COLESTEROLO ALTO: PERCHÈ NON È SEMPRE COLPA DELLA DIETA

In questo articolo cercheremo di sfatare alcuni “falsi miti” legati all’impatto della dieta e dello stile di vita sui livelli di colesterolo nel sangue.

Per esempio quante uova a settimana si possono mangiare o quanta carne assumere per non rischiare di alzare troppo colesterolo e trigliceridi.

Ho già affrontato in un altro mio articolo (lo trovi QUI) le principali cause dell’ipercolesterolemia, ma in questo caso l’obiettivo è rispondere a quelle domande e dubbi che spesso frullano in testa dopo aver letto e sentito di tutto e di più sull’argomento.

Prima di iniziare: se ti va di rimanere in aggiornamento di ricevere consigli gratuiti sulla nutrizione corretta, iscriviti alle mie newsletter, ricche di consigli applicabili da subito.

Clicca sull’immagine qui sotto!

PERCHÉ IL COLESTEROLO ALTO FA PAURA

Tutti sappiamo che valori di colesterolo alto si correlano ad un elevato rischio di malattie cardio e cerebrovascolari.

Quando il valore del colesterolo totale supera i 200 mg/dl, peggio ancora se il valore delle LDL (ovvero di colesterolo “cattivo”) è elevato, subito ci allarmiamo!

Le LDL (lipoproteine a bassa densità) sono proteine specializzate nel trasporto del colesterolo dal fegato alla periferia. Se il loro valore supera il 130 mg/dl iniziano i guai!

Perché?

Semplice: queste proteine possono essere ossidate e in seguito riconosciute da particolari cellule del sistema immunitario (i macrofagi) che le “inglobano” nelle pareti dei vasi sanguigni ostacolando il flusso ematico. Se questo fenomeno si verifica nelle arterie coronariche fino al blocco della circolazione subentra l’infarto, se interessa le arterie cerebrali si rischia l’ictus.

Precisiamo subito una cosa: il valore del colesterolo TOTALE non serve a bel cavolo di niente!

Quello che conta infatti, è la quantità di colesterolo LDL e HDL e la loro relativa proporzione.

A tale proposito puoi utilizzare il cosiddetto INDICE DI RISCHIO per comprendere al meglio la tua situazione, ovvero un piccolo calcolo che ti riporto di seguito:

INDICE DI RISCHIO = COLESTEROLO TOT/COLESTEROLO HDL

Il valore che si ottiene deve essere inferiore a 4.5 nella donna e a 5 nell’uomo: in questo modo, al di là del colesterolo totale, avrai un’idea del tuo rischio cardiovascolare.

QUANTO LA DIETA INCIDE SUL COLESTEROLO

Sicuramente dieta e stile di vita sono importanti per tenere sotto controllo la tua colesterolemia, ma devi sapere che se questa è alta non è sempre e SOLO colpa di quello che mangi!

La dieta infatti, incide al massimo per il 20-30% sul valore di colesterolemia totale!

 

 

Tutto il resto dipende da molti altri fattori!

Il colesterolo viene infatti anche prodotto dal fegato, in risposta a diversi elementi, quali stress, genetica, livello di attività fisica, ecc.

In ogni caso, seguire un’alimentazione corretta è sempre indispensabile quando si parla di prevenzione di patologie cardio e cerebrovascolari.

In questo articolo ti illustro alcuni consigli alimentari (e non solo) che potresti seguire per tenere sotto controllo il tuo colesterolo.

Ma quanto colesterolo dovremmo assumere al massimo con la dieta ogni giorno, onde evitare brutte sorprese nelle analisi del sangue?

300 mg è la quantità massima di colesterolo che il nostro apparato gastroenterico è in grado di assorbire ogni giorno.

E se ne assumiamo di più che succede?

Un bel niente! Ovvero l’eccesso di colesterolo viene eliminato con le feci!

Non solo troppi grassi ma anche una dieta troppo ricca in carboidrati può favorire l’ipercolesterolemia: gli zuccheri in eccesso infatti, provocano picchi di insulina, ormone che favorisce la sintesi di colesterolo LDL.

Ecco perché non ha senso demonizzare la carne, le uova (tra un attimo parleremo nello specifico di questo alimento), i formaggi e molti altri alimenti in genere “famosi” per aumentare il colesterolo!

La dieta nel suo insieme può contribuire infatti a creare cambiamenti ormonali e metabolici che influenzano i valori di colesterolo totale, buono e cattivo.

Inutile preoccuparsi troppo dell’uno o dell’altro alimento, occorre rivedere per intero lo stile di vita se vogliamo tenere sotto controllo il colesterolo.

E LE UOVA? QUANTE SE NE POSSONO MANGIARE A SETTIMANA?

Dio solo sa quante volte mi è stata fatta questa domanda…!

Iniziamo con il dire che LE UOVA FANNO BENE, al di là di gusti e preferenze alimentari di vario tipo.

Le uova contengono TUTTI gli amminoacidi essenziali, ovvero i mattoni che servono al corpo per costruire le proteine, hanno un ottimo tenore di vitamine e micronutrienti, 0 zuccheri e solo il 7% di grassi.

I lipidi contenuti nelle uova sono principalmente acidi grassi mono- e polinsaturi, ovvero quelli che fanno bene alla salute e non hanno alcun impatto sulla colesterolemia!

Sempre più studi scientifici infatti, dimostrano che un consumo quotidiano di uova intere (tuorlo + albume), fino a 3-4 al giorno, non causa alcun aumento della colesterolemia!!!

Anzi, il consumo frequente di uova favorisce la formazione di colesterolo buono (HDL), oltre ad apportare buone dosi di carotenoidi, precursori della vitamina A e potenti antiossidanti.

Quindi alla domanda iniziale “quante uova si dovrebbero assumere a settimana” in realtà non esiste una risposta valida per tutti: tutto dipende dal fabbisogno individuale, dall’età, dall’attività fisica e da altri fattori.

Una cosa è certa però: le uova fanno bene, quindi evitarle per “paura del colesterolo” o per “paura di ingrassare” non ha alcun senso!

INTESTINO E COLESTEROLO: UNA RELAZIONE IMPORTANTE

La scienza ha ampiamente dimostrato che il tuo MICROBIOTA influenza i livelli di colesterolo, sia quello che deriva dalla dieta che quello prodotto nel corpo!

La dieta infatti, ha un forte impatto sul NUMERO e sulla TIPOLOGIA di batteri che colonizzano il tuo intestino.

 

Più che controllare in modo maniacale l’assunzione di cibi ricchi di colesterolo, dovresti fare più attenzione agli alimenti che possono favorire la proliferazione di particolari microrganismi nell’intestino.

Questo è uno dei modi migliori per ridurre/controllare colesterolo e trigliceridi nel sangue!

Come possono piccoli essere microscopici e invisibili ad occhio nudo aiutarci a controllare i grassi nel sangue???

 

I batteri intestinali utilizzano differenti e silenziosi meccanismi, molti peraltro sono ancora oggetto di studio, di seguito ti riporto comunque i più noti.

Via della TMAO

Alcuni batteri intestinali “staccano” da alcune sostanze come carnitina, lecitina, creatina presenti in alimenti come uova e carni, una piccola molecola, la trimetilammina (TMA).

È l’inizio di una serie di eventi potenzialmente pericolosi: il fegato converte infatti la TMA nella forma ossidata, la TMAO, che facilita la formazione delle placche aterosclerotiche e aumenta il rischio di infarto.

Ma se nel microbiota non sono presenti gli specifici batteri che staccano la TMA l’intera via si blocca!

Questo fa pensare che gli effetti di carne e uova siano molto diversi nelle persone con il microbiota “pericoloso” nell’intestino e in quelle, invece, con un microbiota “innocuo”.

Alcune specie batteriche limitano l’assorbimento del colesterolo nell’intestino

Alcuni microrganismo attirano e legano sulla loro superficie cellulare le molecole di colesterolo che trovano nell’intestino e ne facilitano l’eliminazione con le feci.

Colesterolo e sali biliari

Esistono ceppi probiotici specifici, come i bifidobatteri, in grado di rompere il legame tra il colesterolo e i sali biliari.

In questo modo, il colesterolo presente nel lume intestinale verrà riassorbito in minor misura.

Questo permette di controllare il meccanismo di riassorbimento del colesterolo e di poterlo ridurre di una certa quota, favorendone l’eliminazione con le feci, “costringendo” il fegato a rimpiazzarlo utilizzando il colesterolo che circola nel sangue.

Produzione di acido PROPIONICO

Alcuni microrganismi intestinali producono un’elevata quantità di ACIDO PROPIONICO, un acido grasso a corta catena che impedisce la formazione di ulteriore colesterolo.

CONCLUSIONI

Come avrai ormai notato, i fattori che influenzano i livelli ematici di colesterolo sono davvero tanti.

La dieta e lo stile di vita sono sicuramente importanti, ma se nonostante tutti gli sforzi in questo ambito, il tuo colesterolo non varia, la colpa non è legata solo a quello che mangi o alla scarsa attività fisica.

Prima di ricorrere all’uso di farmaci, oltre a gestire al meglio lo stile di vita, ti consiglio di tenere sotto controllo anche la funzionalità gastroenterica e il livello di stress quotidiano.

Questi ultimi 2 elementi infatti, possono influenzare molto anche la composizione del microbiota intestinale, elemento essenziale per controllare al meglio la colesterolemia.

Migliora il tuo stato di forma ed i tuoi sintomi tramite l’alimentazione: iscriviti gratuitamente alla mia newsletter

Per far conoscere il mio approccio e l’importanza di una buona nutrizione, ho preparato delle guide gratuite, da ricevere via mail.

A seconda dell’argomento che sceglierai,  riceverai subito una serie di consigli e tecniche mirate.

Clicca sull’immagine qui sotto per iscriverti alla mia newsletter!

 

Una risposta

  1. Grazie per questo articolo molto intesessante sul colesterolo alto…dalle mie parti ancora medici e farmacisti demonizzano uova,formaggi,carni rosse imputando a questi cibi responsabilita’ abnormi! Lei sostiene il contrario…mi piacerebbe sapere quali studi autorevoli posso sottoporre al’ attenzione dei medici..non aggiornati in merito a queste sue valutazioni sulla colesterolemia? In sostanza senza prove scientifiche ufficiali nessuno crede nessuno ascolta…e l’ ignoranza continua a dilagare! Ho molti amici medici e farmacisti..ma diccome non dono un dottore le cose che lei dice in cui personalmente credo senza un fondamento scientifico schiacciante sono pressoche’ inutili.E questo mi mortifica enormemente…poiche’ vedo un disinteresse verso la ricerca l’ aggirnamento del’informazione e questo e’ un gravissimo limite in ogni campo medico.Cordiali saluti Cinzia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

D.ssa Annalisa Caravaggi

Annalisa Caravaggi

Ciao, sono Annalisa Caravaggi, la nutrizionista di L'Altra Riabilitazione.it

Scopri il mio ebook su come migliorare il metabolismo

"Riaccendi il metabolismo seguendo i tuoi ormoni" è un ebook per trovare il tuo piano alimentare ideale a seconda della tua forma corporea, che è determinata dai tuoi ormoni.