Vuoi un’ analisi completa dei tuoi sintomi in meno di 10 minuti e scoprire i possibili rimedi? Fai il test!
VAI AL TEST

Come migliorare le proprie abitudini: 3 idee da 3,33 minuti che aumenteranno il tuo benessere

In questo articolo parliamo della terapia più potente in assoluto.

Si tratta di una terapia talmente potente che può migliorare problemi estremamente diversi tra loro, come ad esempio i problemi muscolo scheletrici e contemporaneamente i problemi cardio vascolari.

Addirittura questa terapia può essere applicata per ottenere maggiore successo sul lavoro: le persone di grande successo sono sempre caratterizzate da un suo uso abbondante, spesso molto particolare.

Di cosa sto parlando?. Qual è questa terapia miracolosa?

Naturalmente, sto parlando delle tue abitudini.

Le tue abitudini sono la cosa che più di tutte può avere un impatto sul tuo benessere psico fisico.

Puoi metterti a dieta per 65 giorni, ma è ciò che mangi negli altri 300 a fare la differenza sul quanto grasso accumuli o perdi.

Puoi andare da un ottimo fisioterapista a farti “sciogliere” i muscoli, ma è come ti muovi durante la tua vita quotidiana a fare la differenza.

Questo esempio si può ripetere all’infinito e per qualsiasi campo.

Migliorare le tue abitudini può migliorare di molto il tuo benessere, ma non è facile: ecco perchè in questo articolo vedremo delle tecniche rapide che potrai inserire senza problemi nella tua routine quotidiana.


Indice dell’articolo


 

Cambiare abitudini ti può cambiare la vita ma è difficilissimo, ed ecco perchè

Il tuo cervello non è programmato per farti vivere una vita pienamente soddisfacente sotto tutti i punti di vista.

La nostra “centralina di comando” è vecchia di migliaia di anni, ed ha uno scopo primario ben diverso: quello di mantenerci al sicuro.

Le nostre abitudini sono la più grande sicurezza che il cervello ha a disposizione.

Non importa quanto siano sbagliate, dannose, o auto-distruttive: sono CONOSCIUTE, e questo è ciò che per il tuo cervello conta di più.

Nella mia guida “Cervicale STOP!” ho parlato proprio di questo “difetto di programmazione” del nostro cervello: se ti interessa l’argomento, guarda questo video tratto proprio da Cervicale STOP!

 

Ecco perchè è così difficile migliorare le proprie abitudini: se togli le certezze al tuo cervello, lui farà di tutto per sabotare i tuoi piani e farti tornare nei binari già conosciuti.

Ed è per questo che non basta “imporsi” di fare qualcosa (magari da lunedi, o da settembre, o dal prossimo anno): occorrono delle strategie per ingannare il nostro “comandante”.

 

Una strategia efficace per migliorare le proprie abitudini: “se non hai 10 minuti, non hai una vita”

Questa citazione è di Tony Robbins, famosissimo coach motivazionale americano.

Se ci pensi, una delle scuse che più frequentemente il nostro cervello genera per non farci andare in palestra, oppure per non fare esercizi specifici per un nostro problema è proprio “non ho tempo”.

Ho scherzosamente chiamato l’articolo “3 abitudini da 3,33 minuti” proprio per questo: non puoi darti la scusa del “non ho tempo” se la richiesta è di soli 10 minuti.

Ok, ce ne vorranno probabilmente 5 per ciascuna, ma il concetto è quello.

Una delle tecniche più efficaci per mantenere una nuova abitudine è quella di non stressarsi troppo: se la richiesta che fai al tuo cervello è minima, lui sarà probabilmente disposto ad accettarla.

Se riuscirai ad applicare le tecniche e ne vedrai i benefici, molto probabilmente ti verrà istintivo voler fare ulteriori passi avanti: magari vorrai migliorare il tuo stato di forma facendo attività fisica, oppure mangiare bene ti risulterà meno difficile.

 

Non è detto che le tue abitudini siano sbagliate, ma probabilmente si possono migliorare

Non è detto che le tue abitudini siano “sbagliate” o “dannose”: il corpo umano è così variabile che definire il “giusto” e lo “sbagliato” è praticamente impossibile.

Tuttavia, se pensi che il tuo stato di forma e benessere non sia al top, è ovvio che hai margini di miglioramento.

Non sei in forma a causa di una situazione medica o patologica complessa, che sembra non avere soluzione?

Questo può sicuramente complicarti la vita, ma lascia che ti dica una cosa.

In quasi 20 anni di esperienza nel campo fisioterapico, tutte le persone che ho visto uscire da situazioni croniche e complesse non lo hanno fatto scoprendo una nuova terapia, un nuovo integratore o lo stregone di turno.

Lo hanno fatto cambiando abitudini. Hanno trovato un po’ di sollievo facendo una determinata cosa, e da lì sono partite per la “scalata”.

Ecco perchè tutti abbiamo potenzialmente tanto margine di miglioramento inserendo abitudini “positive”.

Vediamo allora 3 abitudini che puoi inserire “a costo zero”, ma che potranno avere un impatto significativo sul tuo benessere.

Ho scherzato con la cosa dei 3,33 minuti, ma davvero il tempo che serve per applicarle è davvero minimo.

Naturalmente, nulla ti vieterà di prolungare, quando vedrai che il gioco vale la candela.

 

Abitudine rapida #1: qualche minuto di esercizio respiratorio

La respirazione è una delle “armi” più potenti che abbiamo a disposizione: non a caso, ci sono intere scuole basate sul respiro.

Tutto ciò che ci succede influisce sul modo in cui respiriamo, ed il modo in cui respiriamo influisce su tantissime nostre funzioni.

È per questo che “sbloccare” la tua respirazione può avere un impatto molto forte sui tuoi muscoli, sulla tua capacità di concentrazione e su tante altre funzioni.

Ecco il principale e più semplice esercizio, che ti consiglio di fare ogni mattina prima di iniziare la giornata, oppure ogni sera prima di andare a letto.

Appena lo riesci a fare con una discreta confidenza, prova le versioni più avanzate che ho illustrato nel mio articolo su respirazione e mal di schiena.

 

Abitudine rapida #2: qualche minuto di mini-meditazione

Non sottovalutare il poter del “resettare” il tuo cervello anche solo per qualche minuto.

Meditare non è una cosa “new age” o esclusivamente per appassionati di filosofie orientali.

Tim Ferris, famoso autore americano, ha intervistato una valanga di persone di successo, davvero tante.

E cosa ha scoperto il buon Tim?

Ha scoperto che l’80% di loro (ottanta, sottolineo) erano dei “meditatori” abitudinari.

Ci sono tonnellate di studi che dimostrano l’efficacia anche di soli pochi minuti di meditazione al giorno, perchè non provare?

In questo video tratto dal mio canale YouTube (a proposito, se ti va iscriviti cliccando QUI) illustro una tecnica per farlo in modo semplice e rapido.

Il video parte già quando inizio a spiegare la tecnica: se hai voglia di guardare anche il resto, ci sono diversi altri consigli utili.

 

Abitudine rapida #3: allunga le “catene muscolari”

La quotidianità porta spesso i nostri muscoli in accorciamento: siamo spesso seduti, oppure siamo spesso in tensione, e questo mette i muscoli in uno stato di contrattura costante.

Alcuni esercizi sono particolarmente benefici perchè lavorano contemporaneamente su una grande quantità di muscoli (per questo si chiamano allungamenti delle “catene muscolari”).

Cosa potremmo chiedere di meglio, visto che il nostro scopo è di fare qualcosa in poco tempo?

Ecco due esercizi particolarmente efficaci, uno per l’allungamento della “catena” anteriore e l’altro per quella posteriore.

Prova a farli tutte le mattine o tutte le sere, e cerca di capire quale sia il momento della giornata in cui ti danno le sensazioni più positive (a mio avviso la mattina).

Volendo, puoi fare un minuto e mezzo un esercizio e un minuto e mezzo l’altro, se ci tieni alla cosa dei 3,33 minuti 🙂 🙂 🙂

 

Allungamento catena posteriore

 

Allungamento catena anteriore

Conclusione: se vuoi migliorare le tue abitudini ed il tuo benessere, parti con calma

Come ho più volte sottolineato, le abitudini sono lo strumento più potente che hai a disposizione per “modulare” il tuo benessere a medio-lungo termine.

Ma i buoni consigli funzionano solo….. se vengono applicati!

Nel migliorare le tue abitudini, ti troverai a scontrarti con il nemico più potente di tutti: il tuo cervello.

In questo articolo ho voluto mostrarti il più modo semplice di “combatterlo”, cioè quello di non stressarlo troppo.

Mi auguro che questi 10 minuti siano soltanto la base di partenza per la costruzione di uno stato di benessere duraturo.

Se vorrai proseguire, troverai tanto altro materiale qui su L’Altra Riabilitazione: ti consiglio di consultare la pagina prodotti, dove sono illustrate tutte le guide specifiche che io e Annalisa (la nutrizionista mia co-autrice) abbiamo prodotto.

Di tutte è disponibile anche una versione dimostrativa gratuita, in modo che tu possa provare le tecniche da subito.

Buon lavoro!

,
Articolo precedente
Come battere STANCHEZZA, DOLORI e STRESS con “soli” 3 esercizi (a casa!)
Articolo successivo
Regali di Natale “Salute e fitness”: come evitare l’effetto “maglione con la renna”

Post correlati

6 Commenti. Nuovo commento

  • Caro Marcello è tutto vero, cambiare nn è facile ma si può con calma, secondo i nostri ritmi rimodulare una vita un alimentazione un comportamento che ci portiamo dietro da una vita….. certo avere un input efficace sarebbe il massimo, ma dobbiamo farlo da soli con convinzione , io ci sto provando , certo è un lungo percorso ma ci dobbiamo credere … i farmaci non sono poi così risolutivi …. oppure fanno bene di qua e sfasciano di la’ , per cui coraggio e buon lavoro a me è per tutti ….

    Rispondi
  • grazie per non mollare. apprezzo la tua ‘filosofia’ cioe’ la salute e’ nelle nostre mani prima di tutto. Sto cercando di fare gli esercizi per la cervicale e stress tutti i giorni. Sto meglio e ho imparato a “volermi piu’ bene”
    La tua guida la compro, ma devo regolare il mio accesso al mio conto in Italia, ho perso la chiavetta . Torno a Roma per natale

    Rispondi
  • Bellissimo post! Le abitudini sono davvero ciò che, nel lungo termine, ci plasma e ci determina. complimenti!

    Rispondi
  • Buonasera come è possibile parlare con te ? Mi farebbe piacere se tu mi puoi aiutare sono 2 anni che non mi sento bene fisicamente e mentalmente.

    Rispondi
  • Sei bravissimo

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu