Vuoi un'analisi completa del tuo disturbo in meno di 10 minuti per scoprire i possibili rimedi? Prova il TEST gratuito!
Voglio provare il TEST!

Tensione muscolare da stress nervoso: come l’ho risolta 

Quando arrivi a dover chiamare un taxi per tornare a casa, lasciando la tua auto al lavoro, significa che il tuo malessere da tensione muscolare è veramente forte.

Eppure è quanto è accaduto al mio paziente: per 4 lunghi mesi, Fabrizio ha vissuto con una costante e forte sensazione di disagio dovuta a:

  • tensione dei muscoli cervicali
  • stanchezza visiva
  • pesantezza della testa
  • vertigini e sbandamenti

Prima che io lo vedessi, Fabrizio aveva già effettuato una voluminosa quantità di esami, dalla risonanza cervicale agli esami del sangue…

Non li abbiamo quasi neppure guardati: non gli avevano trovato una singola anomalia che minimamente potesse giustificare i problemi che avvertiva.


Indice dell’articolo


Sintomi e storia

blocco note

Fabrizio ha poco più di 40 anni, è in forma ed è sempre stato decisamente in salute: nessun infortunio o malattia rilevante.

Ha una attività importante e diverse responsabilità, ma ha sempre affrontato i forti stress volentieri ed in maniera molto positiva.

Come dicevo, negli ultimi mesi la vita gli è stata resa impossibile dall’instaurarsi (quasi improvvisamente) di una forte tensione a lato del collo (come una morsa), accompagnata da vertigini, sbandamenti e stanchezza visiva.

Al di là del dolore, questi sintomi gli rendevano estremamente difficile concentrarsi, al punto che anche guidare era diventato un problema, per non parlare dello stare davanti al computer.

Come ho esaminato il caso

Naturalmente ho applicato con Fabrizio il dettagliato procedimento di valutazione che puoi leggere alla pagina Esempio di Visita.

#1 Esame fisico e posturale

Questa è stata il primo vero colpo di scena: ho chiesto a Fabrizio di fare un semplicissimo test, cioè di abbassarsi a toccare le punte dei piedi e…. sorpresa!

Premessa: quando ci pieghiamo in avanti, cercando di andare a toccare le punte dei piedi, la colonna vertebrale dovrebbe “aprirsi” posteriormente e formare una curva armonica, tipo questa:

pike ok

E invece, ecco cosa è successo quando Fabrizio si è piegato in avanti:

pike no ok 2

Come puoi notare, dalla testa fino circa a metà schiena c’è una buona “apertura”, ma da lì in poi…completamente fermo!

Generalmente questo è segno di forte rigidità dorso/lombare, in particolare rigidità del muscolo diaframma, del quale ho spiegato l’importanza nel provocare disturbi cervicali.

Prima considerazione interessante: se hai la parte dorso lombare rigida, come se indossassi un busto, quale zona della tua schiena soffrirà di più?

Non sicuramente quella “imbustata”! Soffrirà tremendamente di più quella “libera”, che dovrà prendersi carico del movimento che non fanno i segmenti sotto.

Nel suo caso, la zona “libera” era appunto quella cervicale.

#2 Esame del sistema nervoso autonomo PPG Stress Flow

Sicuramente, l’esame PPG Stress Flow ha aggiunto un importante pezzo nel puzzle della valutazione di Fabrizio.

Non mi aspettavo niente di diverso che un quadro come questo:

fabrizio ppg

Senza entrare troppo nei dettagli, l’esame PPG ha mostrato:

  • battiti elevati a riposo
  • bassa attività del Nervo Vago
  • elevata attivazione del Sistema Nervoso Ortosimpatico

Per farla semplice, il Sistema Ortosimpatico si “accende” quando stiamo in attività o sopportando uno stress, il Nervo Vago si attiva quando ci rilassiamo.

All’esame PPG, che viene naturalmente effettuato a riposo, Fabrizio ha mostrato un elevato stato di attività ortosimpatica, come se avesse appena fatto attività fisica o come se fosse in uno stato di forte “allerta”.

Naturalmente, questa condizione si accompagna sempre a muscoli estremamente tesi.

#3 Esame del metabolismo e della composizione corporea

Per Fabrizio l’esame BIA ACC del metabolismo e della composizione corporea non si è rilevato estremamente interessante: una buona massa muscolare, un buono stato di idratazione, ed una buona struttura in generale.

Soltanto il dato più in correlazione con i fisiologici ritmi ormonali era fuori scala:

Schermata 2017-01-25 alle 05.38.35

Generalmente, quando accade questo, la persona sta facendo un abbondante sovra-utilizzo del suo sistema di risposta allo stress.

Perché Fabrizio ha sviluppato questi sintomi da tensione muscolare

Fatta la valutazione, trarre delle conclusioni non è stato difficile, anche per la premessa che mi aveva fatto (e non ti ho ancora detto).

Fabrizio appartiene a quella categoria di persone con una alta reattività ed una elevata capacità di sopportazione dello stress.

A volte però, queste persone pagano lo scotto di un progressivo irrigidirsi dei muscoli, in particolare del diaframma, molto collegato allo stress emotivo.

Ecco perché la bassa schiena di Fabrizio era così rigida, anche se non gli dava alcun problema.

A causa della elevata produzione di endorfine endogene, spesso queste persone sostengono ritmi di lavoro e carichi di stress elevati senza avvertire alcun problema per anni.

Ma quando la situazione raggiunge il capolinea (spesso a seguito di un ulteriore accentuarsi dei carichi), sono guai: inizia uno stato infiammatorio fortissimo, che spesso ci mette mesi a diminuire di intensità.

E questo è proprio ciò che è accaduto a Fabrizio: non ha sentito nulla per anni, ma a seguito di una primavera/estate in cui ha affrontato un periodo stress più forte del solito, è “scoppiato” in autunno.

Si tratta, con le dovute proporzioni, dello stesso fenomeno che ci fa avvertire il dolore della “botta” più il giorno dopo che il giorno stesso.

Cosa ho fatto / risoluzione della storia

marcello computer

Ho dimenticato una importante premessa che Fabrizio mi ha fatto quando ancora non si era tolto la giacca: quando è arrivato da me, i sintomi erano già ampiamente in remissione da un paio di settimane.

Fabrizio aveva scaricato la demo della mia guida Cervicale STOP!, aveva fatto il test di valutazione delle cause del disturbo, ed aveva già capito che il problema non potesse essere soltanto “posturale”.

Grazie al materiale della demo, aveva già cominciato a lavorare su:

  • respirazione diaframmatica
  • allungamento e distensione del muscolo trapezio
  • tecniche di rilassamento

Unito al fatto di aver oramai realizzato che non aveva nulla di grave (pletora di esami tutti negativi), è bastato a far scattare nel suo organismo l’interruttore giusto.

Vedendolo, abbiamo potuto mettere nero su bianco la situazione e notare la rigidità dorso-lombare (avrebbe potuto farlo se avesse avuto la versione completa della guida, c’è il test posturale), ma fondamentalmente aveva già fatto tutto da solo.

Casi come il suo rappresentano la massima espressione dei disturbi muscolari legati a stress emotivo: la maggior parte di noi ha esordi molto più lenti, subdoli e graduali nel tempo, ma le possibili soluzioni sono esattamente le stesse.

Se anche tu avverti sintomi simili, scaricando la DEMO GRATUITA della mia guida Cervicale STOP! potrai fare un apposito test per capire le cause dei tuoi disturbi, e cominciare a risolverle.

Clicca sull’immagine qui sotto!

Risolvi la tensione muscolare da stress nervoso!

Se invece proprio proprio non ti fidi di te stesso, e sei abbastanza a portata di mano da raggiungermi, scrivimi dalla pagina contatti!

PS: com’è finita la storia?

La storia di Fabrizio è proseguita in maniera positiva, e fondamentalmente in linea con quanto atteso.

La forte infiammazione che aveva avuto non era altro che un “punto di arrivo” di una situazione che si accumulava da tempo e che aveva alla base il suo carattere ed il suo stile di vita: logico pensare che non siano cose che spariscono dall’oggi al domani.

Tuttavia, a distanza di diversi mesi, Fabrizio mi ha comunicato che la situazione era più che buona, anche se non ancora perfetta (ma con le premesse che c’erano, era impossibile che lo fosse).

Ecco la mail che mi ha mandato:

, ,
Articolo precedente
Cervicale: i migliori esercizi per ridurre il dolore e la tensione
Articolo successivo
Sintomi e segni della cervicale “da stress” (infografica)

Post correlati

48 Commenti. Nuovo commento

  • Molto interessante. Il mio problema però sembrerebbe diverso e forse anche più grave.
    Ho subito molto stress per molti anni da giovane e non ho mai patito nulla. Poi come una bomba a orologeria, mi sono ritrovato con indurimenti muscolari in tutto il corpo, a volte perfino nella masticazione.
    Il problema è che, facendo attività fisica, nello specifico in montagna, mi sono ritrovato di colpo ad avere facilmente crampi muscolari, spasmi e pesantezza alle gambe, non riuscendo a finire gite decisamente inferiori a quelle alle quali ero abituato.
    Non sono più riuscito a liberarmi completamente di questo problema, se non con gocce di ansiolitici (LEXOTAN 2,5g/ml).
    Con queste gocce riesco a tenere a bada i picchi di ansia fisica riuscendo, nel lungo termine, a smettere di prenderle, tornando così immediatamente e senza problemi alle mie attività outdoor. Il problema è che alle prime avvisaglie di stress, nonostante riesca a tenere a bada psicologicamente l’ansia, mi ritrovo da capo.
    Non c’è una cura o un percorso più efficace per risolvere il problema di queste tensioni muscolari incontrollate?
    Grazie

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      12 Luglio 2017 07:33

      Buongiorno Emanuele, sicuramente mi parla di un problema molto difficile da affrontare.

      Come materiale pronto a disposizione da fornirle, le direi di leggere questo articolo

      https://www.laltrariabilitazione.it/disturbi-della-colonna/lansia-un-problema-fisico-capire-sintomi-combatterli.html

      Rispondi
    • Ciao, leggendo il commento di Emanuele mi sono ritrovato in tutti i sintomi che ha descritto lui. Sono 7 mesi, in particolare, che la tensione mi “prende” la masticazione/mandibola praticamente ogni giorno e particolarmente nelle giornate più fredde. Il mio lo descriverei come uno stato di ansia costante che si sfoga ciclicamente sui miei “punti deboli”( mandibola, male di schiena, sonno disturbato, fame d’aria e tachicardia/extrasistole, digestione lenta, vertigini e attacchi d’ansia/panico). Ho fatto 6 mesi di psicologa ma, senza nulla torgliere, ritengo non basti solo un percorso psicoterapeutico per risolvere…. a questo punto ho due domande… una per Emanuele: lexotan alleviava i sintomi del l’ansia immediatamente oppure serviva una cura a lungo termine?? Marcello : cosa mi consiglieresti?? Grazie a tutti e due in anticipo !

      Rispondi
      • Marcello Chiapponi
        Marcello Chiapponi
        20 Ottobre 2017 09:12

        Stefano, concordo con la tua lucida analisi. Dal punto di vista fisico, puoi fare tutti gli esercizi di rieducazione respiratoria e di rilassamento, ti saranno molto d’aiuto. Li trovi sul sito o sulla mia guida…

        Rispondi
      • Le vertigini le hai avuto per quando tempo io mi sto distruggendo non sto capendo più niente

        Rispondi
  • Buongiorno a lei dott. Chiapponi,
    questa sera lo leggerò volentieri.
    intanto la ringrazio per la risposta.

    Rispondi
  • Sono stata a luglio a fare una visita dopo circa due mesi di situazione veramente insostenibile (io ingestibile, super fragile, mal di stomaco forte, conati di vomito almeno una volta al giorno, 8 kg persi) , e il medico mi ha diagnosticato una semplice mancanza di serotonina. La mia situazione da due mesi a questa parte rimane ancora brutta (ho una forte tensione muscolare, seguita da nausea e l’unico modo in cui momentaneamente riesco a far passare la tensione è vomitare) nonostante un percorso con uno psicoterapeuta e delle pastiglie omeopatiche che dovrebbero aumentare la produzione dell’ormone. mi sento sempre tesa come una corda di violino e sento un grande troppo nella parte lombare

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      27 Settembre 2017 09:29

      Jasmine, sull’omeopatico non riporrei grande fiducia. Inoltre, occorre vedere come abbiano diagnosticato questa mancanza di serotonina…

      Rispondi
      • Buongiorno. Posso chiederle per quale motivo dice di non riporre fiducia nell‘omeopatico ? Io posso testimoniare che funziona e anche molto bene.

        Rispondi
        • Marcello Chiapponi
          Marcello Chiapponi
          21 Maggio 2018 09:57

          Il fatto che una cosa funzioni per lei non implica che funzioni per tutti. Scientificamente parlando, il principio dell’omeopatia è totalmente inaccettabile (diluire una goccia di principio attivo in una quantità abnorme di acqua).

          Rispondi
  • Buongiorno, è circa 1 mese che ho disturbi vari come bruciore di stomaco con reflusso, gonfiore addominale, nodo in gola, battiti a riposo a circa 90bpm,insonnia e da 4 giorni dolori al collo (collo rigido), vertigini, gambe pesanti e doloranti, e occhi pesanti. Cosa mi consigliate? Grazie

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      21 Ottobre 2017 06:48

      Matteo, il consiglio è sicuramente di consultare tutto il materiale del sito: possono esserti utili esercizi di respirazione, di rilassamento, ed esercizi di “postura generale”…

      Rispondi
  • Ciao sono Francesco da circa un anno che ormai soffro di svariati disturbi….e che i medici tedeschi essendo che vivo in Germania….mi hanno detto di conviverci…… spero che mi potreste aiutare…i miei sintomi sono….ronzio orecchio destro soprattutto in maggiore intensita quando porto il collo all’ indietro e quando mi distendo, vibrazione costante della mandibola,crampi al palato,e tensioni costanti alla nuca collo e spalle…ma tutto senza dolore per fortuna,ma sto diventando pazzo….

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      13 Dicembre 2017 07:44

      Buongiorno Francesco, questi sintomi possono essere legati a stati di forte tensione muscolare, in effetti. Al di là dei consigli che ha trovato nell’articolo e che trova nella mia guida, può pensare di consultare un neurologo…

      Rispondi
  • Salve, mi sono ritrovata in quasi tutto ciò descritto sopra, un anno fa ho fatto una radiografia per un gonfiore al collo laterale destra ed è risultato il muscolo ispessito , perdita della lordosi cervicale, scogliosi e cervicale. Il medico mi ha mandato dal fisioterapista solo per rieducare il braccio visto che fa male grazie al nervo schiacciato e il fisioterapista mi ha raccomandato di fare nuoto( non so nuotare) . Tutti e due mi hanno detto la stessa cosa” cel’hai e te la tieni” . Quindi continuo ad avere i.muscoli del collo sempre tesi e stamattina mi sono svegliata con un gonfiore alla base del collo, all’altezza della clavicola, dal lato destro dove ho questi problemi. Può essere una conseguenza dei problemi muscolari o mi devo preoccupare per qualcosa di più grave? Questi giorni sono un po’ in ansia per dei esami da dare nei prossimi giorni. Mi ero dimenticata di dire che ho 40 anni. Preoccupatissima per questo gonfiore , confido nella sua risposta

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      8 Gennaio 2018 07:36

      Buongiorno. Il gonfiore, in realtà, non è che faccia parte dei classici sintomi di problemi muscolo scheletrici, quindi farei un’eco della zona: a volte sono dei noduli tiroidei..

      Rispondi
  • Buonasera Dottore, spero che almeno Lei possa darmi una risposta sensata. Premetto che non ho ancora visto il medico di base. Comunque ho una cosa Mai avuta al braccio destro. Il mio polso scricchiola quando lo ruoto, e il muscolo dal gomito alla spalla duole, il peggio (per me che sono ansiosa e molto ipocondriaca) è che quando tengo il braccio fermo, per un paio di minuti nella stessa posizione (magari piegato sulla pancia o lungo) sento il muscolo (credo) che freme come per avere movimento, al ché il braccio parte, volontariamente però, sento che sono io a farlo scattare, ho una grande paura di avere qualcosa.. ho 22 anni, peso forma, non bevo, non fumo, ammetto che l’attività fisica è scarsa.. che mi consiglia? Grazie!

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      8 Gennaio 2018 07:34

      Elisabetta, non c’è niente di cui preoccuparsi. Così da come me lo descrivi non è ben chiaro di cosa si possa trattare, fai un giro dal medico e senti cosa ti dice lui

      Rispondi
  • Dott mi dica dove posso trovera sto male 3 mesi

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      14 Gennaio 2018 07:20

      ehm…dove posso trovare cosa?

      Rispondi
      • Salve a da un paio di giorni che mi fa male il collo avvolte anche il braccio in più mi sento tipo un Po debole nausea tipo vertigini la testa tipo vuota leggera sn preoccupata perché penso al peggio a da giorni che mi sn fissata che ho un tumore talmente e fisso il pensiero che mi sveglio e mi addormento col pensiero in più non mi va di fare niente perché ci penso 24 ore su 24 non trovo liberazione anche xké mi preoccupa che mi sento così o forse sto così perché sono i pensieri la paura che mi fanno sentire giù triste sola debole tipo la testa leggera vertigini aperto una sua risposta penso dovessero ipocondriaco perché ogni sintomo leggo si internet chiami diversi dottore non ho più pace

        Rispondi
        • Marcello Chiapponi
          Marcello Chiapponi
          8 Marzo 2018 05:44

          Stefania, sui problemi di ipocondria posso fare ben poco. Posso comprenderli, ma purtroppo non posso aiutarli. Riferisca i sintomi al suo medico, se lo riterrà opportuno le farà fare degli accertamenti, altrimenti non avrà nulla da temere.

          Rispondi
  • Salve Marcello. Da diversi anni avverto un forte senso di tensione muscolare dietro alla nuca accompagnato da una grande stanchezza mentale e da irritabilità. Tali sintomi si intensificano in particolare quando leggo, quando scrivo, quando disegno e in generale quando compio anche il minimo sforzo mentale. Mi sono rivolto a un neurologo, a uno psicologo ma non sono mai riuscito a risolvere questo problema. Ti informo inoltre che circa dieci anni fa ho scoperto di avere delle protrusioni alla colonna vertebrale (L5-S1) e che ho subito un operazione per rimuoverle anche se non ho risolto completamente il problema. (Te lo comunico per farti avere un quadro più chiaro della situazione) Ora da cosa potrebbero essere provocati questi sintomi e cosa potrei fare per guarire? Ti ringrazio anticipatamente.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      22 Marzo 2018 16:04

      Ciao Stefano. Come avrai letto da questo caso studio, spesso non è facile capire la causa del problema. La cosa che sarebbe interessante capire è se hai fatto rieducazione specifica del collo…

      Rispondi
  • Salve, mi hanno riscontrato ernie a l4 -l5, l5-s1 un anno fa. Pochi mesi dopo ho iniziato a riscontrare dolori alla schiena, rigidità, bruciore e stanchezza cronica fin da quando mi alzo la mattina. Appena rimango un oretta in piedi o seduta inizia a farmi seriamente male. Ho bisogno di muovermi.
    Premetto che facevo un lavoro stressante, seduta molte ore al giorno continuamente. Ho perso il lavoro per questo dolore cronico alla schiena e nessuno sa dirmi il motivo. Dicono che non sia ricollegabile alle ernie, perché è a metà schiena. Ho preso farmaci antidolorifici,integratori e miorilassanti, ma niente. Faccio RPG, ma con scarsi risultati.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      24 Aprile 2018 14:06

      Buongiorno. Se neanche chi l’ha vista ha saputo interpretarlo, io sono ancora più in difficoltà…potrebbe trattarsi di una forte tensione del muscolo diaframma…

      Rispondi
    • Buonasera, mi consola non essere l’unica che quando sta in piedi sento un dolore a metà schiena davvero invalidante. Non so ancora quale sia la diagnosi ma l’ortopedico per ora mi ha prescritto un rx in toto da cui si evince una rettilineazzazione antalgica della lordosi cervicale e lombare, varie discopatie con osteofitosi artrosica ecc.. Chiedo quindi se non può essere la perdita della normale curva in ambito cervicale e lombare che causa il dolore a metà schiena. Come a dire… se la coperta é corta…

      Rispondi
      • Marcello Chiapponi
        Marcello Chiapponi
        30 Aprile 2018 07:02

        è più probabile il contrario, cioè che il dolore causi il cambiamento di postura a livello della colonna. Infatti l’hanno chiamata “rettilineizzazione antalgica”….
        Molto spesso la causa del dolore a metà schiena è una eccessiva contrattura del diaframma…

        Rispondi
  • buongiorno dott. vorrei chiedere il suo parere sui miei sintomi. è da circa 4 mesi che ho dolore passeggero a collo braccia spalle e gambe, mai tutte insieme ma alternatamente, inoltre mi sento sempre parecchio stanco anche dopo aver dormito tanto.. dormo bene e non ho altri sintomi, hofatto gli esami del sangue e a parte il calcio un po al limite gli altri sono perfetti, ho fatto la valutazione posturale e come nel suo caso mi è stata riscontrata una rigidità della parte bassa delle colonna vertebrale, sto facendo esercizi posturali seguiti da una fisioterapista una volta la settimana e la situazione è piu o meno invariata dopo circa 5 settimane di terapia, volevo sapere se pensa che sia solo un problema posturale legato alla tensione muscolare o puo esserci altro .. grazie in anticipo

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      16 Maggio 2018 17:33

      Buongiorno Andrea. Il dolore diffuso non è quasi mai un problema posturale o meccanico. Se si associa stanchezza cronica, può pensare di fare una visita reumatologica, per valutare una eventuale fibromialgia..

      Rispondi
  • Salve dottore,il mio è un caso particolare,ogni 4- 5 anni accumulo tanto molto stress sopratutto a livello fisico gambe molli tensione dietro la testa che mi porta a vertigini e scarsissimo equilibrio,il problema è che mi hanno diagnosticato stati d’ansia e ciclotimia, ma secondo me nn è così,quando sto bene sostengo 9 ore di lavoro al giorno e 4-5 ore di tennis a settimana,ho 45 anni e questa situazione è molto invalidante, ho paura che esagero con le attività e poi succede tt ciò,,,, parecchi intorno a me sostengono che è un problema psicologico ma io sono convinto che il problema sia fisico,,, perché dopo 8-9 mesi migliora la situazione perché il mio fisico si riposa,,, nn so più cosa fare—-

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      1 Agosto 2018 11:32

      Ciao Mario, hai esposto benissimo la situazione ma non ho ben capito se e come posso aiutarti…

      Rispondi
  • Buongiorno dottore, sono una studentessa e in seguito ad una vita sedentaria e probabilmente posture scorrette, sto avvertendo una tensione muscolare alle gambe in particolare, in posizione ortostatica non riesco a stare molto perché diventano pesanti e ho bisogno di sedermi. L’ortopedico ha rilevato contrattura paravertebrale e perdita della lordosi cervicale e un atteggiamento da iperlordosi , mi ha consigliato ginnastica posturale. Secondo lei cosa potrei fare? Sto prendendo un miorilassante ma per adesso non sto trovando benefici. Potrebbe esserci un problema a livello lombare?

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      14 Agosto 2018 10:16

      Buongiorno Roberta. Potrebbe esserci un problema lombare ma dato che ha già ricevuto delle indicazioni dall’ortopedico, seguire quelle è comunque la prima cosa da fare…

      Rispondi
  • Buongiorno da febbraio ho un dolore forte al gluteo sx che si irradia su tutto il nervo sciatico. Il problema si pone in modo violento dopo che ho dormito e cerco di alzarmi o girarmi nel letto come se durante la notte avessi compresso qualcosa. Nel fare movimento il dolore diminuisce sensibilmente per tornare se mi siedo e/o al mattino successivo. Ho fatto risonanza magnetica lombare e ell’anca non sono state riscontrate ernie ma infiammazione forte all’anca dx (ma a me fa male la parte sx) ho fatto anche una elettromiografia che non ha riscontrato problemi se non una blanda anomalia nell’espandersi gli stimoli elettrici verso la zona dorsale e cervicale (A breve farò anche una rx cervice dorsale).
    Ho sempre fatto molto sport e non ho mai avuto problemi. La sensazione che ho é come se mi si spezzare il muscolo del gluteo sx (i medici hanno anche escluso la sindrome del piriforme). Non so più cosa fare non riesco nemmeno ad andare in palestra in quanto una serie di movimenti mi crea un dolore lancinante. Ho letto in questi post che lo stress gioca un ruolo importante. Potrebbe essere davvero il.mio caso? Il.lavoro che svolgo è di grande responsabilità e tensione continua e purtroppo sto seduta per la maggior parte del tempo e anche la situazione personale è fonte di stress continuo da 1 anno. Mi sembra incredibile che possa essere vero.

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      25 Agosto 2018 07:57

      Buongiorno Linda. In genere i problemi “da stress” non hanno una manifestazione così locale e precisa come questa, quindi mi verrebbe da dirle di cercare di approfondire la diagnosi.. dal punto di vista uro ginecologico come va?

      Rispondi
      • Ho con ina certa frequenza episodi di cistite e nella RM ell’anca che ho fatto si segnalano curiosità venire periuterine a configurare possibili fenomeni di varicocele pelvico. Il mio ginecologo però non ha dato molto peso a questa cosa. Ho letto su questo sito anche la parte che riguarda i problemi all’anca e tutto ciò che riguarda la borsite e l’ileopsoas mi ha colpito molto xké mi sembra che si adatti al mio caso. Ma poi mi sono detta che con la RM l’avrebbero visto.

        Rispondi
        • Scusi ma il cellulare ha riportato parole errate…
          Non curiosità ma varicosità venire periuterine

          Rispondi
        • Marcello Chiapponi
          Marcello Chiapponi
          30 Agosto 2018 07:57

          Linda, la cosa migliore da fare è lavorare sui muscoli: non è detto che con la rmn si veda tutto, assolutamente. Se non c’è riscontro può prendere in considerazione il problema pelvico..

          Rispondi
  • Buonasera dottore, è da un anno che soffro di dolori muscolari diffusi in particolare avverto una certa rigidità ai muscoli del collo e delle gambe. Sono sempre stanca, soffro di mal di testa e faccio fatica a concentrarmi. Non faccio sport e ho una vita molto sedentaria. La scorsa primavera ho avuto un forte mal di testa ,facevo fatica a masticare, dolori agli arti superiori ed inferiori.Ho fatto i raggi per vedere se avevo problemi alla mandibola, ma non si sono riscontrati particolari problemi.Il dentista mi ha consigliato solo di utilizzare un bite. Volevo precisare che soffro mestruazioni abbondanti e anemia che sto curando con integratori di ferro. Sono soggetta spesso ad infiammazioni sia alle vie respiratorie , cistiti e afte vaginali. Ho frequenti risvegli notturni. Non mi sono sottoposta a risonanze , tac . sono andata dal reumatologo che ha riscontrato una tensione muscolare diffusa ed escluso malattie reumatiche. Ora sono in attesa di una visita fisiatrica. Sono preoccupata perchè faccio fatica a concentrami, mi sento stanca con testa confusa e collo sempre teso . prima di prendere farmaci vorrei capire le cause del mio problema visto che sto progressivamente peggiorando.
    Cordiali saluti

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      30 Agosto 2018 07:51

      Buongiorno Laura. Ovviamente il consiglio è quello di rimanere con quanto le dicono i medici.Al di là di questo, è probabile che le cause siano le stesse descritte nell’articolo. Con un minimo incremento dell’attività fisica potrebbe già vedere differenze significative..

      Rispondi
  • Ciao. Intanto premetto che in questo ultimo periodo ti ho letto molto….ma sinceramente sono talmente confuso che non so che fare e mi ritrovo a scrivere qui…tutto è iniziato a metà maggio durante un mio viaggio di piacere a napoli…ho fatto un bagno al mare molto freddo e uno in piscina sempre freddo..
    Fino a quel momento avevo sempre dolori alla schiena altezza sotto scapola destra che andavano e venivano da un anno…
    Anno molto stressante. Dopo questo viaggio mi si gonfia la mascella sotto orecchio e vado dal medico..mi dice che ho le placche e che devo fare antibiotico…da qui inizia il mio calvario. Dolore alla schiena scompare e compare forte tensione a volte dolore simile a bruciore inizialmente lato destro anche dietro nuca poi tutto si sposta lato sinistro su collo altezza pomo di Adamo e clavicola. Il mio medico, dopo avermi fatto fare tampone mi manda da otorino che non trova nulla ma mi fa fare per sicurezza ecografia collo lato destro. Anche qui nulla. Il mio medico a questo punto si convince sia cervicale quindi mi fa fare rx e mi manda da fisiatra. La ex trova una verticalizzazione cervicale ma la fisiatra trova solo i muscoli sottoclavicolari contratti fortemente e mi da 10 massoterapie…torno dal mio medico che delira totalmente e in pratica mi ridà tutto da capo parlando ora di ortopedico. Io sono un po’ ipocondriaco lo riconosco ma sono anche molto razionale. Le cose che mi hanno preoccupato di più sono uno strana sensazione di nodo in gola e a volte un dolore interno anche se non intendo altezza collo pomo Adamo. Nell’insieme sto bene ma facendo un lavoro molto stressante e al PC e accumulo molto non so sinceramente più che pesci prendere. Volevo sapere gentilmente cosa ne pensi te ringraziandoti in anticipo.

    Rispondi
    • Volevo aggiungere che da lunedì scorso ho iniziato la massoterapia da una tua collega. Grazie

      Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      11 Settembre 2018 06:56

      Ciao Gianluca. Se non ti hanno trovato nulla con tampone ed eco, puoi stare tranquillo. Le manifestazioni di quel tipo in genere non sono legate a problemi scheletrici (ortopedico o fisiatra cambia poco, il “succo” è che spesso non è il collo il problema). Non di rado la sensazione di nodo in gola è una manifestazione di ansia / depressione, e volendo ci sta con il racconto che mi hai fatto..

      Rispondi
  • Ciao Marcello è da un po’ di tempo che i miei muscoli del collo spalle e nuca si irrigidiscono senza motivo portandomi disturbi molto fastidiosi. Rossore calore cronico al viso pesantezza alla testa come se aumentasse la pressione endocranica, sento il collo stringersi, serro la mascella e l,apice della testa si surriscalda. Non ce la faccio più. Possono essere le cervicali ha darmi tutti questi fastidi? Vorrei farmi visitare nel vostro centro ma abito a Catania. Dammi qualche consiglio per piacere

    Rispondi
    • Marcello Chiapponi
      Marcello Chiapponi
      25 Settembre 2018 14:35

      Buongiorno Antonio. Quando alla tensione dei muscoli si associano sintomi di quel tipo spesso la causa è appunto uno stato di stress cronico. inizia seguendo i consigli dell’articolo

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu