CIFOSI CERVICALE: cosa fare se il tuo collo si è “girato al contrario”

La storia è bene o male sempre la stessa: hai disturbi cervicali da un po’ di tempo, e nel cercare di capire meglio la situazione, hai fatto una lastra o una risonanza magnetica.

Curiosando (inevitabimente) il referto, potresti aver letto una serie di termini poco comprensibili come “tendenza all’inversione della curvatura cervicale”, oppure “tendenza alla cifosi cervicale”, o ancora “cifosi cervicale con fulcro in C5 o C4”, o una serie di termini analoghi in cui siano ricorrenti le parole “cifosi cervicale“.

In questo articolo ti parlerò proprio di questo genere di situazioni: vedremo insieme che cosa sia una cifosi cervicale, quali siano le cause e naturalmente quali sono i rimedi.

Alla fine dell’articolo, avrai capito meglio il problema (evitando di sviluppare preoccupazioni non necessarie) ed avrai un piano per iniziare a migliorare la situazione da subito.

Naturalmente, le prime indicazioni da seguire sono quelle del tuo medico: i consigli e gli esercizi che ti illustrerò sono utili complementi.

 

PS: la strategia e gli esercizi che vedrai illustrati sono presi dalla mia guida Cervicale STOP!.

Se al di là delle indicazioni generali di questo articolo ti interessa un “piano di azione” mirato e personalizzabile per migliorare il tuo disturbo cervicale, Cervicale STOP! fa al caso tuo.

Scarica la DEMO GRATUITA cliccando sull’immagine qui sotto!

Rimedi cifosi cervicale

 


Indice: cosa troverai in questo articolo sulla cifosi cervicale

Cosa vuol dire avere la “tendenza alla cifosi cervicale” o una cifosi cervicale vera e propria

Che problemi e che sintomi ti può portare la cifosi cervicale

Come hai fatto a sviluppare il problema: perchè le tue vertebre hanno perso il loro allineamento?

Come rimediare: esercizi posturali per la cifosi cervicale

Conclusione


Cosa vuol dire avere la “tendenza alla cifosi cervicale”, o una cifosi cervicale vera e propria

Quando guardi la lastra di un collo “normale” di profilo, dovresti vedere una leggera curvatura in avanti: questa curvatura si chiama lordosi cervicale.

 

La lordosi cervicale è la curvatura “normale” (uso sempre le virgolette, perchè in realtà le variabili da un individuo all’altro sono tantissime): si può avercela più o meno accentuata, ma questa è la forma diciamo “ideale”.

In alcune persone, questa curva è cosi poco accentuata da sembrare una linea dritta: in questo caso si parla di rettilineizzazione del tratto cervicale, o di perdita della fisiologica lordosi.

 

 

Per altre persone invece, la curva è addirittura girata al contrario, ovvero le vertebre tendono ad essere più “all’indietro” rispetto che “in avanti”: in questo caso si parla proprio di cifosi cervicale.

 

 

Quando la cifosi è appena accennata, spesso i radiologi utilizzano il termine “tendenza alla cifosi cervicale”, per indicare che la “curvatura al contrario” è minima.

Ecco qua, questo è in due parole il problema: se hai la cifosi cervicale, significa che la postura e l’assetto delle tue vertebre sono al contrario rispetto a quanto si riscontra di solito.

E com’è potuto accadere questo?

Ma soprattutto….che problemi può portare?

Continua a leggere per scoprirlo: le informazioni che leggerai tra poco sono molto importanti, eppure sono spesso ignorate anche da moltissimi operatori del settore (nonostante tonnellate di studi a riguardo).

 

Che problemi e che sintomi ti può portare la cifosi cervicale

Dicevamo: che problemi può portare la cifosi cervicale? Quali sono i sintomi che ci fanno capire, o che ci ricordano, di avere questo problema?

In realtà, la cifosi cervicale in sè non porta nessun problema e nessun sintomo.

Esatto, hai letto giusto: la cifosi è “soltanto” un atteggiamento posturale che le tue vertebre hanno preso per qualche motivo (tra poco cercheremo di capire quale).

Il fatto che le vertebre siano in quella posizione non comporta necessariamente che si debba avere dolore o altri sintomi: in tantissimi studi, tra cui questo del 2006, si è visto come tra curvatura del collo e sintomi non ci sia nessuna associazione.

Detto in parole povere, tantissime persone hanno una cifosi cervicale e non lo sanno nemmeno.

Questo concetto è molto importante perchè fa capire un concetto fondamentale: anche in presenza di cifosi cervicale si può stare bene ed essere senza sintomi.

Mentre è raro che una persona abbia un osso rotto senza saperlo, questi “problemi posturali” hanno margini di tolleranza altissimi, grazie alle risorse dell’organismo.

Detto questo: è ovvio che se il tuo collo si è girato al contrario, qualche cosa che non va c’è sicuramente.

Quello che mi premeva sottolineare è che non è necessario avere un assetto perfetto per stare bene, perchè di fatto nessuno lo ha.

Ora cerchiamo di capire cosa sia questo “qualcosa che non va”, in modo da capire meglio come mai avverti i sintomi (se non avvertissi alcun sintomo, non avresti fatto accertamenti, del resto).

Anche se come abbiamo visto i sintomi non sono provocati dalla cifosi, molto spesso le persone con tendenza alla cifosi cervicale avvertono:

Da che cosa sono provocati questi sintomi, che non sono altro che i classici sintomi del disturbo cervicale ?

 

Come hai fatto a sviluppare il problema: perchè le tue vertebre hanno perso il loro allineamento?

stavo solo simulando…

 

Cerchiamo di capire come hai fatto a sviluppare il problema, così ti sarà più chiaro il perchè cercheremo di risolverlo in un determinato modo.

Un primo motivo per cui il tuo collo potrebbe aver perso la sua curvatura, e assunto quella opposta, potrebbe essere semplicemente “genetico”.

Ci sono una serie di persone che anche da adolescenti presentano curvature della colonna parecchio anomale: la più famosa “anomalia” è sicuramente la scoliosi, ma anche le “anomalie cervicali” non sono così rare.

Ma nella maggior parte dei casi, la perdita della lordosi e l’instaurarsi della cifosi sono problemi legati alla forte contrattura e alla forte debolezza dei muscoli cervicali.

È lo stato di rigidità e debolezza della muscolatura cervicale a determinare la postura delle vertebre, non il contrario.

Di conseguenza, se hai sviluppato una tendenza alla cifosi cervicale, è sicuro che i tuoi muscoli cervicali siano eccessivamente contratti ed eccessivamente deboli.

I muscoli cervicali hanno un sacco di ottimi motivi per essere eccessivamente contratti e deboli, ad esempio:

I responsabili dei sintomi che avverti sono quindi il prolungato stato di contrattura muscolare e la conseguente infiammazione delle strutture cervicali.

Questo prolungato stato di contrattura e debolezza ha generato ANCHE il cambiamento di postura, ovvero la cifosi cervicale.

Come avrai capito, la cifosi cervicale è più una CONSEGUENZA che una CAUSA.

La vera CAUSA è lo stato di contrattura, debolezza ed infiammazione della muscolatura cervicale.

 

Come rimediare: esercizi posturali specifici per la cifosi cervicale

Ora che abbiamo capito che la cifosi cervicale è “solo” una conseguenza di problemi muscolari, cosa dobbiamo fare?

Semplice, dobbiamo “solo” fare in modo che i muscoli siano meno contratti, più forti e più efficienti.

Questo ci permetterà di migliorare i nostri sintomi? Assolutamente si.

Il nostro collo cambierà radicalmente la sua posizione, assumendo una curvatura “normale”? È tutto da vedere, dipende da molti fattori.

Secondo un recente studio, gli esercizi mirati (come quelli che vedrai tra poco) sono efficaci nel modificare a medio termine l’atteggiamento posturale cervicale.

La curvatura può quindi migliorare, ma ancora una volta mi preme sottolineare che questo non sia strettamente necessario per stare bene.

Applicandoti con costanza negli esercizi, noterai benefici ben prima che il tuo collo abbia modificato la sua postura.

 

Premessa importante agli esercizi mirati

La “premessa delle premesse” l’ho già fatta, e cioè che a monte di tutto bisogna sentire il parere del proprio medico sul da farsi.

La premessa “standard” è questa: tra poco vedrai una serie di esercizi specificamente indirizzati per migliorare lo stato di contrattura e debolezza dei muscoli cervicali, in persone con la tendenza alla cifosi cervicale.

Ma come hai visto poco fa, lo stato di contrattura e debolezza cervicale può essere correlato a vari fattori, come ad esempio lo stress emotivo.

Se oltre agli esercizi “base” di questo articolo, ti va di elaborare un preciso e personalizzato “piano di attacco”, prova la mia guida Cervicale STOP!, che ti darà tutte le indicazioni su come personalizzare il tuo piano.

Scarica la DEMO GRATUITA cliccando sull’immagine qui sotto!

Rimedi cifosi cervicale

Esercizio #1: contrazioni isometriche dei muscoli cervicali

Quello del video qui sotto è proprio l’esercizio che è stato visto come maggiormente efficace nel migliorare a medio termine la curvatura cervicale.

Non creare troppo sforzo muscolare soprattutto all’inizio, e non ti preoccupare se le prime volte senti il lavoro maggiormente sulle braccia.

 

Esercizio #2: sollevamento della testa

Questo esercizio mette in notevole difficoltà chiunque abbia i muscoli del collo deboli (e se hai tendenza alla cifosi cervicale, molto probabilmente sarà così).

La raccomandazione qui, a maggior ragione, è quella di utilizzare moltissima cautela, e tenere il lavoro dei muscoli cervicali al minimo.

Le prime volte può sembrare comunque di “irrigidire” i muscoli: non preoccuparti, questa sensazione è assolutamente normale.

Quando i muscoli sono molto deboli, è normale che si irrigidiscano quando gli viene chiesto un lavoro specifico.

Procedendo con calma e gradualità, vedrai che i muscoli si rinforzeranno ed avrai sempre meno problemi

 

Esercizio #3: allungamento del trapezio

I precedenti due esercizi lavorano sulla debolezza muscolare, che è una delle problematiche più importanti in questi casi.

Questo esercizio lavora invece sullo stato di tensione e contrattura di uno dei principali muscoli cervicali, ovvero il trapezio.

Anche qui, utilizza molta cautela, soprattutto le prime volte.

 

Come e quando eseguire gli esercizi

In ogni video è indicato un numero di ripetizioni e serie, che rappresenta uno “standard” di esecuzione degli esercizi.

Puoi fare tutti e tre gli esercizi tutti i giorni, oppure solo uno al giorno.

La tecnica “un esercizio al giorno” è particolarmente utile se:

  • sei una persona un po’ pigra ed incostante. In tal caso ti è richiesto talmente tanto poco tempo che sarebbe disonorevole non trovare nemmeno quello
  • il tuo collo è particolarmente delicato ed affaticabile. Facendo solo un esercizio al giorno non sovraccaricherai le strutture e darai loro il tempo di riposare

Ripetere almeno un esercizio al giorno è però importante per formare l’abitudine.

Quando si hanno problemi cronici, come questo, si devono “opporre” stimoli positivi cronici, ovvero costanti.

Nessuno può “girarti il collo”, modellandolo come si fa con un pezzo di metallo scaldato.

Non c’è manipolazione o trattamento che tenga, se non per alleviare temporaneamente i sintomi.

Se vuoi un miglioramento nel medio e lungo periodo, la strada della rieducazione è quella che ti garantisce il maggior successo.

 

Conclusione

Come hai visto, quello della cifosi cervicale è un problema che va interpretato correttamente.

Se sei arrivato fino a qui, dovresti aver capito che non devi sviluppare preoccupazioni eccessive sulla curvatura del tuo collo, perchè non è quella la vera causa dei sintomi.

Il tuo obbiettivo deve essere quello di migliorare lo stato dei tuoi muscoli: con muscoli meno contratti e meno deboli, è praticamente garantito che avrai meno sintomi.

In questo articolo hai trovato 3 semplici esercizi che ti potranno aiutare da subito a raggiungere questo obbiettivo: se vuoi un piano ancora più preciso, prova a dare un’occhiata alla DEMO GRATUITA di Cervicale STOP!

Non mi resta che augurarti…buon lavoro!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri come migliorare il tuo dolore cervicale, riducendo il mal di testa, le vertigini e gli sbandamenti.

Tutti i dettagli sui sintomi e sulle migliori strategie per ridurre al massimo il dolore cervicale

Marcello Chiapponi

Ciao, sono Marcello Chiapponi, fisioterapista e personal trainer, responsabile del sito.

Vuoi ricevere consigli gratuiti mirati sul tuo caso? Fai il TEST!