L'Altra Riabilitazione

Ecco i danni che l’ansia fa alla tua cervicale

Picture of Marcello Chiapponi

Marcello Chiapponi

Fisioterapista e trainer con oltre 20 anni di esperienza nonché fondatore di L'Altra Riabilitazione. Negli anni, i contenuti da me realizzati sono stati fruiti da oltre 1 milione di persone e il mio canale YouTube di settore ha ottenuto il traguardo dei 500 mila iscritti e delle 65 milioni di visualizzazioni.

SCOPRI CHI SONO
Data di creazione: 17 Maggio 2024

Data di aggiornamento: 17 Maggio 2024

 

È vero che l’ansia può avere un impatto molto negativo e “logorare” le strutture cervicali?

Assolutamente sì, più siamo ansiosi più il tratto cervicale si infiamma.

Ma addirittura, e questo non tutti lo sanno, è vero anche il contrario: spesso più si infiamma il tratto cervicale, più siamo ansiosi.

Insomma, un bel circolo vizioso dal quale non è facile uscire.

Il fatto che non sia facile non significa che sia impossibile, ma occorre essere ben coscienti del problema e sapere come muoversi.

Ecco perché in questo articolo vedremo:

Ognuno di questi punti è ugualmente importante, quindi assicurati di leggere tutto l’articolo!

 

PS: come capirai leggendo l’articolo, la chiave per la risoluzione di un disturbo cervicale e delle tensioni da stress è la rieducazione dei muscoli.

Per questo ti invito fin da subito a provare GRATUITAMENTE il mio corso Cervicale STOP!, che negli ultimi anni ha aiutato migliaia di persone: basta compilare il modulo qui sotto!

Cervicale Stop

    Il tuo nome (solo il nome va benissimo)

    La tua email (controlla che sia corretta, mi raccomando!)

    Un recapito telefonico (facoltativo, ma non preoccuparti: nessuno ti chiamerà senza preavviso o senza che tu lo voglia)

    Che cosa ti dobbiamo mandare?

     

    Quali danni fa l’ansia alle tue strutture cervicali

    Uno stato di ansia e stress persistente può avere un notevole impatto sulle strutture cervicali, fondamentalmente a causa di due meccanismi.

    #1 Aumento della tensione e contrattura muscolare

    Più siamo ansiosi, più aumenta la rigidità e la tensione dei muscoli, in particolar modo del trapezio. È esperienza quotidiana di tutti che più siamo stanchi più tende ad irrigidirsi il collo (illustrare aree).

    Un altro gruppo muscolare che sviluppa rigidità è quello dei muscoli anteriori, ovvero scaleno, sternocleido e platisma.

    Questo perché i muscoli anteriori sono muscoli molto “emotivi”: pensa soltanto al fatto che una delle prime cose che facciamo quando andiamo sotto stress è cambiare la nostra espressione facciale.

    I muscoli anteriori sono anche in forte collegamento con l’area mandibolare, che è un altro punto “nevralgico” di accumulo di stress: non si dice anche nel parlare comune che quando siamo in difficoltà dobbiamo….stringere i denti?

    Insomma, una delle prime cose che succede è l’aumento della tensione muscolare.

    #2 Infiammazione del tessuto nervoso

    Più siamo ansiosi, più aumenta la sensibilità del tessuto nervoso e dei centri cerebrali: è un po’ come se il nostro motore si “surriscaldasse”!

    In un certo senso, è anche corretto parlare di “infiammazione cerebrale” causata da stati di ansia prolungati.

    Visto che molti centri nervosi sono estremamente vicini al tratto cervicale, è ovvio che anche questo può diventare più sensibile come risposta.

    È lo stesso meccanismo che si può sperimentare durante una crisi di emicrania, che altro non è una infiammazione del tessuto nervoso.

    Se provi a toccare il collo di una persona durante la fase acuta di un’emicrania, le darai molto fastidio e probabilmente le aumenterai i sintomi: la stessa cosa fatta a crisi finita non provocherebbe invece nessun effetto.

     

    Ansia e cervicale

    Quali sono i sintomi

    Sappiamo che il disturbo cervicale è uno dei più complessi di tutta la medicina muscolo scheletrica: sicuramente è quello caratterizzato dalla maggiore quantità di sintomi!

    Ma quando la nostra cervicale è sotto il costante attacco di ansia e stress, ci sono dei sintomi particolari che ce lo dicono?

    Assolutamente sì!

    Se come sintomi hai “soltanto” un dolore localizzato in un punto preciso, magari che emerge con un preciso movimento, è POCO probabile che ansia e stress siano alla base del tuo disturbo.

    Quando abbiamo una componente emotiva che si somma a quella posturale, i sintomi vanno ben oltre il dolore e la rigidità, anzi a volte il dolore non c’è nemmeno.

    In caso di disturbo cervicale causato da ansia e stress prolungati abbiamo invece tutto il pacchetto dei sintomi “pseudo neurologici”, ovvero:

    Questo perché quando abbiamo un problema di questo tipo non abbiamo uno stato infiammatorio solo a livello di muscoli e vertebre, ma anche del sistema nervoso.

     

    Perché a volte è la cervicale che fa venire l’ansia

    Molte persone hanno la sensazione che siano le tensioni emotive a fargli venire problemi cervicali, ma a volte qualcuno ha più la sensazione contraria.

    C’è quindi un 30% della popolazione che ha la sensazione che sia il disturbo cervicale a provocargli ansia e agitazione, non il contrario.

    È possibile che l’infiammazione del tratto cervicale ci renda più ansiosi?

    Assolutamente sì, proprio perché i collegamenti nel corpo umano vanno sempre nei due sensi.

    È vero quindi che uno stato di ansia costante infiamma e irrigidisce il tratto cervicale ma….è vero anche il contrario!

    Essendo le prime vertebre cervicali molto vicine a centri cerebrali importanti (tronco dell’encefalo in primis), è assolutamente possibile che l’irritazione cervicale si “trasmetta” ai centri nervosi, e che questo produca un senso di ansia e agitazione.

    Questo dà frequentemente origine ad un ben noto circolo vizioso, nel quale non si sa se sia nato prima l’uovo o la gallina!

    Funziona più o meno così, può cambiare giusto il punto di partenza:

    • siamo sotto stress emotivo e ci agitiamo
    • irrigidiamo i muscoli e infiammiamo il tratto cervicale
    • questo fa irritare le strutture nervose e fa partire i sintomi
    • ci agitiamo a causa dei sintomi e ci irrigidiamo di più

     

    Come uscirne

    Qui è dove io vado controcorrente, perché a questo punto molti specialisti ti direbbero che serve una adeguata diagnosi ecc. ecc..

    Dopo 20 anni, migliaia di casi visti e decine di migliaia di casi persone che ogni giorno fanno riferimento ai miei contenuti online, ti dico tranquillamente che le cose che davvero servono sono un pazienza e costanza, ovviamente nell’applicare indicazioni sensate, come quelle che vedremo.

    Teoricamente la soluzione potrebbe essere diventare meno ansiosi, ma:

    • spesso non è possibile
    • spesso non è neanche particolarmente utile, perché oramai “i danni sono fatti”

    Se non si interviene attivamente sui muscoli, come vedremo tra poco, diventare meno ansiosi (tralasciando che spesso non si può) non è neanche utile più di tanto, perché oramai i meccanismi si sono innestati.

    È veramente difficile spiegare tutto in un unico articolo, quindi andrò a dare tutto quella che è una bella panoramica su quelle che sono le soluzioni.

    Se vorrai poi iniziare un approccio completo volto alla risoluzione dei tuoi disturbi da cervicale, ti invito fin da subito a provare GRATUITAMENTE il mio corso Cervicale STOP!, che negli ultimi anni ha aiutato migliaia di persone: basta compilare il modulo qui sotto!

    Cervicale Stop

      Il tuo nome (solo il nome va benissimo)

      La tua email (controlla che sia corretta, mi raccomando!)

      Un recapito telefonico (facoltativo, ma non preoccuparti: nessuno ti chiamerà senza preavviso o senza che tu lo voglia)

      Che cosa ti dobbiamo mandare?

       

      Fondamentalmente distinguiamo due tipi di situazioni:

      • le situazioni molto “acute”
      • le situazioni “standard”

      Le situazioni acute sono quelle in cui il tratto cervicale è davvero molto delicato, al limite dell’intoccabile.

      Per queste persone, qualsiasi primo spiffero d’aria, primo sforzo fisico o primo stress emotivo aumenta i sintomi.

      Queste le definisco situazioni acute. Come si gestiscono?

      In questi casi è meglio evitare di stimolare direttamente il tratto cervicale, poiché in queste circostanze, un approccio invasivo è spesso percepito dal corpo più come un attacco che come un beneficio, aggravando di frequente i sintomi.

      Quale approccio dovremmo adottare allora? È consigliabile dedicarsi a un’attività fisica generale. Ecco alcune opzioni:

      • Camminare, correre o andare in bicicletta: queste attività permettono di affaticarsi moderatamente, stimolando i meccanismi della fatica senza perturbare il tratto cervicale e contribuendo ad abbassare il tono del sistema nervoso.

      Inoltre, è essenziale integrare esercizi di respirazione nel regime terapeutico:

      • Esercizi di respirazione diaframmatica e toracica: mobilizzano i muscoli spesso tesi a causa dello stress emotivo.
      • Stretching e respirazione: agendo sul diaframma e sui muscoli respiratori, aiutano a allentare tensioni sia fisiche che emotive, gestendo efficacemente i nostri “depositi” emozionali.

      Nelle cosiddette situazioni standard, dove i sintomi persistono ma senza l’estrema delicatezza delle situazioni acute, il trattamento cambia leggermente ma in modo significativo:

      • Continuare con l’attività fisica: fondamentale per mantenere un buon tono generale.
      • Utilizzare la respirazione come strumento terapeutico: per mantenere il controllo delle tensioni.
      • Mobilità delle spalle e stretching: essenziali per alleviare la tensione muscolare.
      • Allenamento specifico per il tratto cervicale: cruciale per rendere i muscoli cervicali meno tesi e più efficienti.

      Scopri come migliorare il tuo dolore cervicale, riducendo il mal di testa, le vertigini e gli sbandamenti.

      Tutti i dettagli sui sintomi e sulle migliori strategie per ridurre al massimo il dolore cervicale

      Marcello Chiapponi

      Marcello Chiapponi

      Ciao, sono Marcello Chiapponi, fisioterapista e personal trainer, responsabile del sito.

      Marcello Chiapponi

      Articoli interessanti sul disturbo cervicale

      Tutti i sintomi della cervicale

      Tutti gli articoli sul disturbo cervicale

      Esercizi per disturbo cervicale

      Sintomi di infiammazione cervicale

      Guida al mal di testa da cervicale

      Cervicale e sintomi neurologici

      Riduci il dolore cervicale

      Scarica la demo gratuita del mio videocorso sul disturbo cervicale.

      Cervicale_stop