Esempio di alimentazione circadiana ed anti infiammatoria

Marcello Chiapponi

Marcello Chiapponi

Fisioterapista, trainer e responsabile del sito

SCOPRI CHI SONO

Ultimo aggiornamento il 6 Luglio 2022 di Marcello Chiapponi

Questo schema è una sequenza alimentare utilizzata in uno studio su diverse centinaia di casi.

Indipendentemente dal tipo di soggetto, tutti hanno tratto beneficio in termini di: riduzione di sintomi come stanchezza cronica e gonfiori gastro enterici, riduzione del grasso corporeo, miglioramento del tono dell’umore.

E’ uno schema generico, ma rappresenta una buona base di partenza per creare dei ritmi ormonali corretti.

Si ha la massima efficacia seguendolo con precisione per almeno 15 giorni a fila, prima di concedersi il classico giorno libero nel fine settimana.

E’ uno schema circadiano (rispetta i ritmi fisiologici dell’organismo) e anti-infiammatorio, avendo un rapporto bilanciato tra alimenti che tendono ad alimentare l’infiammazione (farinacei e proteine) e vegetali, che invece tendono a ridurla.

Seguendolo per 15 giorni a fila si ripristinano i ritmi dell’organismo e si esercita un potente effetto anti infiammatorio: in questo modo potrai notare un evidente miglioramento di tutti i tuoi sintomi, indipendentemente da quali siano.

Successivamente è consigliabile seguire questo schema almeno 4 volte a settimana.

 

PS: ti interessa capire come usare l’alimentazione (e anche l’attività fisica) per ridurre il tuo stato infiammatorio generale?

Allora non perdere l’occasione di accedere ai contenuti di PROVA GRATUITA del corso online “Laboratorio Anti Infiammazione”, ad opera mia (Marcello Chiapponi, fisioterapista) e della mia “spalla nutrizionale” Annalisa Caravaggi.

Clicca sull’immagine qui sotto per accedere subito!

 

Colazione (non oltre le nove del mattino non prima delle 7)

Fette biscottate o 1 panino integrale/segale o cereali integrali +
marmellata o miele+ 2/3 frutti (anche frutta disidratata tipo fichi secchi, prugne secche, uva appassita)

caffè o thè

 

Metà mattina (ore 10,00-11,00)

Un frutto zuccherino tipo banana

 

Pranzo (ore 12,00-13,30)

1 porzione di carboidrati vegetali (patate o legumi), in alternativa riso meglio se integrale

1 porzione di verdura cotta o cruda

Opzionale fonte proteica (carne pesce uova)

 

Metà pomeriggio15,00-16,00

Un frutto di stagione

 

Sera 19,00-20,30

A rotazione: carne bianca, rossa, pesce o uova +
1 porzione di verdure cotte e/o crude

Come assunzione idrica,  almeno 2 litri di acqua al giorno.

 

Commento

In questo schema, come vedi, non ci sono alimenti che spessissimo finiscono sulle nostre tavole, parliamo di pasta, affettati/insaccati, formaggi, pane.

Perchè? Vanno tolti completamente e per sempre?

Forse la risposta giusta è “si e no”.

I cereali (pasta e pane), al di là dell’ essere un alimento oggetto di controversie (sono l’unico alimento che non potremmo mai digerire se assunto crudo, oltre che ai legumi), hanno alcuni aspetti non propriamente positivi che non sono in discussione: molti hanno un elevato contenuto di sale (sopratutto il pane) e tutti hanno un medio/elevato potere PRO-infiammatorio, per via di un elevato PRAL, una misura del carico acido potenziale renale.

I formaggi e gli affettati/insaccati, oltre che ad essere pieni di grassi saturi, sono una vera e propria “bomba al sale”, quindi anche qui l’effetto PRO-infiammatorio è elevato.

Tirando le somme, se la tua alimentazione è basata su cereali e insaccati, magari anche con poca verdura e frutta a fare da “tampone”, sicuramente stai creando un forte stress alimentare.

Per questo motivo lo schema proposto non contiene quegli alimenti: per massimizzare l’effetto anti infiammatorio.

Riguardo al re-inserimento: come regola generale si può dire che formaggi e insaccati devono rappresentare un’eccezione alla regola, i cereali (ribadendo che sono comunque oggetto di discussione) possono essere utilizzati più di frequente come fonte di carboidrati, ma è meglio se non diventano quella prevalente.

Logo MDS - Mal di schiena passo passo

Se soffri di problemi alla schiena, qui c'è tutto quello che ti occorre

Tutti i dettagli sui sintomi e sulle migliori strategie per migliorare al massimo il mal di schiena

Marcello Chiapponi

Ciao, sono Marcello Chiapponi, fisioterapista e personal trainer, responsabile del sito.

Gli articoli più letti

La tua cervicale è infiammata ? 5 sintomi che te lo dicono (e cosa farci)

Dolore all’inguine destro o sinistro: scopri le cause, i sintomi e rimedi

Dolore alla bassa schiena che prende le gambe: ecco perchè e cosa fare

Dolore alla schiena sul lato destro o sinistro: da dove viene e cosa fare

Dolore al braccio e alla spalla: ecco cosa lo causa e come risolverlo

Mal di schiena: quando la causa è in realtà nell’intestino (irritato)

Artrosi all’anca: i vari tipi di sintomi(perchè si avvertono e come rimediare)

Sensazione di bruciore alla schiena: ecco perchè la avverti e cosa ci puoi fare

Vertigini e giramenti di testa: quando il problema è cervicale (guida completa)

Cosa fare per il mal di schiena da ernia del disco L4-L5 o L5-S1

Dolore anteriore della coscia: possibili cause, soluzioni ed esercizi specifici

Cervicale infiammata: 4 semplici rimedi per i dolori cervicali

Infiammazione nervo sciatico: rimedi ed esercizi

Discopatia L5-S1 (o protrusione discale L5-S1): sintomi ed esercizi

Mal di schiena zona lombare: cosa lo causa e come curarlo con esercizi mirati

Dorsalgia e dolore in zona scapole: guida completa per migliorarli

Esercizi per ileo psoas: il muscolo che infiamma schiena e anca

Dolore in fondo alla schiena: a cosa è dovuto e come liberarsene con 3 semplici esercizi

Mal di testa lato destro o sinistro: quando la causa è cervicale

Vuoi ricevere consigli gratuiti mirati sul tuo caso? Fai il TEST!