Menisco interno: cosa fare se hai una lesione o una meniscosi

Quando si sente parlare di lesione al menisco interno si tende sempre a immaginare un brutto trauma che incide negativamente sulla vita di chi ne è affetto.

Per fortuna, la realtà è ben diversa, e questo tipo di problema spesso non è così spaventoso.

Ed è proprio questo ciò che voglio spiegarti in questo articolo: la lesione al menisco interno non è una “condanna”, ma un problema che spesso si può superare senza problemi.

Innanzitutto, è un problema molto comune: capita agli sportivi, capita a chi ha una particolare conformazione delle ginocchia, a chi sale spesso lunghe rampe di scale….

Essendo un problema comune, significa che esiste molta letteratura scientifica sull’argomento e di conseguenza diverse opzioni di terapia, tra cui l’esercizio riabilitativo: l’esercizio riabilitativo (che vedremo) la migliore delle opzioni, nonché l’unica che consente di migliorare la propria situazione da soli.

Scoprirai che bastano semplici indicazioni ed esercizi che puoi svolgere in autonomia per migliorare di molto il problema, o per risolverlo completamente.

E anche nel caso in cui la lesione non fosse riparabile col solo esercizio, rendendo necessario un intervento chirurgico, non preoccuparti: con una riabilitazione pre e post-operatoria ben fatta, l’intervento sarà più leggero e la convalescenza più breve.

Andiamo a esaminare il problema nel dettaglio e poi arriviamo alle possibili opzioni terapeutiche.

Cominciamo!

 

PS: tutto ciò che vedrai all’interno dell’articolo è un estratto del mio video-corso “Rimetti in sesto il tuo ginocchio“, realizzato in collaborazione con i ragazzi di Fisiosocial.

Con “Rimetti in sesto il tuo ginocchio” puoi costruirti un programma di riabilitazione COMPLETO e PERSONALIZZATO: scoprilo cliccando sull’immagine qui sotto!

Cosa sono i menischi e cos’è il menisco interno

I menischi sono delle cartilagini semicircolari frapposte tra la tibia e il femore e hanno la funzione di fare da ammortizzatore e dare stabilità al ginocchio distribuendone il peso.

A seconda di dove è rivolta la curva dei corni anteriore e posteriore, si parla di menisco esterno e menisco interno. Il menisco interno, chiamato anche mediale, è quello posto nella parte interna del ginocchio.

Quando si parla di menischi, si parla essenzialmente di due tipi di problemi:

  • le LESIONI legate a TRAUMI (distorsioni)
  • l’USURA, ovvero una serie di micro-lesioni che si accumulano nel tempo. In questo caso si parla anche di MENISCOSI

 

Come si presenta il dolore al menisco interno

Il ginocchio è un’articolazione complessa, ma quando si ha un problema al menisco interno è piuttosto facile individuarlo, poiché si avverte dolore in situazioni e posizioni specifiche.

In caso di menisco interno lesionato o usurato, il dolore è localizzato sul lato interno del ginocchio, in particolare in corrispondenza del corno posteriore del menisco interno.

Il corno posteriore, infatti, è la parte del menisco interno che subisce il maggior numero di sollecitazioni.

In presenza di lesione al menisco interno, le infiammazioni di quell’area diventano più frequenti, con la naturale conseguenza che l’articolazione diventa più rigida.

Inoltre, potresti avvertire dolore sulla faccia interna del ginocchio quando pratichi attività sportive e quando fai alcune attività in particolare che normalmente faresti ogni giorno: salire le scale, alzarsi da una sedia sono situazioni tipiche di dolore in presenza di un menisco interno problematico.

 

I problemi al menisco sono sempre dolorosi?

Non è detto. Anzi, la maggior parte delle lesioni al menisco non presenta alcun dolore, tanto che molti hanno i menischi interni lesionati senza neanche saperlo.

Questo dimostra che è possibile convivere con una lesione al menisco e che non sempre l’intervento chirurgico è necessario.

Come ti spiegherò tra poco, rinforzando i muscoli che supportano le ginocchia, la riabilitazione completa è spesso un obiettivo più che alla portata.

 

LESIONE al menisco interno e USURA: ecco le differenze

Come dicevo poco fa, i problemi principali del menisco sono relativi ad una LESIONE da TRAUMA o alla progressiva USURA.

Esistono vari tipi di lesioni, ma per semplicità non andremo ad analizzarle una a una, anche perché non credo possano esserti utili in qualche modo.

Si tratta fondamentalmente di macro o micro rotture vengono spesso causate da movimenti bruschi (distorsioni).

In queste circostanze, il tessuto fibroso di cui è formato il menisco subisce uno stiramento improvviso e si strappa.

Un po’ come quando tendi un capo di abbigliamento e le fibre di cotone che lo formano si allungano fino a un certo punto, per poi cedere e lasciare uno strappo visibile.

Per quanto riguarda l’USURA, chiamata anche MENISCOSI, il discorso è piuttosto diverso.

 

Meniscosi del menisco interno: cosa significa e perché succede

Diversamente dalla rottura del menisco, la meniscosi prevede l’usura del tessuto ed è caratterizzato non da una grossa ferita, ma da tante piccole ferite sulla superficie e dalla presenza di microcalcificazioni ben visibili negli esami radiologici.

Se la rottura del menisco è causata da eventi traumatici, l’usura avviene lentamente col passare del tempo, infatti colpisce più spesso le persone che hanno superato i 50 anni.

Altre cause di meniscosi che possono colpire in particolare il corno posteriore del menisco interno sono dovute a uno sbilanciamento nella distribuzione del peso sull’articolazione, per esempio in casi di:

  • sovrappeso: qualche chilo di troppo può contribuire a sovraccaricare le ginocchia e usurare oltremodo il menisco interno;
  • ginocchio varo, detto anche “gambe a x”. In questo caso l’asse di carico è molto sbilanciato sul menisco interno.

 

Cosa puoi fare se hai un problema al menisco interno

Se ti viene diagnosticata una lesione al menisco interno o una meniscosi, ci sono fondamentalmente due strade da seguire: quella riabilitativa e quella chirurgica.

Come ti ho anticipato in precedenza, nella maggior parte dei casi è possibile migliorare la propria situazione in totale autonomia, o comunque senza intervento, grazie all’esercizio terapeutico.

Vediamo nel dettaglio queste due possibilità.

 

Riabilitazione

La convivenza con un menisco interno lesionato, entro certi limiti, può avvenire solo a una condizione: che l’articolazione sia supportata da una muscolatura sana e non rigida.

Questo agevolerà i movimenti e allevierà la pressione sui menischi.

Muscoli più forti daranno più stabilità e avranno un impatto positivo non solo sulle azioni quotidiane, ma anche sull’attività sportiva, se la pratichi.

Ecco perchè un buon piano di esercizi è considerato la principale terapia per le problematiche del ginocchio, menisco in primis.

 

Intervento chirurgico

Se l’usura o la lesione del menisco sono troppo profonde e accentuate, l’operazione è quasi inevitabile.

Ci si accorge facilmente di quando una lesione meniscale è “chirurgica”, dato che:

  • il dolore si presenta in modo regolare e costante
  • il ginocchio tende a “bloccarsi” spesso
  • si va incontro a più o meno saltuarie ed improvvise infiammazioni dolorose.

L’intervento chirurgico consiste nella riparazione o rimozione della parte lesionata.

So che può suonare complicato e spaventoso, ma con una buona riabilitazione e un buon lavoro sui muscoli, la ripresa sarà rapida e completa.

Per ulteriori informazioni, leggi la mia intervista al chirurgo ortopedico Edoardo Scaravella.

 

Come migliorare il tuo ginocchio con la riabilitazione e l’esercizio mirato

È assolutamente possibile che il ginocchio riprenda a funzionare bene e senza dolore in maniera molto semplice e soprattutto autonoma.

Eseguendo degli esercizi mirati al rinforzo dell’articolazione, è molto probabile che non ci sia alcun bisogno di intervenire chirurgicamente (a meno che non sia davvero indispensabile).

Lo scopo degli esercizi è quello di migliorare l’efficienza dei muscoli che regolano o influenzano i movimenti del ginocchio.

Poiché non esistono esercizi che agiscano direttamente sul menisco interno, per rieducare l’articolazione dobbiamo lavorare sui tutti muscoli che la muovono.

In particolare, andiamo a rinforzare i quadricipiti sul lato anteriore delle cosce e allo stesso tempo allentiamo la tensione dei muscoli posteriori delle cosce, in particolare il semitendinoso e il bicipite femorale.

Questi muscoli, infatti, incidono direttamente sull’azione del ginocchio, permettendone la flessione e la rotazione.

Per iniziare da subito a migliorare il tuo ginocchio, ti consiglio i semplici esercizi che trovi illustrati in questo video:

 

Se invece ti interessa un programma COMPLETO e PERSONALIZZATO, che possa seguirti passo dopo passo, allora ti consiglio sicuramente il mio video corso “Rimetti in sesto il tuo ginocchio“.

Grazie al video corso e alla sua particolare procedura, capirai facilmente quali sono gli esercizi ed i protocolli più adatti al tuo caso.

SCOPRI IL CORSO CLICCANDO SULL’IMMAGINE QUI SOTTO!

 

Intervento chirurgico: cosa fare prima e dopo

Qualora la strada dell’operazione al menisco interno si riveli quella più indicata al tuo caso, ti sconsiglio comunque di attendere la data del ricovero senza fare nulla.

Anche in questo caso, infatti, avere una buona struttura muscolare a supporto dell’articolazione è di grande aiuto.

I benefici di iniziare la riabilitazione prima dell’intervento sono:

  • individuare se c’è davvero la necessità dell’operazione: potresti scoprire che con l’esercizio, il tuo ginocchio ha riacquistato una stabilità sufficiente a permetterti di convivere con la lesione senza problemi o almeno a ritardare l’operazione;
  • velocizzare la ripresa: se i muscoli funzionano bene, la convalescenza dall’intervento sarà più breve e più leggera.

A sottolineare l’importanza della riabilitazione, esistono diversi studi che testimoniano come anche la chirurgia basata sull’effetto placebo, con operazioni in cui il paziente viene anestetizzato, aperto e richiuso senza alcun intervento, siano efficaci quanto un’operazione reale o addirittura lo siano in misura maggiore se tale intervento è seguito da un attento percorso riabilitativo.

Anche dopo l’intervento, quindi, dovrai continuare ad allenare le strutture muscolari portanti delle tue ginocchia con i giusti esercizi.

 

Conclusione

Come hai visto, le lesioni o la meniscosi del menisco interno non sono problemi che ti condannano a vita e anzi, sono molto comuni.

Puoi migliorare il tuo problema al menisco interno con esercizi mirati e un piano di riabilitazione ben strutturato in totale autonomia e magari senza nemmeno la necessità di un intervento.

E se anche la chirurgia fosse necessaria, adesso sai come affrontarla con serenità.

Concludo invitandoti nuovamente al mio corso “Rimetti in sesto il tuo ginocchio” , che contiene tutto ciò che ti serve per portare al “top” la tua muscolatura e la tua articolazione!

SCOPRI “RIMETTI IN SESTO IL TUO GINOCCHIO” CLICCANDO SULL’IMMAGINE QUI SOTTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Logo MDS - Mal di schiena passo passo

Se soffri di problemi alla schiena, qui c'è tutto quello che ti occorre

Tutti i dettagli sui sintomi e sulle migliori strategie per migliorare al massimo il mal di schiena

Marcello Chiapponi

Ciao, sono Marcello Chiapponi, fisioterapista e personal trainer, responsabile del sito.

SCARICA IL PDF "SOS GINOCCHIO" PER FARE IL TEST E SCOPRIRE IL TUO "ESERCIZIO MAGICO"!