Dolore all'anca: la guida completa

Se soffri di dolori nella zona dell’anca (parte laterale della coscia, gluteo, inguine, gamba), questo articolo fa decisamente al caso tuo, quindi continua a leggere.

Il dolore all’anca è dovuto ad una serie di condizioni che si possono manifestare fuori dall’articolazione, come ad esempio l’infiammazione dei tendini o la borsite, oppure a degli stati di usura dentro l’articolazione, comunemente chiamati artrosi.

Ma non corriamo troppo: ti spiegherò tutto in modo sintetico ma preciso ed efficace.

Per ogni problematica dell’anca troverai anche un articolo di approfondimento, nel caso tu volessi maggiori informazioni su quella situazione specifica.

Scoprirai che i problemi all’anca possono essere molto diversi, ma che convergono sempre su soluzioni molto simili.

Come vedrai, una delle principali soluzioni per i dolori all’anca è la rieducazione dei muscoli, che è la vera soluzione a medio e lungo termine.

A tal proposito, ti invito da subito a provare la mia metodologia di rieducazione, attraverso il mio corso online “Soluzioni per l’anca”.

Puoi accedere alle lezioni di PROVA GRATUITA compilando il modulo qui sotto!

Che cos’è l’articolazione dell’anca e dove si trova (un cenno veloce).

L’articolazione dell’anca è il “punto di incontro” tra le ossa del bacino e le ossa dell’arto inferiore.

Più precisamente, è il punto di incontro tra una parte del bacino chiamata “acetabolo” (una sorta di “buco”) e la testa del femore (che è una sorta di “palla”).

Si tratta di una articolazione che può fare molti movimenti, a differenza ad esempio del ginocchio, che può fare solo flessione ed estensione.

Come in tutte le articolazioni, le ossa sono “tenute insieme” da una serie di legamenti, e sono mosse da una serie di muscoli.

Essendo una articolazione sempre sotto carico, ed essendo la “vicina di casa” della colonna lombare (la nostra struttura che più facilmente sviluppa problemi), l’articolazione dell’anca è particolarmente soggetta a usure e infiammazioni, e di conseguenza ai dolori.

Cerchiamo di scoprirli meglio!

 

 

I sintomi: dove si manifestano i problemi dell’anca

Come vedremo tra poco, a livello dell’anca si possono verificare problemi anche molto diversi tra loro, ma i sintomi sono spesso simili e sovrapponibili.

I problemi dell’anca sono caratterizzati principalmente dal dolore e dalla difficoltà nei movimenti.

Quando c’è un qualsiasi problema a livello dell’anca, il dolore si può manifestare:

  • nella parte anteriore, ovvero alla radice della coscia
  • nella parte laterale alta della coscia
  • posteriormente, a livello del gluteo
  • sempre posteriormente ma più in alto, quasi a livello della colonna
  • in zona inguine
  • in tutta la parte interna della coscia

Succede spesso che questo dolore tenda ad irradiarsi:

  • in tutta la porzione anteriore della gamba
  • nella parte bassa dell’addome 

Come vedi, i dolori dell’anca possono avere localizzazioni molto diverse, e questo rende spesso difficile la diagnosi.

Qualche tempo fa mi è capitato di vedere una persona alla quale per un anno era stato detto che il suo problema era la colonna lombare, dato che gli faceva male la zona del gluteo.

Appena l’ho valutato, mi sono reso conto facilmente che in realtà il problema era l’anca, data la limitazione di movimento evidente che aveva.

Il sintomo “rigidità e limitazione” dei movimenti non è sempre presente, ma quando lo è i movimenti più limitati sono:

  • le rotazioni
  • la flessione

Non a caso, molte persone si accorgono di iniziare ad avere qualche problema quando fanno questi movimenti, che nella vita quotidiana facciamo in due tipiche situazioni:

  • accavallare le gambe
  • allacciarsi le scarpe
 
 

Le cause: da cosa sono provocati i dolori all’anca

I dolori all’anca sono causati da due tipi di problemi: quelli all’interno dell’articolazione (tipicamente l’artrosi) e quelli all’esterno (tipicamente i dolori di una zona chiamata “trocantere”).

Permettimi però di dire una cosa: le sindromi che vedremo tra poco in realtà non sono la vera causa dei problemi e dei dolori.

La vera causa è una sola ed è sempre la stessa, ovvero che…..

…. in qualche modo, per un tempo più o meno lungo o anche in questo momento, stai chiedendo alla tua articolazione più di quanto lei non possa darti.

Ecco perchè la rieducazione muscolare (come quella che propongo) è così efficace: è l’unico modo per distribuire bene i carichi e rinforzare le strutture.

Detto questo, abbiamo effettivamente una serie di sindromi che si possono manifestare quando stiamo chiedendo un po’ troppo alla nostra anca: vediamoli!

 

 

Problemi interni all’articolazione

Il principale problema interno all’articolazione è il consumo eccessivo della cartilagine, comunemente chiamato artrosi.

Si tratta di una situazione molto comune, e se il consumo della cartilagine è eccessivo richiede un intervento chirurgico, la famosa protesi d’anca.

Attenzione però che anche in questo caso la rieducazione muscolare è assolutamente indispensabile, anzi forse è il caso in cui è più importante in assoluto.

Un buon lavoro di rieducazione dei muscoli può infatti:

  • aiutare te ed il tuo medico a capire se è davvero un caso da operare
  • fare l’intervento soltanto al momento opportuno
  • rendere il post intervento liscio come l’olio

Anche in caso tu sappia di avere una artrosi, non posso non consigliarti il mio metodo di rieducazione dell’anca, che puoi provare attraverso il mio corso online “Soluzioni per l’anca” (link alla prova gratuita QUI).

Il dolore da artrosi all’anca può essere in tutte le zone che ho elencato prima, mentre invece altri sintomi tipici sono:

  • dolore nel camminare
  • limitazione del movimento (piegare la gamba, allacciarsi le scarpe)

Un altro problema interno all’articolazione dell’anca è la necrosi della testa del femore.

Si tratta di una condizione abbastanza rara, simile all’artrosi ma ad insorgenza quasi improvvisa, che richiede terapie mediche.

 

 

Problemi esterni all’articolazione

I problemi esterni all’articolazione sono le infiammazioni dei tendini o di altre strutture.

La più comune infiammazione esterna dell’anca è la borsite trocanterica, a volte chiamata semplicemente “sindrome trocanterica” o “trocanterite”.

Si tratta dell’infiammazione delle strutture nella zona del trocantere, una sporgenza ossea alla quale si attaccano numerosi muscoli.

Altra infiammazione esterna estremamente famosa è la pubalgia, ovvero l’infiammazione dei muscoli adduttori, i principali muscoli dell’interno coscia.

Vale la pena di citare in questo contesto anche i problemi dello psoas, uno dei principali muscoli dell’anca.

L’infiammazione del tendine dello psoas è un’altra causa dei dolore all’anca, tipicamente nella parte alta e anteriore della coscia.

 

 

 

I rimedi: come risolvere i dolori all’anca

Come per tutte le problematiche muscolo scheletriche, anche per il dolore all’anca abbiamo 3 tipi di rimedi:

  • farmacologico (che però può solo togliere temporaneamente il dolore)
  • chirurgico (riservato solo ad alcuni casi)
  • rieducativo (il vero rimedio a medio-lungo termine)

Parlando di farmacologia, vale la pena in questo contesto citare soltanto le infiltrazioni, dato che i classici anti infiammatori per bocca fanno parte del primo approccio a qualsiasi tipo di dolore.

Le infiltrazioni più usate sono quelle di cortisone o altre sostanze anti infiammatorie, e sono particolarmente utilizzate nei dolori che abbiamo definito “esterni”, soprattutto quelli della zona del trocantere.

L’intervento chirurgico più utilizzato in assoluto è invece la protesi all’anca, ovvero la sostituzione completa dell’articolazione: è un intervento che si fa in casi di artrosi significativa, quando la cartilagine è molto consumata.

In questo articolo sulla protesi all’anca  ho spiegato quando l’operazione serve davvero e quando no.

Ma come per qualsiasi problema muscolo scheletrico, la soluzione principale è la rieducazione dei muscoli.

La rieducazione dei muscoli ti permette di:

  • migliorare la resistenza dei tessuti
  • aumentarne la vascolarizzazione
  • migliorare i movimenti e la postura

In ultima analisi, il dolore all’anca è un problema di tipo meccanico, ovvero originato dal movimento e dalla postura: è logico che l’azione risolutiva più efficace sia basata proprio sul movimento.

In molti dei video sul mio canale YouTube ho illustrato esercizi specifici presi dalla mia metodologia di rieducazione dei muscoli.

Dato che è sempre molto meglio seguire un percorso ordinato piuttosto che saltare di qua e di là, ti invito ancora ad iscriverti alla PROVA GRATUITA del mio corso online “Soluzioni per l’anca”, che contiene tutta la mia metodologia di esercizio.

Negli ultimi 5 anni, “Soluzioni per l’anca” ha aiutato più di 1000 persone, con i suoi protocolli ampiamente testati e precisi.

Iscriviti alla PROVA GRATUITA compilando il modulo qui sotto!