Vuoi un piano di lavoro ancora più completo e mirato? Scopri la mia video guida!
Clicca QUI!

Stretching della schiena: 5 esercizi per farlo in modo super efficace

Quando si parla di mal di schiena, una delle terapie più adottate (anche se non ancora abbastanza, a mio avviso) è la rieducazione tramite esercizio specifico.

L’esercizio terapeutico è sicuramente la terapia che ad oggi fornisce le migliori garanzie di benessere nel medio/lungo periodo, come dimostrano numerosi studi.

Tra le varie proposte, la tipologia di esercizio più diffusa è sicuramente lo stretching, che tutto sommato rappresenta la base di molte discipline.

In questo articolo vedremo:

  • se davvero lo stretching può essere utile a migliorare il tuo mal di schiena
  • se è l’unica cosa da fare o ce ne sono altre
  • quali sono gli esercizi più efficaci

Alla fine di questo articolo, avrai già un ottimo “piano di attacco” per migliorare rapidamente il tuo mal di schiena, anche se questo fosse legato ad una discopatia L4-L5 o L5-S1 oppure ad una ernia al disco.

Diamo per scontato le solite raccomandazioni (prima dal medico se non l’hai mai fatto + “i miracoli non esistono, si può migliorare passo dopo passo”) e partiamo!


Indice dell’articolo

Lo stretching aiuta il mal di schiena?

Perchè lo stretching può essere utile a migliorare il dolore lombare

Non c’è solo lo stretching

Come capire se lo stretching può esserti utile

Stretching per il mal di schiena: gli esercizi più efficaci

Altri suggerimenti per il tuo mal di schiena

Conclusioni


Lo stretching aiuta il mal di schiena?

non dirmi che non ci riesci….

 

Non c’è bisogno di tirare in ballo complesse revisioni di studi scientifici (che pure esistono) per capire che, almeno in linea generale, gli esercizi di stretching sono un buon aiuto per il mal di schiena.

Moltissime discipline storicamente utilizzate per migliorare i dolori lombari, come ad esempio il Mezières, sono basate proprio su esercizi di stretching.

In più, migliaia di fisioterapisti basano la loro pratica quotidiana su trattamenti che mirano a rilassare i muscoli (come il famoso trattamento dei Trigger Points): lo stesso intento che si cerca di perseguire con lo stretching.

Insomma, quella di allentare la tensione dei nostri muscoli tramite allungamenti specifici è sicuramente una buona idea, per una larga maggioranza di persone.

 

Perchè lo stretching può essere utile a migliorare il dolore lombare

Una larga fetta della popolazione ha problemi di eccessiva rigidità e tensione dei muscoli: vuoi perchè facciamo poco movimento, vuoi perchè ci arrabbiamo troppo, ma non c’è dubbio che sia così.

Se i nostri muscoli sono eccessivamente rigidi, le vertebre ne saranno felici?

No di certo.

Quando la muscolatura è troppo rigida, il movimento della nostra colonna è alterato, ed i carichi diventano mal distribuiti.

In questo modo si apre la porta ad una progressiva “usura” delle strutture vertebrali, che si può tradurre in:

  • formazione di protrusioni e discopatie
  • rottura del disco con conseguente ernia al disco
  • artrosi

Buone notizie: se la condizione dei tuoi muscoli migliora, puoi benissimo risolvere il dolore anche in presenza dei problemi sopra elencati.

Lo dico sempre, e lo faccio anche qui: non “romperti la testa” sul referto delle tue lastre o della tua risonanza.

Gran parte di ciò che riscontrano nelle lastre e nelle risonanze si ritrova anche nella popolazione SANA (senza mal di schiena), come puoi vedere da questa tabella.

 

 

Morale: discopatie, artrosi e protrusioni sono la normale evoluzione della colonna, e NON sono una condanna al mal di schiena.

 

Non c’è solo lo stretching

Senza ombra di dubbio, c’è una fetta di popolazione in cui lo stretching non basta, e addirittura c’è una piccola parte in cui questo può essere dannoso.

Ci sono infatti persone le quali, per loro caratteristica genetica, hanno già una estrema mobilità, che si definisce lassità legamentosa.

In questo caso avremo il problema contrario: non poca mobilità, ma poca stabilità!

Si tratta comunque di una minoranza di persone: se vi appartieni, ne sei sicuramente a conoscenza, dato che è impossibile non accorgersene.

Dicevo che per molti lo stretching non basta: infatti spesso non abbiamo soltanto il problema della rigidità dei muscoli, ma anche quello del loro indebolimento.

La debolezza muscolare non migliora con gli esercizi di allungamento, ma necessita di una serie di esercizi mirati.

Ecco che la combinazione “esercizi di stretching + esercizi di rinforzo” garantisce sicuramente i migliori risultati.

Ho illustrato alcuni efficaci esercizi di rinforzo in questo video preso dal mio canale Youtube (iscriviti!).

Nel video parlo degli esercizi come “riscaldamento” per l’attività fisica, ma si possono utilizzare benissimo come “terapia” a sè stante.

[video_player type=”youtube” style=”1″ dimensions=”560×315″ width=”560″ height=”315″ align=”center” margin_top=”0″ margin_bottom=”20″ ipad_color=”black”]aHR0cHM6Ly95b3V0dS5iZS8yMkowcm5XSW9lTQ==[/video_player]

 

Come capire se lo stretching può esserti utile

Sono un super-fan dei metodi empirici, del tipo “provaci e vedi come va”.

Può sembrare poco scientifico, ed invece lo è molto di più di alcune complesse valutazioni che a volte si fanno,  che poi vengono smentite alla prova “sul campo”.

Quando si parla di mal di schiena, le variabili in gioco sono talmente tante che è impossibile tenere conto di tutte.

Date le scarse controindicazioni, la strada migliore è sicuramente:

  • provare gli esercizi che troverai tra poco, per almeno 20 giorni
  • capire le sensazioni che ti danno mentre li fai ed immediatamente dopo
  • constatare dopo 20 giorni se ti sono stati utili o meno
  • interrompere se vedi un incremento del dolore

Logicamente, la valutazione mirata di un professionista è un’ottima scelta, dato che dovrebbe essere in grado di indicarti gli esercizi più adatti al tuo caso.

In linea di massima, possiamo avere beneficio dallo stretching quando:

  • hai un dolore che non è insorto di recente (1-2 mesi)
  • il tuo dolore peggiora al mattino
  • hai difficoltà nel mantenere una posizione a lungo

Si tratta però di linee molto generali: a meno che tu non sia già una persona iper-mobile, un tentativo andrebbe fatto comunque.

 

Stretching per il mal di schiena: gli esercizi più efficaci

Ora andremo a vedere alcuni efficaci esercizi di stretching che possono aiutarti a migliorare il tuo mal di schiena.

Si tratta di esercizi generici, ma che rientrano quasi sempre nelle routine che utilizzo con i miei pazienti, data la loro efficacia.

Se poi vorrai un piano più mirato, ti consiglio sicuramente la mia guida “Mal di schiena passo dopo passo”.

Per questa guida ho creato una procedura molto semplice, che ti permette di trovare le tecniche e gli esercizi più adatti al tuo caso, a seconda delle caratteristiche del tuo problema.

Grazie ad una serie di test di auto-valutazione, potrai facilmente capire cosa sia meglio fare, e come progredire man mano che la tua situazione migliora.

Puoi scaricare una DEMO GRATUITA di “Mal di schiena passo dopo passo” cliccando sull’immagine qui sotto!

 

Quali muscoli andremo a lavorare

I muscoli che andremo a “stretchare” sono:

  • gli ischio crurali. Muscoli posteriori della coscia, lavorano sul bacino tirandolo indietro
  • il retto femorale. Muscolo anteriore della coscia, agisce sul bacino tirandolo avanti
  • lo psoas. Situato anteriormente sulla colonna, è uno dei maggiori “attori” in scena
  • i muscoli paravertebrali, che naturalmente sono sempre coinvolti

Il mio consiglio è quello di eseguire gli esercizi tutti i giorni: ripetere un gesto quotidianamente aiuta a formare una abitudine.

Quando si parla di mal di schiena, la formazione di una buona abitudine è la vera “arma vincente” nel lungo periodo.

 

Esercizio #1: allungamento degli ischio-crurali

 

Esercizio #2: allungamento del retto femorale

Esercizio #3: allungamento dello psoas

Esercizio #4: allungamento dei paravertebrali in flessione laterale

Esercizio #5: allungamento globale

Altri suggerimenti per il tuo mal di schiena

Se soffri di mal di schiena in zona lombare, puoi aver sentito in giro TONNELLATE di consigli.

Molti di questi possono essere sicuramente validi, e sono oramai parte del “bagaglio culturale” di tutti, quasi come il “non uscire d’estate nelle ore più calde”.

Sto parlando di:

Il consiglio migliore che mi sento di darti è però questo: cerca di lavorare ATTIVAMENTE sul tuo mal di schiena, ad esempio con gli esercizi che hai visto in questo articolo.

È molto più efficace cercare di “potenziare” la propria struttura, piuttosto che sforzarsi di evitare tutte le possibili fonti di “pericolo”.

Se la tua colonna è in buone condizioni muscolari, vedrai che non dovrai limitare più di tanto le tue attività.

Gli esercizi che abbiamo visto sono una ottima base di partenza. Se ti interessa qualcosa di più mirato puoi:

Inutile dire quanto ritenga la mia guida un ottimo strumento per portare la tua schiena nelle migliori condizioni possibili.

Scarica la DEMO GRATUITA cliccando sull’immagine qui sotto!

 

Conclusione

Lo stretching è sicuramente un ottimo modo di prendersi cura della propria schiena: non è l’unico, ma è di certo una ottima base dalla quale partire.

Un buon piano di esercizi composto da “allungamenti + rinforzi” è ad oggi la terapia che ci garantisce i maggiori successi sul lungo termine.

Non pensare che un qualsiasi terapista (io in primis, ovviamente) possa “cambiare l’assetto” della tua schiena con qualche manipolazione: ti potrà sicuramente aiutare, ma nessuno può cambiare “ a mano” il modo in cui ti muovi, e meno male!

Soltanto con lo stimolo costante degli esercizi puoi pensare a dei veri risultati nel lungo periodo, quindi….BUON LAVORO!

Se hai qualche domanda, puoi scrivere nei commenti o mandarmi una mail dalla pagina contatti!

, , ,
Articolo precedente
5 esercizi e consigli per ridurre la tua sacroileite
Articolo successivo
CROSTATA DI GRANO SARACENO E MIRTILLI: ricetta e proprietà nutrizionali

Post correlati

1 Commento. Nuovo commento

  • Molto molto interessante. Eseguo regolarmente esercizi da anni, ultimamente con Pilates. Ho consultato questo sito a causa di bruciori notturni improvvisi alla schiena. Ho guardato i video, le spiegazioni chiarissime delle esecuzioni. Grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu