Vuoi un’ analisi completa dei tuoi sintomi in meno di 10 minuti e scoprire i possibili rimedi? Fai il test!
VAI AL TEST

Ingrasso facilmente: metabolismo lento, intolleranze & c. c’entrano qualcosa?

Sono frasi che sento ripetere spesso, nel mio studio/palestra oppure al supermercato.

Ingrasso facilmente perchè ho un metabolismo lento”, oppure

Non riesco a dimagrire, sarà colpa di qualche intolleranza alimentare?”.

Ora cercheremo di capire cosa c’è di vero in queste ipotesi, quanto meccanismi come questi possano ostacolare il tuo dimagrimento, e cosa fare a riguardo.

Andando a sottoporre ad un professionista le due questioni di prima, puoi aspettarti due tipi di risposte:

#1 la risposta talebana

Il professionista integerrimo ti liquiderà semplicemente con “sono tutte cazzate, sei tu che mangi troppo”.

Ogni tentativo di convincerlo che il tuo collega mangia il doppio di te senza ingrassare sarà inutile.

#2 la supercazzola

Qualche professionista potrebbe dirti “si, è colpa del…. (serie di termini incomprensibili ai più)”.

Parte con spiegazioni complesse e tecniche allo scopo di illustrarti che lui è in grado di risolverti il problema, e che fino ad ora non sei riuscito a dimagrire a causa di un problema che nessun’altro aveva trovato.

Dove sta la verità? Nel solito posto!

Chi dei due ha ragione? Quello che ha cercato di liquidarti con un “mangi troppo punto e basta” oppure quello del processo biochimico misterioso?

Se vai a guardare la scienza ed il buon senso, capisci che come al solito la verità sta nel mezzo.

Il tuo metabolismo può essere lento! (entro un certo limite)

donna-grassa

Non c’è alcun dubbio: dati alla mano, ci sono persone che possono mangiare di più senza ingrassare.

Guardando i numeri, tra chi ha un metabolismo che tende ad accumulare e chi invece è un “bruciatore” ci può essere una differenza fino al 40% nella quantità di cibo ingurgitabile senza variare il peso.

È tanto, ma non è certo “il mio collega mangia il triplo”. In realtà, chi accumula grasso facilmente mangia in parte senza accorgersene, come meccanismo di compensazione allo stress.

Da che cosa dipende questa differenza?

Da una serie di fattori biochimici come l’efficienza mitocondriale e la flora batterica intestinale.

Come faccio a capire se il mio metabolismo è lento?Si può accelerare ?

È dura ma si può.

Tra poco vediamo come.

Le intolleranze alimentari non fanno ingrassare (o non più di tanto)

donna-che-mangia

Premessa: parliamo di un ambito dove la confusione regna sovrana. Tieni in mente due dati:

1) le uniche intolleranze veramente riconosciute e certificate sono lattosio e glutine
2) ad oggi, non esiste un metodo che abbia dimostrato affidabilità 100% nel rilevare le intolleranze alimentari

Molte delle intolleranze alimentari “comuni” sono in realtà manifestazione di un sistema digestivo che non funziona bene, e di un metabolismo “sotto stress”.

Questa condizione si vede bene con una analisi strumentale che utilizzo abitualmente, la BIA ACC.

Se avessi una vera e propria intolleranza grave, con impossibilità ad assorbire l’alimento, l’irritazione dell’intestino ti porterebbe in realtà a dimagrire, non certo ad ingrassare.

La ripetuta assunzione di un alimento che non piace al tuo sistema digestivo può al massimo rallentare il metabolismo, a causa della sollecitazione degli ormoni dello stress (cortisolo).

Come capire se il tuo metabolismo è lento

Il metodo più affidabile per capire il tuo metabolismo non è uno strumento.

Lo strumento di analisi metabolica più completo che abbiamo a disposizione (e che io utilizzo quotidianamente), cioè la BIA ACC, non è in grado di capire quanto cibo puoi mangiare senza ingrassare.

L’unico metodo affidabile è il diario alimentare.

Utilizza un sito/app come Fatsecret per segnare con precisione tutto quello che mangi in un arco temporale di almeno 2 settimane, week end compresi. Ricordati di pesarti prima di iniziare il diario.

Dopo due (ma meglio tre) settimane, avrai una media di quante calorie mangi al giorno, e sarà una media affidabile perchè comprende anche i week end o le festività varie.

Se il tuo peso non è cambiato, quella sarà la quantità di calorie sulla quale si è “assettato” il tuo metabolismo.

Una faticaccia fare questa rilevazione? Forse un po’, ma ti dico una cosa: se non hai neppure la volontà sufficiente a tenere un diario alimentare, difficilmente avrai la volontà che serve per dimagrire in maniera efficace.

Come aumentare la velocità del metabolismo

bfitness

Eccoci al punto forte: posso aumentare la velocità del mio metabolismo in modo da assomigliare al mio collega tritatutto?

Beh, diciamo che la velocità del metabolismo si può aumentare, rendendo più facile il controllo del peso, ma….

Servono tempo ed impegno.

Vediamo quali sono i metodi più efficaci per accelerare la velocità del metabolismo.

#1 Allenamento combinato specifico (efficacia alta, impegno elevato)

La combinazione più efficace per l’aumento del metabolismo è l’allenamento in palestra, composto da un mix di esercizi per la stimolazione della massa muscolare+esercizi aerobici ad alta intensità.

In pratica, un allenamento breve ma intenso, ripetuto 2-3 volte a settimana.

L’efficacia di questo tipo di allenamento è alta, ma non tutti sono inclini ad un allenamento di questo genere, perchè è poco divertente e fisicamente impegnativo.

Se pensi di essere il tipo adatto a questo tipo di allenamento, sarà mio piacere illustrartelo e costruirtelo su misura: è sufficiente che mi contatti scrivendomi da questa pagina, o raggiungendomi direttamente presso il mio studio, il cui indirizzo è sempre a questa pagina.

#2 Allenamenti e corsi di gruppo (efficacia buona, impegno medio)

Per chi non è abituato all’attività fisica, un corso di gruppo (come quelli che organizza Sara nel nostro studio), può essere una buona base di partenza.

È divertente, stimolante e permette comunque di produrre una buona quantità di lavoro.

Il meglio sarebbe abbinare l’allenamento di gruppo all’allenamento specifico: in quel caso, l’impatto sul metabolismo sarebbe notevole.

Per informazioni sui nostri corsi, clicca QUI e ti si aprirà la pagina con i contatti di Sara.

#3 Aumento graduale dell’assunzione di cibo (efficacia alta, impegno elevato)

Hai letto bene: esiste la possibilità di aumentare il metabolismo mangiando di più.

Ma allora perchè ho scritto “impegno elevato”? Non sarà una fatica mangiare di più vero?

E invece si: devi mangiare POCO di più ogni settimana, ma proprio poco. In questo modo aumenterai la quantità di cibo che puoi mangiare senza ingrassare, perchè sarà un processo molto graduale.

Un buon inizio è cercare di mangiare 50 kcal al giorno in più, aumentando di 50 kcal una volta ogni settimana o due.

Cosa significa questo? Che devi riprendere in mano il diario alimentare e fare dei veri e propri calcoli certosini.

Non solo: significa che per aumentare il metabolismo in modo significativo possono volerci mesi.

Dura lex, sed lex: stai parlando di modificare una tua caratteristica, non certo di raccogliere margherite.

CONCLUSIONE

Migliorare il proprio metabolismo, in modo da avere un dimagrimento efficiente e duraturo è possibile, a patto che si conoscano le regole.

In questo articolo abbiamo visto le basi di queste regole e fatto chiarezza su un paio di miti diffusi.

Se vuoi una mano a raggiungere i tuoi obiettivi, se vuoi una analisi BIA ACC del tuo metabolismo, oppure se ti interessano le nostre attività di gruppo e non, non devi fare altro che cliccare sulla pagina CONTATTI!

Alla prossima!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Facebook con i tuoi amici!

fb-condividi

,
Articolo precedente
Un super esercizio (+ strategia) per muscoli del collo rigidi e torcicolli ricorrenti
Articolo successivo
Dolore cervicale risolto rapidamente: il caso da manuale di Marco

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu