30

      Ciao Antonia, purtroppo l’unica persona che può determinare quanto carico riesca a sopportare attualmente la tua colonna sei tu…naturalmente in abbinamento con chi ti ha operato…in teoria non ci sono controindicazioni, a meno che non te ne abbia date…

      Rispondi
  • Buongiorno dott. Chiapponi, sono Marco e ho 51 anni, sono alto 1,85 m e peso 70 Kg. Dopo un classico “colpo della strega” che mi ha bloccato per tre giorni e si è poi risolto nel giro di una settimana, mi è stato diagnosticata con radiografia una sclerosi interapofisaria a valle di L3, reattiva. Ho sempre fatto sport ( basket, tennis, corsa, ciclismo). Ora il medico mi consiglia oltre ad esercizi di ginnastica per mantenere il tono muscolare (che faccio abitualmente), di praticare solo ciclismo e nuoto. Posso praticare comunque anche la corsa un paio di volte alla settimana su distanze non superiori ai 10 km?
    La ringrazio anticipatamente per una sua risposta.
    Cordiali saluti
    Marco

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      17 Ottobre 2017 16:34

      Ciao Marco, in teoria non ci sono controindicazioni, anzi sembra che i corridori abbiano dischi più forti

      Rispondi
  • Avatar
    lucia persico
    19 Ottobre 2017 17:26

    Salve Dott. a seuito di una rm mi hanno riscontrato una lieve artrosi L4 L5 ho un po di dolore .Posso fare palestra con pesi ? Ho 51 anni peso forma .Grazie

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      20 Ottobre 2017 09:12

      Ciao Lucia, l’argomento dell’articolo è proprio questo, e trovi tutte le informazioni che ti servono: a priori non ci sono controindicazioni per nessuno.

      Un saluto

      Rispondi
  • Avatar
    Ghiotti Claudia
    20 Ottobre 2017 08:49

    Buongiorno,ma nel caso di lombocruralgia cronica cosa posso fare?Dopo cure con cortisone,antinfiammatori efisioterapia mi sono state prescritte due infiltrazioni nei punti trigger lombari e piriforme dx e cura con miorilassante e antidolorifico (palexia 25 mg)e consigliato di fare solo pilate,posturale e stretching…..purtroppo perche sono una signora di 50anni che su allena dalle 4/5volte a settimana bodypump,bodysculpt bodyattack.Grazie

    Rispondi
  • Avatar
    PATRIZIA ISI
    24 Ottobre 2017 09:08

    Buongiorno dottore, dopo 10 giorni di dolore forte alla schiena ho fatto una cura antinfiammatoria e puntura di voltaren in pronto soccorso, ho fatto la risonanza nella zona dorsale dove è evidenziato che ci sono delle ernie grosse in D1 D3 e altre piccole ho la visita dal neurochirurgo in settimana.
    io gioco a tennis e faccio TRX o almeno facevo perchè non so se posso farlo ancora
    prima della risonanza ho giocato a tennis ma non ho avuto dolore
    ho letto poi che le ernie con la fisioterapia possono rientrare
    ringrazio anticipatamente per la risposta e auguro buona giornata!!

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      26 Ottobre 2017 06:34

      Ciao Patrizia: volentieri ti darei una risposta ma….non ho capito quale sia la domanda! 🙂 🙂

      Rispondi
  • Buongiorno sono Sonia ho un problema di ernia fiscale L5S1-L4,le ho provate tutte ,terapie antinfiammatorie,pilates,postura le ma nulla ,ho forti fastidi alla schiena ai glutei e alla cresta iliaca,mi hanno consigliato di fare palestra per rinforzare la muscolatura cosa mi consiglia?

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      26 Ottobre 2017 06:32

      Ciao Sonia: l’idea di andare in palestra è sicuramente buona, purchè sia fatto con intelligenza. Nella nuova guida che sto preparando ci sarà una lezione dedicata.

      Rispondi
  • Buon giorno sono claudio. 61. Ho praticato sempre vari sport. Da 27 pratico la corsa. Sino a 11 anni fa corso diverse maratone. Purtroppo nel 2006 ha causa di un osteofita c5.6 che mi creava scariche ellettriche sono ststo operato con inserimento cadge spaziatore in carbonia. A parte il mio fisioterapista i medici mi hanno detto di smettere con la corsa, ma la paasione era troppa. Ho evitato le maratone e faccio distanze piu brevi. Purtroppo il problema è ricomparso su c6_c7 . Scariche elllettriche , dolori ecc ecc. Il tutto molto probabilmente dovuto alla postura davanti alcomputer. Passato questo brutto momento sto valutando di nuovo intervento chirurgico. Mi sono dato un mese ancora .sarebbero 2 totali. Secondo la tua edperienza e la casistica , ovviamente dopo un eecupero scheletrico e muscolare la ripresa della corsa. Grazie

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      9 Gennaio 2018 07:22

      Ciao Claudio…hai descritto molto bene la situazione…ma la domanda alla fine non è chiara…

      Rispondi
  • Ciao Marcello. .nel ultimo anno in seguito a un esercizio a corpo libero eseguito m è sorto un mal di schiena nella parte lombare..ho fatto rmn e ho la classica protusioe l5s1 ..è un anno che ho fastidio bruciore nella parte lombare…quando corro o faccio ginnastica a corpo libero non sento dolore…arriva il fastidio ore dopo..la mia domanda è. Posso continuare ad allenarmi ovviamente premetto che corro solo 1 ora alla settimana ,nonostante il.fastidio?m peggiora la protusioe se m alleno?

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      8 Marzo 2018 05:50

      Ciao. Probabilmente il tuo mal di schiena ha poco a che vedere con la protrusione. La cosa da fare è ri-educare i tuoi muscoli a lavorare correttamente, in modo che tu ti possa allenare tranquillamente senza dolore…

      Rispondi
  • Salve Marcello da un po’ di tempo o un leggero mal di schiena o fatto una radiografia e mi è stato diagnosticata :RACHIDE lombare mostra ridotto dampiezza lo spazio intersomatico L 4 L 5 con minima antero-listesi di L 4.
    Mi è stato detto di evitare la coresa e la bici . E vero tutto questo?
    Saluti Alberto.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      8 Marzo 2018 05:46

      Alberto, come hai potuto leggere nell’articolo, si tratta di raccomandazioni molto generiche, e spesso non necessarie.

      Rispondi
  • Buongiorno dottore, mi chiamo Joyce e ho 14 anni. Pratico Karate da 8 anni e da tre a livello agonistico.
    A seguito di dolori (solo durante sedute di allenamento e/o gare) alla schiena nella zona lombare dx mi è stata riscontrata dopo Risonanza Magnetica, visita ortopedica e Tac, una spondilolisi con spondilolistesi L4 con sofferenza Istmica L3. Oltre ai 30 gg che dovrò stare ferma, potrebbe gentilmente darmi altri consigli su cosa posso fare in questo periodo di inattività e per il futuro perché il problema non si ripresenti? La ringrazio anticipatamente.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      16 Marzo 2018 05:54

      Ciao Joyce, e scusa il ritardo. La spondilolistesi è un problema particolare, per il quale deve darti le indicazioni l’ortopedico….

      Rispondi
  • Buongiorno ho 53 anni sono stata al pronto soccorso per un dolore molto forte nella zona lombare e lungo la gamba mi hanno riscontrato una sono spondiloartrosi prima io ho sempre fatto palestra cioè spinning step e sala pesi a livello amatoriale adesso sto facendo una cura con antinfiammatori e mi hanno detto di mettere un busto durante il lavoro io sono massaggiatrice. La mia domanda è questa posso tornare a fare palestra come prima o ci sono cose che non potrò più fare grazie .

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      16 Marzo 2018 05:52

      Buongiorno Annamaria. Purtroppo non posso esprimermi più di tanto su di una situazione senza averla vista. Una buona rieducazione, in linea di massima, consente il ritorno a qualsiasi tipo di attività, visto che non sembrano esserci problemi gravi…

      Rispondi
  • Buongiorno desidero sapere quali esercizi fare e quali evitare in palestra avendo:
    concomita diffusa discopatia degenerativa per lo più a carattere compressivo con formazione di iniziali noduli erniari intraspongiosi di Schmorl sulle contrapposte limitanti di L1 L2 L3
    estesopatia sovraspinosa lombare
    Mi piace molto fare tapin roulant e cyclette
    Non faccio pesi temendo problemi

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      22 Marzo 2018 16:03

      Maria, più o meno tutto l’articolo è volto a rispondere a domande come la sua. Aspetti molto specifici andrebbero valutati di persona..

      Rispondi
  • Avatar
    maurizio bacis
    29 Marzo 2018 19:44

    ciao Marcello
    ho 65 anni con coxartrosi ambedue anche.
    una cosa non riesco a capire e nessuno dei fisiatri interpellati mi ha dato una risposta esaudiente:
    ogni volta che mi alzo dalla sedia o scendo dalla macchina ho una tensione muscolare dall’inizio inguine e su tutta la circonferenza coscia e tensione parte esterna femore, mi fermo x 5/6″stirando le gambe x sciogliere la tensione muscolare e poi parto.
    è possibile che non riesco a guarire o x lo meno stare abbastanza bene??
    cammino molto, anche in salita, ma poi come salgo in macchina e conseguentemente scendo…sempre lo stesso problema.
    grazie e tanti complimenti x la tua professionalità’.
    Maurizio

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      3 Aprile 2018 06:38

      Ciao Maurizio. Se hai una forte ( o media) artrosi, quel sintomo è legato alla tensione dello psoas, che quando ti alzi si “stira” improvvisamente, ma essendo rigido lo fa….poco volentieri. Tieni presente che non abbiamo soluzioni al 100% per l’artrosi all’anca, che non sia l’operazione. Quindi ci può stare che anche se ti curi, qualche sintomo rimanga…

      Rispondi
  • Ciao Marcello, un RX che evidenzia segni x-grafici di spondiloartrosi lombare a soli 40 anni deve indurmi ad abbandonare il ciclismo (2/3 uscite settimanali) come risoluzione del problema alla schiena ?

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      6 Giugno 2018 09:07

      Assolutamente no, segni radiografici di artrosi si possono ritrovare anche a 20 anni, non c’è nessuna correlazione con l’attività….

      Rispondi
  • Salve buon giorno dovrei e operarmi per lo scivolamento di una vertebra l5 e vorrei sapere se dopo potro tornare a giocare a calcio e a fare pugilato che sono i 2 sport che mi fanno stare bene fisicamente e mentalmente .grazie

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      20 Giugno 2018 09:16

      Dovrà sentire il chirurgo, ma in teoria non c’è controindicazione

      Rispondi
      • Avatar
        elvis lavoratti
        7 Gennaio 2019 00:06

        Sono passati 6 mesi dall intervento di stabilizzazione l4l5 il neurochirurgo mi ha detto che posso ricominciare a giocare a calcio, però lento e sento gente dire che ce rischio di una ricaduta perché 6 mesi sono pochi. Voi che ne pensate. Da premettere che sto molto bene già fa 3 mesi e ho fatto 2 mesi di nuoto.

        Rispondi
        • Marcello Chiapponi
          Marcello Chiapponi
          7 Gennaio 2019 06:39

          Buongiorno Elvis. Purtroppo non posso esprimermi su una situazione come quella…chi meglio del neurochirurgo che l’ha operata può farlo… in ogni caso: giocare a calcio non è obbligatorio, se non si sente aspetti ancora…

          Rispondi
  • Buongiorno
    1 anno fa a seguito cedimento somatico L2 ho fatto risonanza e sono state individuate 2 piccole protusioni lombari posteriori.
    Ho ricominciato da 3 mesi a fare palestra ( qualche peso solo x braccia e spinte su panca piana ) esercizi a corpo libero senza carico ( brevi affondi, camminata ).
    È normale che comunque un po’ di dolorini a volte ci siano anche a riposo o quando mi abbasso per le normali attività in casa ?

    Rispondi
  • buongiorno,
    avrei bisogno di un consulto.ho ritirato il referto di una risonanza magnetica lombare, il referto riporta: grossolana ernia discale L4-L5 sottolegamentosa, estrusa, a larga base, mediana-paramediana sinistra, con contatto con la superficie ventrale del sacco, con minimo contatto tangenziale con la radice sinistra L5. Non ho particolari disturbi ne dolore, è comparsa da due mesi un pò di rigidità/fastidio alla lombare.Niente di più. Faccio palestra da 7 anni, principalmente attività con pesi. Cosa posso fare?posso continuare ad allenarmi o ci sono attività/macchine in palestra severamente proibite?squat, affondi, stacchi etc..? il TRX è controindicato?non so come muovermi, non vorrei peggiorare la situazione.

    Grazie e complimenti per il tuo sito ed il tuo lavoro

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      26 Giugno 2018 11:19

      Ciao Claudia. Ti consiglio di leggere con attenzione l’articolo: non dovrebbe mancare nessuna delle risposte alle tue domande…

      Rispondi
  • Buongiorno, ho letto il suo articolo e la ringrazio perché ci sono davvero dei consigli utili, anche gli esercizi consigliati.
    Ho 30 anni faccio palestra da 12 anni e purtroppo da ca. 1 anno lamento mal di schiena nella zona lombare. Da una risonanza ho saputo che soffro di discopatia l5-S1. Ho fatto fisioterapia e tuttora assumo un miorilassante e raramente al bisogno un antidolorifico . Ho letto che è una patologia molto comune la mia e spesso in alcuni soggetti è asintomatica. Sono una persona molto sportiva e ho notato che stare ferma non posso e peggiora la situazione. Da un po di tempo ho ripreso con la palestra, carico meno rispetto ad una volta, cerco di non caricare troppo sulla schiena, le chiedo se secondo lei potrei fare abbinato anche un po’ di nuoto. Se si quale stile è più indicato? Premetto ho letto che il nuoto viene sconsigliato in alcuni casi e che non è scientificamente provato che toglie il mal di schiena. Ma farlo anche solo 1 max 2 volte alla settimana abbinato ai suoi esercizi e alla palestra lei me lo sconsiglierebbe? Inoltre gli squat con i pesi meglio evitarli o posso ancora farli? per il momento li faccio ma a corpo libero. La ringrazio tanto per la sua gentilezza e complimenti per il suo sito. Cordiali saluti.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      5 Settembre 2018 06:41

      Buongiorno Lexia. Non mi capita quasi mai di consigliare il nuoto. Al di là del dibattito scientifico, ci sono modi molto più specifici di risolvere il problema, e quindi molto più efficaci. Di conseguenza, farei esercizi mirati al potenziamento della zona lombare, al fine di poter fare gli esercizi che vuole senza problemi…

      Rispondi
  • Salve ho 26 anni e da 4 anni soffro di una protusione lombare in L5-S1
    Apparte i fastidi più comuni come compressione del nervo sciatico e dolore alla schiena la cosa che ancora oggi mi lascia perplesso è che a distanza di un mese dall’uscita di questa protusione ho incominciato ad avere lievi fastidi nella zona dorsale e altri più gravi nella zona cervicale e cioè collo rigido, dolore alle spalle e nei periodi invernali questa cosa peggiora notevolmente fino a portarmi formicolio alle braccia e forti sbandamenti
    Ho effettuato RM e Tac ma non si è riscontrato assolutamente niente e i specialisti non mi hanno detto di cosa si tratta
    La mia domanda quindi è la seguente
    Da cosa deriva tutto questo ? Potrebbe trattarsi di una contrattura dei nervi o cosa ?
    Grazie in anticipo

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      4 Settembre 2018 06:22

      Buongiorno Luigi. Non è semplice determinare da dove derivino i dolori, così come può essere benissimo che i dolori lombari non abbiano nulla a che vedere con la protrusione, visto che a 26 anni la si riscontra già al 50% delle persone anche senza mal di schiena. Consiglio sempre di fare un lavoro rieducativo per migliorare i propri muscoli: perdersi a cercare la causa spesso non conduce da nessuna parte, e ritarda soltanto l’inizio della riabilitazione…

      Rispondi
  • Buongiorno, ho 33 anni e da dicembre 2017 ho un dolore molto forte nella parte bassa del gluteo che a volte si estende anche nella parte alta. Ho eseguito un’ecografia muscolotendinea da cui è risultato che: i tendini del bicipite e del semitendinoso, in corrispondenza dell’inserzione sulla corticale dell’ischio appaiono ipoecogenie di calibro aumentato, per imbizione edematosa in rapporto a flogosi (entesite). Il fisiatra mi ha prescritto come terapia: ionoforesi, laserterapia, onde d’urto e tecar ma ad oggi il dolore è ancora molto forte e non ho risolto nulla. Ci tengo a precisare che prima di interrompere l’attività fisica praticavo functional training e zumba.
    p.s Soffro anche di spondilolisi secondaria anterolistesi di L5 con segni di sofferenza discale L5/S1 e deviazione scoliotica dx del segmento.
    Cosa posso fare, e soprattutto potrà praticare nuovamente questi sport?
    Grazie in anticipo.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      10 Ottobre 2018 07:12

      Manuela, con una opportuna rieducazione potrà praticare gli sport che preferisce. Purtroppo non ho materiale sulla tendinite degli ischiocrurali: in ogni caso ho sempre pochissima fiducia nelle terapie fisiche. Inizierei da del semplice stretching della muscolatura posteriore di coscia…

      Rispondi
  • buona sera
    ho 52 anni e a luglio sono stato operato per un neurinoma alla d11 con relativa laminectomia, in convalescenza fino a fine novembre. Ho inoltre una discopatia degenertativa , insomma la mia colonna è messa male e ho anche diverse ernie, ho un lavoro dove sollevo carichi anche di 30 kg. Secondo lei potrebbe essere pericoloso con il passare del tempo? Corro il rischio di infortunarmi?

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      9 Novembre 2018 13:32

      Buongiorno Manuele. La cosa migliore è sentire il suo ortopedico, anche se in linea di massima mi viene da dire che con una buona rieducazione non avrà problemi…

      Rispondi
  • salve dottore
    sono Vincenzo ed ho 29 anni. I miei problemi alla schiena sono iniziati precocemente, circa 10 anni fa con un’ernia l4-l5 che mi ha causato una forte lombosciatalgia.Dopo un mese di terapia cortisonica e tanta pazienza nei mesi successivi la situazione è migliorata. Non mi sono dato per vinto ed ho cominciato a fare gli sport che più mi piacevano; ho fatto nuoto per diversi anni e palestra oer almeno 8 anni. periodicamente il mal dischiena tornava, ma pazientando spariva. Dopo un periodo di inattività di qualche mese ad ottobre 2018 riprendo la palestra ed ecco che torna la sciatalgia, dolori terribili, e deficit neurologico. Mesi da incubo. Ad oggi la situazione è migliorata, gran parte dei deficit sono rientrati ma sono lontano dallo stare bene o dall’essere in forma. Sono in lista per l’intervento ed ho molta paura…paura di non tornare mai come prima o di dover convivere per sempre col mal di schiena. Dopo lo sfogo (mi scusi per la lunghezza del messaggio) vorrei chiederle se anche dopo l’intervento posso tornare in palestra o ormai rischio soltanto di peggiorare il tutto. se si è meglio evitare esercizi troppo gravosi per la schiena (squat, stacchi ecc…). GRazie anticipatamente.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      17 Febbraio 2019 08:16

      Ciao Vincenzo. Dopo l’intervento puoi tornare a fare quello che vuoi, l’importante è utilizzare sempre moltissima gradualità..

      Rispondi
  • buon giorno caro Marcello volevo porti una domanda,ho fatto rx e ho le vertebre lombari schiacciate!ho 45 anni,la domanda e’ se oltre la rieducazione mirata,posso tranquillamente fare la mia camminata veloce su tapis roulant.grazie in anticipo

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu